L'"agenda" di Elly Schlein e i suoi principali rischi

L'"agenda" di Elly Schlein e i suoi principali rischi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Politicamente parlando Elly Schlein è il vuoto pneumatico riempito di tonnellate di retorica liberal, europeismo, progressismo purché sia, irrazionalismo, gender e cancel culture. Praticamente la cosa più distante possibile dalla pancia (vuota) del Paese.

Ma è pure giovane, donna e omosessuale, perciò perfetta per incarnare (e quindi rappresentare e promuovere) l’agenda liberal democratica, cioè la moderna contro rivoluzione anti-popolare in atto da trent’anni. In più - e questo mi pare un dettaglio non di poco conto - è americana. È cioè cittadina degli Stati Uniti d’America. Ciò significa un salto di qualità non indifferente.

In un futuro prossimo, nella sciagurata ipotesi in cui Elly si trovasse a guidare l’Italia, l’impero che ci occupa militarmente, decide la nostra politica estera, eterodirige quella interna da 80 anni e che ha trasformato la socialdemocrazia avanzatissima nata nel dopoguerra in uno show da baraccone, avrebbe una sua rappresentante a palazzo Chigi. Un primo ministro che risponde direttamente a Washington in quanto suo cittadino e così facendo eleva il nostro Paese dal rango di possedimento coloniale a vicereame. Il tutto, beninteso, nel nome della Repubblica, della Costituzione, della libertà e della democrazia nell’ormai consueto ribaltamento copernicano delle parole e della realtà.

In uno scenario del genere, con il piddì non più semplice omonimo ma diretta emanazione del partito democratico a stelle e strisce, la destra meloniana non sorprendentemente al guinzaglio della N*A*T*O e la terza guerra mondiale sempre più vicina, rinforzare le uniche forze che si battono sinceramente per la democrazia e la sovranità popolare diventa una priorità non più rimandabile. Serve urgentemente ridare indipendenza politica all’Italia. Allontanandola dai venti di guerra su cui soffiano irresponsabilmente i bellicosi “alleati” e spingendola a perseguire unicamente i propri, i nostri, interessi nazionali. È questo è il senso della moderna lotta politica. Il resto è fuffa, avanspettacolo e distrazione di massa.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti