/ La Russia si sbarazza di 100 miliardi di dollari delle sue riserv...

La Russia si sbarazza di 100 miliardi di dollari delle sue riserve a favore di yen, euro e yuan

 

La banca centrale russa ha iniziato a ridurre in modo massiccio le sue riserve nella valuta statunitense dopo le sanzioni e l'aumento delle pressioni di Washington.


La Banca centrale russa ha sostanzialmente ridotto il volume delle sue riserve internazionali in valuta statunitense, trasferendo quasi 100 miliardi di dollari allo yuan cinese, all'euro e allo yen giapponese, come registrato nell'ultimo rapporto ufficiale di questo organismo.
 
Le cifre corrispondono al secondo trimestre del 2018, che, secondo le regole della banca, sono pubblicate sei mesi dopo. Pertanto, tra marzo e giugno dello scorso anno, la percentuale del dollaro nelle riserve internazionali del paese è scesa dal 43,7% a solo il 21,9%.
 
Con questa ridistribuzione dei fondi, l'autorità finanziaria russa ha aumentato la proporzione delle sue riserve internazionali in euro fino al 32%, mentre la quota dello yuan è del 14,7%. La stessa percentuale è stata allocata ad altre valute, tra cui la sterlina inglese (6,3%), lo yen giapponese (4,5%), nonché il dollaro canadese (2,3%) e il dollaro australiano (1%).

 
Nel frattempo, il patrimonio totale della Banca centrale russa in valuta estera e oro è aumentato di 40,4 miliardi di dollari tra luglio 2017 e giugno 2018, raggiungendo un totale di 458,1 miliardi di dollari.
 
La Russia ha iniziato una riduzione senza precedenti dei titoli del Tesoro USA in aprile e maggio dell'anno precedente, a causa delle crescenti tensioni tra la Casa Bianca e il Cremlino. La massiccia vendita di 81 miliardi di dollari obbligazioni statunitensi in quei mesi coincise con le sanzioni imposte da Washington contro imprenditori russi, compagnie e funzionari pubblici.
 
Mosca ha apertamente dichiarato che le misure punitive e le pressioni degli Stati Uniti costringono la Russia a cercare monete di riserva alternative alla valuta statunitense per garantire la sicurezza economica del paese. Questo tipo di misure è stato adottato anche da altri paesi come la Cina e l'Iran con lo scopo di sfidare l'egemonia del dollaro nel commercio globale.
 
 
Fonte: Banca centrale russa - Foto Getty
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa