L'entusiasmante crescita della Bolivia si basa su nazionalizzazioni, investimenti pubblici, rafforzamento del mercato interno e redistribuzione della ricchezza

L'entusiasmante crescita della Bolivia si basa su nazionalizzazioni, investimenti pubblici, rafforzamento del mercato interno e redistribuzione della ricchezza

Alcuni osservatori hanno dato un nome preciso all’entusiasmante ascesa della Bolivia: Evonomics

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde
 

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha affermato che «grazie all’unità del popolo boliviano abbiamo costruito la nuova Bolivia; quando il popolo è unito nulla è impossibile per il popolo, questa è l’esperienza vissuta in questa epoca». 

 

Il leader indigeno ha pronunciato queste parole in occasione della sessione d’onore dell’Assemblea Legislativa per i 193 anni di fondazione della Bolivia, presso la ‘Casa Nacional de la Moneda’. 

 

Anniversario che cade in una fase storica segnata da una Bolivia in crescita come nessun’altra paese in America Latina. Un paese determinato a continuare il suo percorso basato su autodeterminazione, sovranità e solidarietà. 

 

Evo Morales ha evidenziato che la crescita media del paese è stata sostenuta: il 5% circa. Mentre si prevede che il Prodotto Interno Lordo (PIL) nel 2025 sorpasserà i 50.000 milioni di dollari. 

 

A tal proposito, il presidente ha dichiarato: «Nonostante il contesto esterno sfavorevole e le opinioni malevole di alcuni analisti, la Bolivia ha mantenuto la sua crescita, essendo elevata negli ultimi anni». Inoltre, il PIL della Bolivia tra il 2009 e il 2017 è cresciuto in media del 4,82%, mentre la media regionale si attesta intorno all’1,87%. «Dati che impressionano» tutti gli osservatori evidenzia Morales. 

 

«In 180 anni ci hanno lasciato con 9.572 milioni di dollari di PIL, in 12 anni (abbiamo raggiunto) 28.208 milioni di dollari. Adesso abbiamo un PIL, che entro il 2017, sarà di 37.782 milioni di dollari» ha ricordato il presidente, e previsto che «entro il 2025 avremo un PIL almeno di 50.000 milioni di dollari».

 

Miracolo ‘Evonomics’

 

Alcuni osservatori hanno dato un nome preciso all’entusiasmante ascesa della Bolivia: Evonomics

 

Perché la crescita economica della Bolivia si basa principalmente sugli investimenti pubblici, il rafforzamento del mercato interno e la redistribuzione della ricchezza ai settori sociali più vulnerabili. Senza dimenticare che il presidente Morales ha provveduto alla nazionalizzazione delle industrie petrolifere e del gas. Oltre a quei beni ritenuti essenziali come l’acqua e le telecomunicazioni.

 

Nella ‘nuova Bolivia’ di Evo Morales non trovano spazio quelle entità economiche come la Banca Mondiale (BM) o il Fondo Monetario Internazionale (FMI) che tanti guasti inenarrabili hanno prodotto in ogni angolo del mondo. In America Latina, poi, hanno ancora ben impresso il ricordo della ‘larga noche neoliberal’ dove questi organismi facevano il bello e il cattivo tempo. I governanti locali ingrassavano e il popolo era costretto a patire la fame più nera.  

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti