Le intelligenti riflessioni dell'ex direttore generale della Banca d'Italia sull'Iri

Le intelligenti riflessioni dell'ex direttore generale della Banca d'Italia sull'Iri

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Pasquale Cicalese

Ieri su Milano Finanza l'ex direttore generale della Banca d'Italia, con un passato nel Pci, Angelo De Mattia ha scritto un articolo in merito alla proposta di Tremonti di far diventare la cassa depositi e prestiti una holding di partecipazioni pubbliche rilevando le società pubbliche, e anche quelle private in crisi ma che possono essere rilanciate, per abbattere il debito pubblico e rifondare una sorte di nuova Iri. Non sto qui a discutere la proposta.

Ciò che mi preme è dirvi che De Mattia ricorda che nel 1933 l'Iri fu ideata da personalità non fasciste come il banchiere Raffaele Mattioli, il socialista Alberto Beneduce, che lavorò nel prefascismo con Nitti, Pasquale Saraceno, democristiano futuro ideatore della Cassa del Mezzogiorno e Donato Menichella, futuro governatore della Banca d'Italia, fautore del boom economico. Menichella nel 1944 fece un report agli Alleati che volevano dopo la guerra smantellare l'Iri sottolineando che la sua liquidazione non avrebbe permesso la ricostruzione. Gli americani acconsentirono e l'Italia fu salva.

Il banchiere Mattioli, presidente Comit, amico di Piero Sraffa, custodì le opere di Gramsci durante il fascismo. Questo per dire che borghesi furono i costruttori dell'Italia repubblicana. Non bisogna guardare la classe, ma l'intelligenza delle persone, quando si ha a che fare con il modo di produzione capitalistico. Il guaio è che da 30 anni non ce ne sono.

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti