/ L'alternativa cinese al GPS ha già più satelliti rispetto al sist...

L'alternativa cinese al GPS ha già più satelliti rispetto al sistema statunitense

 

La copertura del sistema di posizionamento BeiDou è ottimale per i paesi dell'Africa e dell'Asia ed è paragonabile a quella fornita dai satelliti americani anche a Londra e New York.


Il sistema di posizionamento satellitare BeiDou, sviluppato dalla Cina, ha superato di gran lunga il suo concorrente americano, si legge su Nikkei Asian Review. Il sistema di posizionamento globale degli Stati Uniti (GPS) È stato per molti anni il leader mondiale nella tecnologia di navigazione satellitare, ma la sua posizione di predominio sarebbe al termine.
 
Almeno questo è dimostrato da un'analisi degli specialisti Nikkei sui dati satellitari di Trimble, il principale produttore di ricevitori di segnale e telemetri laser negli Stati Uniti. Le cifre ottenute rappresentano una rapida crescita del cluster orbitale BeiDou.
 
Solo nel 2018, la Cina ha lanciato 18 satelliti per il suo sistema di posizionamento. Alla fine di giugno, erano in orbita 35 satelliti funzionali BeiDou, rispetto ai 31 che erano al servizio del sistema GPS. Nel frattempo, il russo Glonass ha 24 satelliti di posizionamento e l'UE Galileo ne ha 22. Il Giappone e l'India ne hanno 10 tra loro, qualcosa che fornisce loro solo una copertura locale.
 
 

 
 
A partire dal 28 giugno, i satelliti cinesi sono stati osservati più frequentemente di quelli del GPS in 130 dei 195 paesi membri delle Nazioni Unite, oltre a Vaticano e Palestina. Più di 20 satelliti BeiDou hanno fornito copertura per la Cina continentale.
 
Circa 10 satelliti cinesi erano disponibili da New York e Londra. Sebbene quel numero sia inferiore a quello corrispondente alle città asiatiche, è quasi uguale a quello dei satelliti americani ed europei sulle stesse città.
 
Il media sostiene che la Cina si avvale della sua Via della seta per promuovere i vantaggi della navigazione con BeiDou.
I suoi satelliti sono i più frequenti nel cielo di almeno 100 dei 137 paesi che hanno aderito al progetto.
 
Uno studio del Congresso degli Stati Uniti ha stimato che l'investimento di Pechino nel suo sistema di posizionamento satellitare potrebbe raggiungere i 10,6 miliardi di dollari tra il 1994 e il 2020. Per questo ultimo anno, l'operatore BeiDou dovrebbe mettere in orbita altri 10 satelliti. Maggiore è la sua costellazione, più preciso sarà il posizionamento.
 
 
 
Conseguenze dell'avanzata cinese
 
La crescita di questo gruppo satellitare ha profonde implicazioni per le imprese. Pertanto, smartphone e sistemi di navigazione per veicoli cinesi sono compatibili con BeiDou per impostazione predefinita. Alcuni produttori stranieri seguono l'esempio per un migliore accesso a diversi servizi e mercati.
 
Da parte sua, il produttore Qualcomm è stato il primo negli Stati Uniti nella fornitura di "chip" per smartphone compatibili con BeiDou. I principali produttori di telefonia mobile statunitensi, ad eccezione di Apple, utilizzano questi "chip" sui propri dispositivi.
 
Oltre al suolo americano, l'esercito pakistano si affida a BeiDou per seguire le sue attrezzature belliche e le sue operazioni dirette. Inoltre, lo scorso aprile è stato condotto in Tunisia un test di trattori robotici condotti dal sistema cinese.
 
Più di 30 paesi in Medio Oriente, Africa e altre regioni hanno optato per il sistema del gigante asiatico e se mantengono le loro preferenze in futuro, la Cina sarà in una posizione di vantaggio quando introdurrà nuove tecnologie e prodotti, prevedono gli specialisti.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa