L'ex segretario Rasmussen: c'è la possibilità che paesi Nato mandino truppe in Ucraina

L'ex segretario Rasmussen: c'è la possibilità che paesi Nato mandino truppe in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'ex segretario generale della NATO Anders Rasmussen ha affermato, ieri, che un gruppo di paesi della NATO potrebbe intraprendere azioni individuali e dispiegare truppe in Ucraina nel caso in cui gli Stati membri non fornissero garanzie di sicurezza a Kiev al vertice della NATO previsto a Vilnius a luglio.

"Se la NATO non riesce a concordare un percorso chiaro per l'Ucraina, c'è una chiara possibilità che alcuni paesi individualmente possano agire. Sappiamo che la Polonia è molto impegnata nel fornire assistenza concreta all'Ucraina. E non escluderei la possibilità che la Polonia si impegnerebbe ancora di più in questo contesto su base nazionale e sarebbe seguito dagli Stati baltici, magari includendo la possibilità di truppe sul campo... Penso che i polacchi prenderebbero seriamente in considerazione l'idea di entrare e riunire una coalizione dei volenterosi se l'Ucraina non 'non otterrà nulla a Vilnius", ha ribadito Rasmussen ai media britannici.

Rasmussen ha precisato che le garanzie di sicurezza devono coprire la condivisione dell'intelligence, l'addestramento congiunto dell'Ucraina, l'interoperabilità della NATO, una maggiore produzione di munizioni e la fornitura di armi.

L'ex funzionario della NATO ha anche ricordato che "alcuni alleati della NATO potrebbero essere favorevoli alle garanzie di sicurezza per evitare effettivamente una vera discussione sulle aspirazioni di adesione dell'Ucraina", aggiungendo che "sperano che fornendo garanzie di sicurezza, possano evitare questa domanda".

"Non credo sia possibile. Penso che la questione della NATO verrà sollevata al vertice di Vilnius. Ho parlato con diversi leader dell'Europa orientale e c'è un gruppo di alleati dell'Europa centro-orientale che vuole almeno un chiaro percorso per l'Ucraina verso l'adesione alla NATO".

Anche se l'Ucraina non ricevesse un invito a aderire alla NATO a Vilnius, potrebbe essere esteso a Washington il prossimo anno, ha detto Rasmussen, osservando che "qualcosa di meno sarebbe una delusione per l'Ucraina".

Martedì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato di aspettarsi di ricevere garanzie di sicurezza per l'Ucraina al vertice della NATO a Vilnius, in programma dall'11 al 12 luglio, e un chiaro invito a aderire all'alleanza. Ha lamentato che l'esercito ucraino era deluso dal fatto che Kiev non avesse ancora ricevuto una chiara decisione positiva sull'adesione del paese alla NATO e all'Unione Europea.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti