L'assedio di Mariupol prosegue

L'assedio di Mariupol prosegue

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Di Maurizio Vezzosi* - Donetsk

 

L'assedio di Mariupol prosegue.

Il rifiuto, da parte della compagine ucraina, di ritirarsi disarmata da Mariupol e di consegnare la città alle forze russe ha innescato combattimenti forse ancora più feroci.

La sensazione che ho avuto oggi è che il crescendo degli scontri corrisponda al tentativo ucraino - a mio avviso piuttosto velleitario - di rompere dall'interno l'accerchiamento russo: unica possibilità, del resto, rinunciando ad ogni tipo di accordo e non trovandosi altri reparti ucraini nella condizione di forzare l'accerchiamento da ovest.

Tutti i giornalisti presenti – me compreso – sono stati fatti allontanare in fretta pochi minuti dopo l'arrivo nella periferia della città. Nei pochi minuti di permanenza ho potuto osservare una situazione generale addirittura peggiore di quella delle 48 ore precedenti.

In prossimità del corridoio d'evacuazione controllato dalle forze russe ho notato nuove vittime civili, alcune delle quali ancora incastrate tra i rottami dei loro veicoli.

Nelle vicinanze altre abitazioni - terratetti - sono state distrutte ed in alcuni casi avvolte dalle fiamme. Colonne di fumo nero, nuvole di polvere, rottami ovunque. Boati continui.

Prosegue l'evacuazione dei civili, che a migliaia lasciano la città quotidianamente,

Molte le mine anticarro – verosimilmente posate dalle forze ucraine in ritirata verso il centro della città durante l'avanzata russa – rimaste sul terreno a ridosso del corridoio d'evacuazione.

La zona dell'acciaieria e del porto sembrano essere il luogo in cui si concentrano i maggiori attacchi russi.

Appare impossibile che il battaglione Azov e le altre forze ucraine presenti possano resistere a lungo, non avendo a disposizione alcuna linea di rifornimento. 

Visibile l'avanzamento, pur lento, delle forze russe ad ovest e a sudovest di Donetsk, confermato da colonne di fumo e da incendi ben visibili lungo l'autostrada Donetsk-Mariupol.

Dal centro di Donetsk si odono boati continui.

 

*Post Facebook del 21 marzo 2022. Anche la foto è di Maurizio Vezzosi

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti