Lavrov: "L'Occidente dovrà ammettere che gli interessi vitali della Russia non possono essere calpestati impunemente"

Lavrov: "L'Occidente dovrà ammettere che gli interessi vitali della Russia non possono essere calpestati impunemente"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I politici occidentali che parlano di una Russia che deve essere sconfitta nel conflitto in Ucraina fraintendono la storia, non la conoscono, ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov secondo quanto riportano le testate RT e Izvestia.

Un uomo, un dirigente politico con una grande esperienza alle spalle, che quando parla non dice mai cose banali. 

Intervenendo nell'ambito del progetto studentesco "100 domande al leader", il ministro degli Esteri russo ha indicato che ancora una volta la Russia "sta attraversando un periodo della sua storia" dove viene detto che "deve essere sconfitta" e "perdere sul campo di battaglia".

"Sono sicuro che conoscete la storia meglio dei politici occidentali che pronunciano tali 'incantesimi'. Non avranno studiato bene a scuola, poiché giungono conclusioni sbagliate dalla loro comprensione del passato e di cosa sia la Russia", ha detto Lavrov agli studenti.

I Paesi occidentali, ha spiegato il ministro, si sono mostrati incapaci di agire in conformità con la Carta delle Nazioni Unite, dato che gran parte della popolazione ucraina "è legalmente privata della possibilità di continuare ad usare la propria lingua madre e di insegnare ai loro figli la cultura russa e la lingua russa".

"Per questo motivo, dopo molti anni di avvertimenti e non avendo altra via d'uscita, abbiamo iniziato a proteggere gli interessi di sicurezza della popolazione russa nel Donbass", ha affermato.

“Guardate la reazione dei nostri colleghi occidentali. Hanno dimostrato che non possono e non sanno vivere come stabilito dalla Carta delle Nazioni Unite, cioè l'organizzazione basata sull'uguaglianza sovrana degli Stati. Per loro conta solo la propria sovranità", ha aggiunto Lavrov.

Il rappresentante della diplomazia russa ha descritto come "vergognosi" i tentativi di molti governi occidentali di "promuovere sentimenti russofobici" a livello di cittadini comuni.

"Sono convinto che tutto questo finirà. L'Occidente riconoscerà di nuovo la realtà che si sta creando sul terreno. Sarà costretto ad ammettere che gli interessi vitali dei russi, ovunque essi vivano, non possono essere costantemente calpestati impunemente”. 

D'ora in poi, la Russia conterà solo su se stessa stessa e "in quei Paesi che si sono dimostrati affidabili e che non ballano sulla melodia che viene suonata per loro", ha affermato il ministro.

"Se i paesi occidentali tornano in sé e offrono alcune forme di cooperazione, li prenderemo in considerazione", ha affermato.

Per quanto riguarda il ripristino delle relazioni, Mosca ci rifletterà seriamente quando necessario.

"Quando avranno superato la loro ferocia e si renderanno conto che la Russia esiste ancora, che non è andata da nessuna parte e, ne sono convinto, si rafforzerà ogni anno. Se vorranno proporre qualcosa sulla ripresa delle relazioni, valuteremo seriamente se ne abbiamo bisogno o no", ha affermato Lavrov facendo intendere chiaramente a che punto di deterioramento l’occidente abbia portato i rapporti con Mosca. 

In questo contesto, il ministro ritiene che la Russia dovrebbe dirigere la sua economia verso la regione eurasiatica e la Cina. "Ora che l'Occidente ha assunto la posizione di un dittatore, i nostri rapporti economici con la Cina si svilupperanno ancora più velocemente", ha detto, specificando che, oltre alle entrate dirette al bilancio dello Stato, si aprono nuove prospettive per lo sviluppo dell’Estremo Oriente e della Siberia, così come per lo sviluppo del potenziale della Russia nelle alte tecnologie e nell'energia atomica. 

"Ora il centro dello sviluppo mondiale si è spostato in Eurasia. Abbiamo la più vasta rete di associazioni nella regione eurasiatica. Dobbiamo fare affidamento su queste per lo sviluppo del nostro Paese, le sue possibilità di trasporto, transito e logistica”, ha concluso Lavrov confermando che anche per Mosca nel nuovo ordine multipolare che sta emergendo la regione eurasiatica avrà un peso maggiore e sarà determinante. L’epoca del dominio occidentale, anche per la Russia, è ormai ai titoli di coda.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai