LETTERA AI COMPAGNI SULLA GUERRA IMPERIALISTA

LETTERA AI COMPAGNI SULLA GUERRA IMPERIALISTA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

E' evidente a tutti che la situazione sta superando il limite di guardia. L'imperia­li­smo occidentale a guida americana è in crisi, ma ha deciso, per non arretrare, di scatenare una catena di eventi bellici e costruire capisaldi militari da cui partire per estendere il conflitto.

Il punto di partenza, com'è noto, è stato l'Ucraina. Lì gli USA e la NATO hanno iniziato a concepire una risposta globale alla Russia che non aveva accettato la logica dell'accerchiamento strategico disegnato dagli americani coi paesi europei e l'UE. Già da questa prima fase della ‘guerra a pezzi' i comunisti, quelli almeno che non si sono fatti travolgere da posizioni neotrotskiste basate sulla lotta tra imperialismi, hanno dato battaglia contro tutte le ambiguità per affermare la verità dei fatti. In Italia questa battaglia ha avuto successo. Nonostante l'alleanza di fatto tra destra atlantista e PD, a sinistra ha prevalso la consapevolezza che la responsabilità della guerra in Ucraina è da attribuire ai neonazisti di Kiev e alla Nato.

Gli americani speravano in un facile successo e di incrinare con l'embargo e l'uso della quinta colonna la compattezza del governo di Putin, ma i loro calcoli erano sbagliati e le forze ucraine si sono impantanate in una guerra di logoramento senza sbocco.

L'attacco di Hamas a Israele ha aperto un nuovo fronte. Anche qui le condizioni oggettive hanno determinato la risposta palestinese al nazi-sionismo che teneva in gabbia la popolazione di Gaza e allo stillicidio di morti nella Cisgiordania occupata. La sconfitta di immagine di Israele e le difficoltà sul campo sono evidenti, ma anche qui l'imperialismo occidentale fa quadrato. Le forze aereo-navali angloamericane, con l'appoggio dell'UE e dell'Italia, sostengono l'esercito nazista di Israele e allargano la guerra al Libano, alla Siria, allo Yemen.

Il progetto imperialista, dopo che in Ucraina e in Palestina si è scoperto il gioco, sta diventando quello di creare  una catena di intervento o deterrenza militare su tutto quello che USA e alleati ritengono il fronte di guerra, dall'Ucraina, al Medio Oriente, a Taiwan, alla Corea del Nord e non è escluso che a breve si aprano altri fronti.

Se è vero che in questi due anni, a partire dal gennaio 2022, i comunisti e gli antimperialisti hanno dimostrato chiarezza e determinazione nella lotta contro i respon­sabili delle guerre e a fianco del popolo palestinese, ora che la situazione si sta aggravando e gli scenari prevedono non solo l'allargamento dei conflitti, ma una possibilità di scontro frontale con  paesi come Russia, Cina e Iran che sono il perno della resistenza antimperialista, bisogna prepararsi al peggio e, nel contempo, fare il possibile perchè gli scenari più foschi non si materializzino. C'è bisogno perciò che la mobilitazione contro il governo Meloni e i fautori delle guerre imperialiste si organiz­zi stabilmente e mantenga la sua pressione con continuità. Gli eventi possono preci­pitare e bisogna prepararsi per tempo, anche contro la inevitabile repressione interna.

Unità delle forze antimperialiste, capacità di unire chi è contro la guerra, solidarietà col popolo palestinese, far uscire l'Italia dalle guerre. Su questi obiettivi i comunisti devono non solo impegnarsi, ma essere un'avanguardia politica capace di guidare lo scontro.

Roberto Gabriele

Forum comunisti italiani

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti