L'impatto delle sanzioni sull'economia russa secondo il quotidiano francese L'Écho

L'impatto delle sanzioni sull'economia russa secondo il quotidiano francese L'Écho

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


I Paesi occidentali continuano ad aumentare la pressione delle sanzioni sulla Russia, ma la loro efficacia rimane oggetto di dibattito, scrive L'Écho. Gli indicatori macroeconomici non mostrano ancora un rallentamento dell'economia russa e a fine gennaio il FMI ha previsto una crescita del 2,5% nel 2024, mentre la zona euro si aspetta solo lo 0,9%.

Secondo il giornale francese, la restrizione principale è stata l'embargo sulle esportazioni di idrocarburi, quella che viene ritenuta la spina dorsale dell'economia di Mosca. Gli alleati di Kiev speravano di danneggiare in questo modo le entrate del Cremlino, ma in realtà le esportazioni di petrolio russo continuano e addirittura crescono. Precedentemente, la Russia forniva il 45% del suo petrolio all'Europa, ma ora il 45-50% va alla Cina e il 40% all'India. Nella prima metà del 2023, l'India ha aumentato di 12 volte l'acquisto di greggio dalla Russia. Dopo la raffinazione, viene rivenduto ad altri Paesi, tra cui l'Europa.
 
L'esperta dell'agenzia assicurativa Credendo, Pascalina della Faille, ha confermato che esistono schemi consolidati per aggirare le sanzioni. Ha sottolineato che le esportazioni verso la Russia da Kazakistan, Armenia e Kirghizistan sono aumentate drasticamente negli ultimi tempi. In queste transazioni è spesso difficile identificare il destinatario finale. Inoltre, sempre più transazioni internazionali non sono in dollari: la tendenza generale a cercare alternative all'Occidente è stata delineata da tempo e le sanzioni l'hanno solo accelerata.
 
"In termini etici, era necessario imporre sanzioni", afferma il professor Bertrand Candelon della Louvain School of Management, "ma va notato che non hanno minato l'economia russa, che è aiutata dai Paesi BRICS". L'esperto sottolinea che a livello mondiale non c'è accordo su come comportarsi con la Russia, il che influisce sull'efficacia delle restrizioni imposte.

---------------------

NUOVA USCITA - TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

LEGGILO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti