La Turchia saccheggia la sua acqua. In Siria è disastro umanitario

La Turchia saccheggia la sua acqua. In Siria è disastro umanitario

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In Siria, oltre alla guerra di aggressione della NATO( organizzazione di cui fa parte anche la Turchia) e alle sanzioni occidentali, si deve affrontare un'altra calamità che potrebbe causare un disastro  umanitario

A tal proposito, le autorità siriane hanno accusato la Turchia di aver rubato una grande quantità di acqua dal fiume Eufrate e di averne impedito il flusso nel territorio siriano. Il sito web locale Syria Times ha riferito la scorsa settimana che la mancanza di acqua ha colpito la vita e l'agricoltura dei residenti nelle aree rurali dei governatorati di Raqqa  e Deir ez Zor.

"La parte turca ha ridotto le risorse idriche del fiume Eufrate alla Siria da 500 a 200 metri cubi al secondo negli ultimi tempi. Ciò ha impedito il funzionamento delle turbine per generare elettricità nella diga dell'Eufrate, oltre all '[arrivo] dell'irrigazione acqua e acqua potabile ", ha dichiarato il governatore di Raqqa, Abdul Razzaq Khalifa.

In un altro articolo, pubblicato lunedì scorso, il portale ha citato anche le dichiarazioni del direttore delle risorse idriche ad Hasaka, Abdul Aziz Amin, il quale ha accusato le autorità turche di aver violato "l'accordo firmato con la Siria in merito alla distribuzione delle quote idriche per il fiume Eufrate."

Nel frattempo, i residenti di Deir ez Zor hanno espresso preoccupazione che il basso livello dell'acqua influirà sui loro raccolti.

Inoltre, un altro residente della regione ha affermato che la mancanza di acqua ha causato problemi di trasporto poiché ha ridotto le capacità operative delle imbarcazioni. 

In base all'accordo, raggiunto nel 1987, il flusso dall'Eufrate alla Siria non può scendere sotto i 500 metri cubi al secondo in modo che le turbine elettriche presso la diga del fiume possano continuare a funzionare.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni? di Paolo Desogus Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice di Giorgio Cremaschi Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà di Francesco Santoianni Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra di Marinella Mondaini Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie... di Giuseppe Masala L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition  di  Leo Essen Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti