Le guerre creano le nazioni

Le guerre creano le nazioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Gilbert Doctorow*

Nei media tradizionali si è parlato molto di come la guerra con la Russia, iniziata il 24 febbraio 2022, abbia forgiato l’Ucraina in una nazione sotto la brillante guida del presidente Zelensky. Questa nazione ha trovato fiducia in se stessa nella sua apparente capacità di resistere all’invasione armata da parte del potente vicino a est e persino di contrattaccare con un certo successo, misurabile nei grandi guadagni territoriali nell’oblast di Kharkov prima e in quello di Kherson poi. La nuova nazione ucraina sta condividendo le difficoltà e ci dicono che la speranza della vittoria la tiene unita, per ora.

Del fatto che un quarto della popolazione ucraina abbia abbandonato il paese non si parla. Non sto contando solo quelli che sono fuggiti in occidente, ma anche quelli che sono fuggiti in Russia.  E perché si dovrebbe discutere il significato di questo fatto?  Un quarto della popolazione dei tre stati baltici, un quarto dei rumeni e dei bulgari fuggirono all’inizio degli anni ’90 dopo il crollo delle economie dei loro paesi a seguito alla rottura dei legami commerciali con la Russia e mentre questi paesi tentavano, inizialmente senza successo, di integrarsi nei mercati europei. Che gli ucraini fuggano ora da una guerra mentre quelli di prima erano rifugiati economici, il risultato finale per chi rimane non cambia: e’ una specie di pulizia etnica autoinflitta che sfocia nella costituzione di una nazione politicamente piu’ omogenea dopo la crisi.

Nel frattempo, dall’inizio della “Operazione militare speciale”, nessuno ha parlato di come si sta formando una nuova nazione in Russia.  La cosa non deve sorprendere ovviamente dato che i nostri esperti nelle università americane ed europee e nei centri studi hanno ormai smesso di essere centri studi sulla Russia, che era la loro funzione quando furono creati e per cui ricevono finanziamenti dall’inizio della guerra fredda nel 1949.  L’Harriman Institute della Columbia University e il Davis Center (ex Centro di ricerca sulla Russia) di Harvard sono diventati centri di studio sull’Ucraina in tutto e per tutto. Non importa che ad Harvard avessero già un centro di ricerca sull’Ucraina, istituito e sponsorizzato separatamente fin dagli anni ’70. Ma come accade spesso, gli amministratori dell’università seguono il profumo dei soldi, e il corpo docente si accoda.

Ma gli studi sulla nazione ucraina che sta emergendo avranno vita breve. Nella forma attuale, questa nazione gestita da ultranazionalisti è condannata a morte dalla sconfitta che inevitabilmente subira’ sul campo di battaglia, cui fara’ seguito la rimozione dal potere di coloro che hanno condotto il paese sulla strada – sbagliata – della pulizia etnica e del genocidio. Nel frattempo, la Nuova Russia, anch’essa plasmata dalle sfide di una guerra totale, rimarrà con noi ancora per molto tempo e cosa che vedremo nei mutevoli equilibri geopolitici e militari globali. Consiglierei ai nostri studiosi negli Stati Uniti e in Europa di pensare bene a come impiegare il proprio tempo, se vogliono avere una qualche rilevanza nelle decisioni di politica internazionale nel prossimo futuro.

Ma in questo articolo mi limiterò a delineare alcune aree di particolare interesse per la trasformazione che vedo profilarsi nella società russa, nella sua economia e nella sua posizione internazionale, cosi’ come questa Nuova Russia viene formandosi a causa della guerra.

                                                                 *

Il consolidamento della società è un tema molto discusso in questi giorni nei talk show russi. Una delle ragioni del consolidamento sta nella “pulizia politica”, ovvero la partenza volontaria o l’allontanamento dei liberali innamorati dell’occidente che negli anni ’90, in gran parte, disprezzavano i loro concittadini e, per quanto possibile, passavano le loro vacanze in Europa o negli Stati Uniti.

Uno dei piu’ egregi esempi di questi esiliati volontari e che ha lasciato il paese giusto in tempo per evitare di ricevere mandati di comparizione in tribunale con l’accusa di corruzione, è stato Anatoly Chubais. Chubais costrui’ la sua fama – o infamia – negli anni ’90 come direttore dei programmi di privatizzazione che contribuirono a creare la cerchia dei cosiddetti oligarchi, quelli che dominarono la vita politica russa fino a quando non vennero “domati”, imprigionati o espulsi dal Putin nei primi anni del nuovo millennio. Ci furono naturalmente qualche centinaia o migliaia di personaggi di minore rilievo e potere che fecero da contrappeso alle forze nazionalistiche durante l’intera presidenza Putin e che anno goduto di uno status di intoccabilita’ in istituzioni come la Scuola Superiore di Economia di Mosca o il Centro Eltsin di Ekaterinburg. 

Quest’ultimo venne attaccato politicamente per anni dal regista e commentatore russo Nikita Mikhalkov nel suo programma televisivo Besogon. Mikhalkov denuncio’ il Centro Eltsin per svolgere attivita’ di propaganda sovversiva dello stato per collusione con il consolato americano a Ekaterinburg.

Il Centro Eltsin e’ tuttora sotto il patrocinio della vedova di Eltsin, Naina, e lei, come anche la vedova e la figlia di Anatoly Sobchak, che fu sindaco di San Pietroburgo [tra il 1991-96, mentore di Putin e uno degli autori della costituzione della Federazione russa], e altre figure odiose del periodo di Boris Nikolaevich [Eltsin] al potere, hanno tutti goduto della protezione personale di Putin. A differenza dei leader occidentali, Vladimir Putin non si è mai rimangiato la parola data e la protezione della “famiglia” faceva parte dell’accordo che gli diede la presidenza nel 1999.

Da 18 mesi il programma di Mikhalkov non va più in onda e forse a causa delle sue denunce sul Centro Eltsin. Ma dopo l’inizio della guerra, Mikhalkov è stato riabilitato ed e’ anche possibile trovare recenti trasmissioni di Besogon su YouTube, e la sua linea di pensiero è stata ripresa, tra gli altri, da Vladimir Solovyov [nel suo programma televisivo].  E così il Centro Eltsin oggi viene nuovamente denunciato e chiamato”Centro di sedizione Eltsin” dai commentatori politici di destra della televisione di Stato. La maggior parte dei direttori del centro si trova ora all’estero, in un esilio autoimposto.

La Scuola Superiore sta venendo ripulita dai suoi elementi peggiori dal punto di vista della nuova leadership nazionalista russa. E così succede un po’ in tutto il paese. Non cercherò di giudicare qui la legalità o l’efficacia dei processi in corso. Ma che stiano avvenendo è indiscutibile. E che la “pulizia” ricevano il sostegno della maggior della popolazione russa è altrettanto indiscutibile.

Ma il consolidamento della società russa è degno di nota non tanto per le scorie che sta espellendo, quanto per i legami più stretti che si stanno creando nella popolazione in generale, basati su una nuova fiducia in se stessi e sul sostegno allo sforzo bellico in Ucraina.

Negli articoli precedenti parlavo del fenomeno del volontariato in tutta la Federazione Russa per la raccolta di contributi in denaro e in natura a sostegno dei soldati russi. Parlavo delle lettere ai soldati da parte dei bambini delle scuole, del cibo e del vestiario inviati al fronte da ONG locali di recente costituzione.  A questo aggiungo il fenomeno di un altro tipo di volontariato, notevole per portata e per i personaggi in questione. Si tratta di membri della Duma, amministratori e legislatori provenienti dalle regioni piu’ svariate, dalla Russia europea alla Siberia, la Kamchatka e l’Estremo Oriente. A questi volontari viene impartito un addestramento militare in unità specializzate, tra cui una denominata “Akhmat”, in onore del padre del leader ceceno Ramzan Kadyrov e sotto la sua diretta supervisione.

Il tempo trascorso nel Donbas da questi volontari, anche se non direttamente impegnati in battaglia, non è privo di rischi.  Una settimana fa abbiamo appreso delle ferite quasi mortali riportate da Dmitry Rogozin, un tempo ambasciatore della RF presso la NATO qui a Bruxelles e per alcuni anni a capo di Roskosmos [L’Agenzia Spaziale di Stato].  Non sappiamo quali compiti stesse svolgendo nel Donbas come volontario, ma sappiamo che è stato ferito in un bombardamento e che ha dovuto subire un’operazione per rimuovere frammenti di metallo dalle vertebre del collo.

Nel frattempo, le stesse città russe, a partire da Mosca e San Pietroburgo, hanno contribuito con la loro forza lavoro allo sforzo bellico, cosa che non leggerete sul Financial Times. Nel periodo successivo alla mobilitazione di settembre, in assenza delle condizioni per una grande offensiva contro l’esercito ucraino, i russi si sono messi al lavoro per evitare ulteriori sfondamenti ucraini lungo i 1.000 km di fronte, come è accaduto nell’oblast’ di Kharkov verso la fine della scorsa primavera. Si sono trincerati e hanno creato seconde e terze linee di difesa costituite da una serie di trincee e casematte ben ordinate. E chi ha fatto gran parte di tutto questo? 20.000 lavoratori comunali inviati nel Donbas dal sindaco di Mosca Sobyanin e altri 10.000 impiegati comunali inviati da Pietroburgo.

Le notizie di queste opere di volontariato suscitano sentimenti di orgoglio in tutta la Russia. Allo stesso tempo, la resistenza del paese di fronte alla guerra economica imposta dall’occidente è evidente a tutti. La politica di sostituzione delle importazioni si è trasformata in un ampio programma di reindustrializzazione. I telegiornali riportano ogni giorno notizie di questi “miracoli  economici”.

Il governo concede crediti agevolati alle nuove imprese manifatturiere per incoraggiarne la produzione. Con la creazione di nuovi posti di lavoro altamente retribuiti, non c’è da stupirsi che il tasso di disoccupazione sia sceso vicino al 3%. Questo favorisce di per sé fiducia e orgoglio nella società russa.

Un’altra faccia della stessa medaglia è il crescente disprezzo per l’Europa e l’occidente in generale.  I notiziari russi forniscono una copertura relativamente accurata e non propagandistica della crisi energetica, dell’inflazione dilagante e dell’ansia delle popolazioni europee. Questo, insieme agli atti di vandalismo perpetrati contro i monumenti di guerra russi negli stati orientali dell’UE, insieme ad altre manifestazioni di russofobia in Europa in ambito culturale e turistico, sta facendo cambiare idea anche all’intellighenzia russa, fino ad ora filo-occidentale… patrioti per forza di cose.

Nel mio ultimo commento sui festeggiamenti di capodanno alla televisione di stato russa, sottolineavo come il reclutamento dei quadri dirigenti del paese sarà probabilmente fatto tra gli eroi sui campi di battaglia odierni.

Che poi e’ quello che accadde nei decenni successivi al lancio in orbita di Yuri Gagarin. Coloro che seguirono Gagarin stabilirono anche nuovi record e imprese nello spazio che altri paesi, Stati Uniti compresi, riuscirono a compiere solo anni dopo. Tra questi, la prima donna nello spazio, la prima passeggiata nello spazio o la permanenza più lunga in orbita. A questi eroici uomini e donne non furono concesse solo parate celebrative nella capitale. Gli vennero dati seggi negli organi legislativi dell’URSS, anche se in gran parte cerimoniali.  

Possiamo aspettarci che anche ai soldati decorati di oggi vengano offerto simili privilegi e che trovino posto negli organi legislativi e amministrativi della Federazione Russa. Ma oggi c’è molto di più da aspettarsi in termini di avanzamento. Dato che gli ufficiali hanno un’esperienza molto pratica e utile per la gestione di imprese commerciali, mentre gli astronauti generalmente non l’avevano e non l’hanno, potremmo aspettarci di vedere ufficiali decorati occupare posti d’onore tra i vertici della casta manageriale russia, che nel frattempo e’ in fase di riorganizzazione e industrializzazione. Non ci sarebbe del resto nulla di straordinario in questo.  Dopo la Seconda Guerra Mondiale e dopo la Guerra di Corea, non poche posizioni dirigenziali nelle aziende americane andarono a veterani.

Ho parlato di reindustrializzazione. E a questo riguardo ci sono anche altri cambiamenti causati dalle sanzioni imposte dagli Stati Uniti. L’abbandono forzato dell’Europa come principale partner economico ha costretto la Russia a espandere i legami con la Cina, l’India e il “Sud globale”. Il Financial Times e altri media occidentali stanno dando, a malincuore, un po’ di attenzione a questo tema, parlando delle nuove infrastrutture, in fase di progettazione o anche addirittura in fase gia’ di costruzione, per aumentare le esportazioni di energia verso la Cina e l’India, ad esempio. Una settimana fa, un giacimento di gas nella Siberia orientale avrebbe iniziato ad alimentare direttamente la rete Power of Siberia verso la Cina grazie a un nuovo gasdotto di 800 km appena completato.

I nostri media parlano anche della sorprendente cooperazione che si sta sviluppando tra la Russia e l’Iran per realizzare un progetto logistico nord-sud, pianificato gia’ nel 2000 ma che non era mai partito. Oggi questo corridoio multimodale ferroviario, fluviale e marittimo, e che si estende da San Pietroburgo a nord fino a Mumbai a sud attraverso l’Iran, sta vedendo le prime considerevoli forniture di cereali e promette di trasformare radicalmente le linee di approvvigionamento in Eurasia, riducendo drasticamente tempi e costi di trasporto.

Naturalmente, i cambiamenti più importanti, imposti dalla guerra in Ucraina, riguardano le relazioni estere. I nostri media hanno già speculato ampiamente sulle relazioni russo-cinesi, che i diretti interessati definiscono come più che un’alleanza. Ma ci sono nuove relazioni commerciali, politiche e militari anche tra Russia e Iran, tra Russia e Corea del Nord. E c’è l’apertura russa verso l’Africa, l’America Latina e il Sud-Est asiatico, cioè verso il “Sud globale” per la de-dollarizzazione del commercio e la promozione di un ordine mondiale multipolare.

Questi ultimi cambiamenti nel commercio globale e la promozione di un mondo multipolare hanno ricevuto, come ho detto, una certa attenzione da parte di esperti in Occidente. Ciò che resta da fare è metterli in relazione ai cambiamenti che stanno avvenendo all’interno della società russa, ovvero a quella nuova coscienze di e fiducia in se stessi di cui parlavo all’inizio di questo articolo.  Ci sarà molto lavoro da fare per la comunità di esperti occidentale, una volta che la sua infatuazione per la nuova Ucraina di Zelensky sarà passata nel dimenticatoio della storia.


FONTE: https://gilbertdoctorow.com/author/gilbertdoctorow/ (TESTO ANCHE IN INGLESE, TEDESCO E FRANCESE)

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti