/ Le sanzioni dell'Occidente colpiscono gli ospedali per la cura de...

Le sanzioni dell'Occidente colpiscono gli ospedali per la cura del cancro in Siria

 

Il settore sanitario in Siria è stato uno dei più colpiti dal terrorismo e dalle misure economiche coercitive e dal blocco imposto dagli Stati Uniti e dai suoi alleati occidentali.


L'ospedale universitario Al-Bairouni è il più grande in Siria, specializzato nella cura del cancro, racconta nel suo articolo il corrispondente di Prensa Latina, Fady Marouf. Dalla sua fondazione nel 1974 ad oggi, l'ospedale offre servizi medici e chemioterapici completamente gratuiti.
 
Con una capacità di 550 posti letto, questo centro riceve ogni giorno da 400 a 1200 pazienti dalle diverse province del paese, compresi quelli ancora occupate dai terroristi come Idleb e Raqqa.
 
Situato nella città di Harasta, alla periferia di Damasco, l'ospedale è stato per sette anni circondato da gruppi terroristici che si sono portati a soli 50 metri dalle sue mura nel 2015; Tuttavia, l'ospedale non ha chiuso le porte e nemmeno ha smesso di offrire i suoi servizi in qualsiasi momento.
 
Il direttore dell'ospedale, Ehab Al-Noukari, che ricopre questo incarico da cinque anni e più di 20 impiegati nell'istituzione, ha rivelato che nove lavoratori hanno perso la vita e altri 64 sono rimasti feriti, tra cui medici, pazienti e tecnici, a seguito di frequenti attacchi terroristici dal 2013 fino alla liberazione del Ghouta orientale nell'estate del 2018.
 
Al-Noukari mostra i segni nel suo ufficio dei proiettili sparati da cecchini terroristi e spiega che gli attacchi missilistici contro l'ospedale hanno causato gravi danni materiali, tutti riparati in meno di un anno.
 
"La minaccia del terrorismo è già stata eliminata grazie all'esercito siriano, restano il blocco e le sanzioni dell'Occidente che hanno un impatto negativo sulle medicine che a malapena coprivano il 30% dei bisogni nel 2015", ha affermato il direttore dell'ospedale.
 
Ha aggiunto che, grazie alla cooperazione con paesi amici e alleati come la Russia, l'Iran, l'India e Cuba, l'80% delle esigenze terapeutiche è attualmente coperto.
 
A questo proposito, ha chiarito che dal 2011 le sanzioni impediscono all'ospedale di acquisire nuove e moderne apparecchiature per la chemioterapia come gli acceleratori lineari.
 
Fonte: Prensa Latina
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa