L'eurodeputato Miguel Urbán: «Dobbiamo fare in modo che le élite olandesi smettano di rubare denaro»

L'eurodeputato Miguel Urbán: «Dobbiamo fare in modo che  le élite olandesi smettano di rubare denaro»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Durante questa crisi innescata dallo scoppio della pandemia Covid-19 siamo tornati ad interrogarci sul ruolo dell’Unione Europea. Da più parti lo si è ritenuto inefficiente, inefficace. L’Unione Europea definita non solidale. 

 

Per l’eurodeputato spagnolo Miguel Urbán, intervistato da El Salto, la questione è abbastanza semplice: «C'è un patto delle élite spagnole, italiane, olandesi e tedesche per il progetto di Europa che vogliono. Tale accordo esiste ed è ciò che dà la possibilità a questa UE. Molte persone affermano che "l'UE sta dimostrando di essere non solidale”. No, l'UE si sta dimostrando così com'è, un progetto neoliberista delle élite per le élite. Un'Europa che ha realizzato un progetto per i ricchi a spese di milioni di poveri, nel nord e nel sud. Perché è spesso ignorato e nascosto, ma nei paesi del nord ci sono anche molti segmenti della popolazione che vivono in povertà».

 

Altro tema caldo è quello riguardante il drenaggio di risorse che avviene da parte di paesi come l’Olanda che agiscono in seno all’Unione come dei veri e propri paradisi fiscali. Secondo il deputato spagnolo «l'UE e la sua libera circolazione dei capitali ha permesso l'evasione e l'elusione fiscale in Europa, consentendo ad alcuni paesi di fare dumping nei confronti degli altri. E persino paradisi fiscali nel territorio europeo stesso, come l'Olanda e il Lussemburgo. Ogni anno perdiamo un trilione di euro per evasione ed elusione fiscale in Europa. Con tale importo potremmo pagare il bilancio sanitario dei 27 Stati membri. La Spagna perde il doppio di quanto spende per la salute, secondo un rapporto dei Socialisti Europei del 2019». 

 

Quindi spiega Miguel Urbán: «Se non fai una tassa coordinata a livello europeo, nel capitalismo liquido e con la libera circolazione dei capitali, la cosa più possibile è che ci sia una fuga o un'evasione fiscale. Ecco perché è necessario coordinare una serie di politiche fiscali a livello europeo. La domanda qui è chi pagherà la via d'uscita dalla crisi in cui si trovano tutti i paesi europei. Le classi popolari pagheranno di nuovo o stavolta pagheranno i ricchi e le grandi compagnie? Questo è ciò che proponiamo ed è per questo che lo proponiamo a livello europeo.

 

In secondo luogo, è molto probabile che l’UE non accetterà, quindi proponiamo che possa essere una tassa coordinata per alcuni paesi europei anziché una tassa europea, dal momento che anche l'UE non ha i poteri per farlo. Un'unione e un coordinamento di paesi per una tassa agognato che potrebbe anche servirci per fare un vero elenco di paradisi fiscali che includono anche paesi come i Paesi Bassi o il Lussemburgo. Un’unione che potrebbe coordinare le sanzioni commerciali nei confronti dei paesi che facilitano tale evasione. Potremmo fare in modo che le élite olandesi smettano di rubarci denaro e le élite spagnole smettano di prendere i soldi lì».

 

Spesso le destre si sono fatte paladine della battaglia contro questa Unione Europea. Una battaglia alquanto fittizia e parolaia. «L'estrema destra non vuole più lasciare l'UE, perché l'estrema destra ha capito che l'UE può essere utile per attuare il suo programma senza dover governare. In effetti, gran parte del suo programma è già stato implementato dal centro oggi.

 

L'estrema destra ha smesso di essere euroscettica, per diventare euro-riformista. Non vuole uscire da un club che può governare, ma vuole governarlo. Cosa significa? Bene, ad esempio, il Consiglio guadagna più peso e la Commissione Europea (CE) meno, per essere in grado di gestire alcuni elementi chiave. Tenete presente che l'estrema destra è presente in diverse famiglie e gruppi europei. C'è il gruppo di Le Pen, c'è il gruppo in cui è Vox, alcuni tra i non iscritti e, persino, possiamo trovare Viktor Orban nel gruppo del Partito Popolare. In questo momento, dove governano, stanno usando la crisi del coronavirus per rafforzare le loro misure autoritarie, ad esempio in Polonia e Ungheria. Ma usano anche Bruxelles come capro espiatorio per giustificare alcune delle loro politiche. Una strategia che la Polonia e l'Ungheria hanno elaborato, ma utilizzata anche da Salvini in Italia».

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO