/ La Repubblica Ceca invierą altri milioni di euro per la ricostruz...

La Repubblica Ceca invierą altri milioni di euro per la ricostruzione della Siria

 

La Repubblica ceca continuerą ad assistere la Siria nella ricostruzione del paese nei prossimi due anni. Fornirą cento milioni di corone, equivalenti a 3 milioni e 900 mila euro, per progetti umanitari e di sviluppo nel 2020 e nel 2021. Il governo deciderą su questo su suggerimento del ministro degli esteri Tomįš Pet?ķ?ek.


Come riferisce Novinky, rivista online del quotidiano ceco Právo, Dal 2016, la Repubblica ceca ha già stanziato 195 milioni di Corone ceche, equivalenti a 7 milioni e 600 mila euro, alla in Siria. Fino a maggio, 163 milioni di Corone sono stati utilizzate da questa somma.
 
Finora sono prevalsi gli scopi umanitari, con oltre 103 milioni e, aggiunge il media ceco, a poco a poco, le finanze si trasferiranno in progetti per ricostruire il paese e per aiutare il ritorno dei siriani che sono fuggiti dal paese verso la Giordania o il Libano.
"Attualmente, 13,1 milioni di siriani hanno bisogno di aiuto e 6,6 milioni sono sfollati internamente. Più di cinque milioni e mezzo di persone sono fuggite dal paese ", afferma il rapporto del MAE che il governo di Praga che ha acquisito.
 
Cibo e medicine
 
L'assistenza ceca si concentrerà principalmente sulla salute e l'istruzione, nonché sul rinnovo delle infrastrutture di base. Sarà fornito sostegno per fornire acqua, energia, trattamento dei rifiuti o agricoltura. Ci sarà anche spazio per le entità private ceche. Proprio come parte del denaro andrà a salvare il patrimonio storico.
"L'assistenza continuerà ad essere implementata in tutta la Siria, tenendo in considerazione la situazione della sicurezza", secondo il portale Novinky, aggiungendo che saranno "le entità ceche non profit, imprenditoriali, accademiche o pubbliche in cooperazione con le organizzazioni partner siriane e internazionali".
 
L'ambasciata ceca a Damasco aiuterà nella selezione dei progetti, e saranno presi in considerazione anche i requisiti della parte siriana. È particolarmente interessata a cibi durevoli, latte in polvere o alimenti per lattanti, medicinali, vaccini, attrezzature ospedaliere, ambulanze e cliniche mobili. Poiché gli aiuti andranno anche ai rimpatriati dalla Giordania e dal Libano, le ambasciate saranno coinvolte nella selezione dei progetti.
 
Negli ultimi anni, le finanze sono state principalmente spese per assistenza medica e alimentare, alloggi di emergenza, servizi igienici, accesso all'acqua o istruzione.
 
Anche gli aiuti alimentari sono stati indirizzati ai rifugiati palestinesi. Il denaro ha anche contribuito allo sminamento di parte del territorio. Ad esempio, due ospedali e un centro protesico dovrebbero essere completati quest'anno con il contributo della Repubblica ceca.
 
Fonte: Novinky
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa