Siria e dintorni/La Turchia si è ritirata dalla postazione militare assediata nell...

La Turchia si è ritirata dalla postazione militare assediata nella provincia siriana di Hama

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


L'esercito turco è stato visto oggi spostare diversi veicoli da trasporto nella città siriana di Morek, spingendo molti osservatori a riferire che Ankara stava ritirando le sue truppe da questo posto di osservazione nel Governatorato di Hama.
 
Secondo i rapporti preliminari del governatorato di Hama, l'esercito turco si ritirerà dal suo nono posto di osservazione a Morek.
 
Il posto di osservazione dell'esercito turco nella città di Morek è circondato da tutti i lati dall'esercito arabo siriano (SAA), che lo scorso inverno ha conquistato l'area dai ribelli jihadisti.
 
Inoltre, citando fonti di sicurezza private, l'Agenzia Sputnik ha riferito che la Turchia ha notificato alla Russia la sua decisione di ritirare le sue forze da questo posto di osservazione a un altro nella regione di Jabal Al-Zawiya del vicino Governatorato di Idlib.
 
Secondo il rapporto, "elementi del punto turco assediato hanno iniziato a smantellare le attrezzature logistiche all'interno del punto, oltre a smantellare le torri di controllo".
 
Se confermata, questa sarebbe una mossa importante da parte delle forze armate turche, soprattutto dopo che Ankara aveva precedentemente indicato che non avrebbero ritirato le sue truppe da questi posti di osservazione nelle aree del governo siriano.
 
L'esercito turco ha ancora oltre 50 altri posti di osservazione nel nord della Siria, che è una fonte di contesa con Damasco, secondo l'accordo di Sochi del 17 settembre 2018, ad Ankara sono stati assegnati 12 posti nei governatorati nord-occidentali di Aleppo, Hama e Idlib.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa