La rete 6G nuovo campo di battaglia delle potenze mondiali

La rete 6G nuovo campo di battaglia delle potenze mondiali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Mentre le reti 5G si diffondono nel mondo, la battaglia per altre tecnologie è già iniziata. Diversi paesi sono entrati nella lotta per il prossimo grande progresso nel campo delle telecomunicazioni, il 6G, che alcuni esperti hanno già definito la nuova rivoluzione industriale.

Cos'è ed a cosa serve?

Sebbene il 5G non sia ancora stato lanciato a livello globale, gli esperti hanno iniziato a prevedere cosa rappresenterà il suo successore, la sesta generazione di tecnologia wireless (6G). 

Mentre il 5G dovrebbe aumentare la velocità di trasmissione dei dati fino a 1.100 Mb / s, si prevede che il 6G potrebbe essere fino a 100 volte più veloce, riferisce Bloomberg.

Il nuovo tipo di rete, che potrebbe essere lanciato intorno al 2030, dovrebbe avere la capacità di connettersi a dispositivi molto più complessi, comprese le auto automatizzate. 

Inoltre, potrebbe dare vita a varie idee di fantascienza, come ologrammi in tempo reale o veicoli volanti.

Concorso internazionale

Diversi paesi stanno già lottando per aprire la strada allo sviluppo tecnologico e ottenere un vantaggio sugli altri attori internazioanali della tecnologia.

Il progetto "è così importante che è diventato in una certa misura una corsa agli armamenti", ha detto Peter Vetter, capo del dipartimento di accesso e dispositivi presso l'azienda Bell Labs di Nokia, aggiungendo che sarà necessario "un esercito di ricercatori". Per preservare la competitività dei partecipanti alla battaglia.

I principali concorrenti oggi sono Stati Uniti, Cina e Unione Europea. 

  • Cina

 Bloomberg osserva che il gigante asiatico ha lanciato un satellite nel novembre dello scorso anno per testare una possibile trasmissione 6G. Al momento, due grandi aziende partecipano alla competizione di questo paese: Huawei e ZTE. 

I rapporti indicano che Huawei ha istituito un centro di ricerca 6G in Canada. ZTE, a sua volta, ha iniziato a collaborare con la società di telecomunicazioni China Unicom Hong Kong Ltd per sviluppare il 6G.

  • Stati Uniti d'America

Da parte loro, gli Stati Uniti hanno creato nell'ottobre dello scorso anno un'alleanza di aziende - con la partecipazione di Apple, Google, Samsung, tra gli altri - per "far avanzare la leadership nordamericana del 6G".

  • L'Unione Europea

Nel dicembre dello scorso anno è stato annunciato che anche l'Unione Europea ha avviato un progetto per lo sviluppo del 6G. Nokia, Ericsson AB, Telefónica SA e diverse università partecipano all'iniziativa.

Questa settimana, l'istituto di ricerca francese CEA-Leti ha anche annunciato un progetto di sviluppo per la sesta generazione della rete.

Da parte sua, l'avvocato specializzato in diritto digitale, Erick Iriarte, ha sottolineato che esiste un divario tecnologico tra i paesi in termini di accesso alle nuove tecnologie, che può causare discriminazioni.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta" di Giorgio Cremaschi Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti