“Leggere rende indipendenti”. In Venezuela inizia la Fiera Internazionale del Libro

“Leggere rende indipendenti”. In Venezuela inizia la Fiera Internazionale del Libro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

“Leer Independiza”, Leggere rende indipendenti. Questo lo slogan della Filven numero 17, la Fiera Internazionale del Libro che si svolge a Caracas dal 4 al 14 novembre. Leggere, dice la rivoluzione bolivariana, non solo consente di emanciparsi attraverso la cultura, ma porta anche a incontrare la propria storia, che indica come liberarsi da vecchie e nuove tutele coloniali. Il tema allude, infatti, alla Battaglia di Carabobo, decisiva per l’indipendenza del Venezuela.

Un’indipendenza incompiuta, che ha lasciato in sospeso il sogno della Patria Grande immaginata dal Libertador Simon Bolivar, ripreso e rilanciato da Hugo Chávez, e rinnovato nel presente. La Filven conclude infatti questo anno Bicentenario, cadenzato da una fitta agenda di incontri che hanno riunito e messo a tema tutti i soggetti che compongono la rivoluzione bolivariana, sia a livello nazionale che internazionale. Anche il Festival Mondiale della poesia, che ha anticipato di poco la Filven, riunendo poeti dai 5 continenti, ha espresso un forte richiamo alle tematiche dell’Indipendenza. A dare il ritmo, i versi di “Mi delirio sobre el Chimborazo”, composti da Simon Bolivar 199 anni fa.

Servirsi della storia come strumento indispensabile nella battaglia delle idee, che è anche scontro per l’egemonia e per il recupero di un simbolico non addomesticato, continua a essere la principale strategia di resistenza della rivoluzione bolivariana, che ha il suo grande punto di forza nella coscienza e nell’organizzazione del popolo. Un orientamento sempre dichiarato dal presidente Nicolas Maduro, che continua il lavoro di Chávez, affezionato all’espressione di José Marti: “Essere colti per essere liberi”. Una visione messa in pratica dal ministro della Cultura, Ernesto Villegas, intellettuale riconosciuto a livello internazionale, accompagnato dall’altra anima della Filven, il viceministro Raul Cazal, a lungo direttore dell’edizione venezuelana di Le Monde diplomatique.

Il paese ospite della Filven è quest’anno il Vietnam. Un’altra importante simbologia da riprendere insieme alla celebre immagine della comunista vietnamita, esile ma determinata, che “accompagna” il grosso invasore nordamericano, vinto, con la punta del fucile. “A 200 anni dalla Battaglia di Carabobo e a 46 dalla liberazione di Saigon, il Venezuela e il Vietnam si uniscono per la Fiera Internazionale del Libro”, ha scritto in twitter Villegas.

In sintonia con il tema della Filven, gli scrittori omaggiati quest’anno sono lo storico Vladimir Acosta e il giornalista José Vicente Rangel, uomo politico di grande peso nella realtà venezuelana, da poco scomparso.  

Un forte richiamo simbolico è determinato anche dallo scenario in cui quest’anno si svolge la Filven: il Palazzo Legislativo, sede del secondo potere della Repubblica, sui cinque complessivi da cui è retta. Un’occasione per ricordare il recupero dell’Assemblea nazionale, diventata luogo di sovversione e non di battaglia politica dopo la vittoria da parte della destra alle legislative del 2015. Una parentesi che ha dato la stura all’autoproclamazione di Juan Guaidó, riconosciuto come “presidente a interim” da un gruppo di paesi subalterni a Washington, obbligati progressivamente a ricredersi, di fronte al discredito che ha travolto la banda di ladroni a cui avevano dato appoggio.

Rappresentanti di quel gruppo di paesi che, come l’Unione Europea, hanno avallato il blocco economico-finanziario contro il popolo venezuelano, hanno ora accettato l’invito del governo bolivariano a presenziare alle mega-elezioni del 21 novembre, che porteranno a 29 il numero delle tornate elettorali organizzate dalla vittoria di Chávez alle presidenziali del 1998.

“Durante i cinque anni di gestione da parte dell’opposizione – ha detto Raul Cazal – al palazzo Legislativo non è stato fatto alcun tipo di mantenimento, e tantomeno si sono organizzati eventi con la partecipazione del popolo. Al contrario, l’Assemblea Nazionale è stata usata per cospirare contro il Venezuela e promuovere azioni quali il bloqueo e le sanzioni economiche”.

Cultura e politica, passione e forza, orgoglio per la propria storia e proiezione verso il futuro. Con questi termini, il processo bolivariano tiene duro, continuando a procedere in direzione “ostinata e contraria”. Molti libri, anche quest’anno, consegneranno ai giovani il messaggio dei guerriglieri degli anni Settanta e Ottanta, che hanno lottato contro le “democrazie” della Quarta Repubblica. Il lavoro delle piccole case editrici indipendenti, che non si sono arrese alle difficoltà provocate dalla guerra economica, affiancherà come ogni anno quello dell’editoria pubblica.

 Compatibilmente con gli impegni di campagna elettorale, sono attesi anche diversi parlamentari e rappresentanti politici, autori e autrici di volumi presenti alla Filven. Alcuni di loro – come il presidente del Parlamento, Jorge Rodriguez o il ministro della Comunicazione, Freddy Ñañez – sono anche poeti di lungo corso, e figurano nell’antologia internazionale di Poesia contro il bloqueo, edita dal Perro y la Rana e da Vadell Hermanos, che verrà presentata alla Fiera. Altre voci della rivoluzione bolivariana, da Tania Diaz allo stesso ministro Villegas compaiono nel volume di interviste Assedio al Venezuela, a cura del settimanale Cuatro F e sempre in coedizione Vadell-Perro y la Rana.

Farà parte della Fiera anche la Biennale del Sud che ha per titolo “Pueblos en resistencia”. Popoli che resistono, tra le pagine della Storia.

Geraldina Colotti

Geraldina Colotti

Giornalista e scrittrice, cura la versione italiana del mensile di politica internazionale Le Monde diplomatique. Esperta di America Latina, scrive per diversi quotidiani e riviste internazionali. È corrispondente per l’Europa di Resumen Latinoamericano e del Cuatro F, la rivista del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV). Fa parte della segreteria internazionale del Consejo Nacional y Internacional de la comunicación Popular (CONAICOP), delle Brigate Internazionali della Comunicazione Solidale (BRICS-PSUV), della Rete Europea di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana e della Rete degli Intellettuali in difesa dell’Umanità.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO