Lavrov: La Russia avrà una reazione proporzionata alle provocazioni degli USA in Siria

Lavrov: La Russia avrà una reazione proporzionata alle provocazioni degli USA in Siria

Gli Stati Uniti dovrebbero astenersi dal creare pretesti per nuovi attacchi contro le forze del governo siriano, sulla base di alcuni dati di intelligence segreti, ha dichiarato, ieri, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in una conferenza stampa a Krasnodar.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Mi aspetto che questa volta, gli Stati Uniti prenderanno in considerazione la necessità di garantire effettivamente la non proliferazione delle armi chimiche e si astengano dal fare speculazioni su alcuni dati di intelligence, che sono segreti e in modo che nessuno possa vederli, al fine di provocare altri e creare pretesti per nuovi attacchi alle truppe del governo siriano che combattono contro i terroristi", ha sottolineato il diplomatico russo in alcune dichiarazioni riprese dall'agenzia TASS.


 
Mosca avverte gli Stati Uniti contro passi irresponsabili in Siria
 
Mosca si aspetta che gli Stati Uniti ed i paesi europei adottino misure per favorire la 'de escalation'  in Siria piuttosto che prendere misure che costituiscono una minaccia per l'integrità territoriale siriana, ha aggiunto Lavrov.
 
"Abbiamo mostrato buona volontà su tutte le questioni", ha precisato. "Per quanto riguarda la Siria, tutti hanno sostenuto le iniziative che abbiamo elaborato insieme alla Turchia e all'Iran, con l'assistenza degli Stati Uniti, della Giordania e delle Nazioni Unite, durante le riunioni di Astana", ha spiegato il capo della diplomazia russa. "Il prossimo round (dei colloqui di Astana) avrà luogo la prossima settimana", ha annunciato.
 
"Vorremmo che tutti i partecipanti al conflitto e gli attori esterni implementino fedelmente queste iniziative", ha sottolineato il diplomatico russo. "Questo è il nostro contributo", ha ribadito.
 
"Mi aspetto che le nostre controparti statunitensi e europee e quelle attive nella regione adottino lo stesso approccio aperto e chiaro volto a favorire il miglioramento della situazione, in particolare normalizzare la situazione umanitaria, abbandonando i tentativi di acquisire il controllo su alcune parti della Siria e mettere l'integrità territoriale a rischio", ha evidenziato Lavrov.
 
La Russia avrà una reazione proporzionata alle provocazioni degli USA
 
La Russia avrà una reazione dignitosa alle possibili provocazioni degli USA contro le forze armate siriane. "La nostra reazione sarà dignitosa e proporzionata alla situazione che prenderà", ha avvertito Lavrov.
 
Il diplomatico russo ha inoltre affermato che il segretario di Stato nordamericano ha fatto una telefonata per informare Mosca che Washington sta elaborando una dichiarazione relativa ad un nuovo attacco di armi chimiche presunto preparato da Damasco.
 
"Per evitare malintesi, posso confermare che colui che mi ha chiamato e ha avvertito che gli Stati Uniti avevano supposto alcune informazioni su un nuovo attacco di armi chimiche preparato dal governo siriano contro i membri dell'opposizione", ha concluso Lavrov.
 

Potrebbe anche interessarti

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica