Licenziamenti a Catania. Intervista ad una lavoratrice: "Pfizer non è un'azienda in crisi. Questa cosa fa rabbia"

Licenziamenti a Catania. Intervista ad una lavoratrice: "Pfizer non è un'azienda in crisi. Questa cosa fa rabbia"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Sono giornate nere, quelle che stiamo vivendo sotto l'aspetto occupazionale nel nostro Paese, dove crescono sempre di più di numero le realtà industriali che chiudono i battenti o che annunciano sostanziosi tagli del personale.

A Catania è stata  la Pfizer, la nota azienda che si è aggiudicata esosi contratti pubblici per la fornitura dei vaccini anticovid  e che dichiara utili stratosferici, da ultima, ad annunciare nei giorni scorsi la riduzione di personale per il proprio stabilimento, ubicato vicino l'aeroporto di Fontanarossa.

Per l'occasione sono riuscito a contattare una lavoratrice dello stabilimento, Graziella Faranna componente Rsu della Filctem Cgil.

Sono anni che noi manifestiamo la preoccupazione che qualcosa nel sito non vada – mi spiega: il nostro stabilimento  a Catania è suddiviso in due aree di produzione, una penicillinica e l'altra non penicillinica e produciamo farmaci a uso iniettabile.

L'area penicillinica è in sofferenza da un po', perché nel corso degli ultimi anni abbiamo perso sempre più mercati, però mantenevamo i volumi perché conservavamo il mercato più grosso che era la Cina e conservavamo i livelli occupazionali.

Già  circa tre anni fa, c'eravamo accorti che qualcosa non andava e sapevamo che la Cina, prima o poi si sarebbe presa il mercato, nel senso che avrebbe prodotto per conto proprio.

Abbiamo manifestato queste preoccupazioni in varie sedi ma siamo stati sempre tranquillizzati, e ci veniva detto che comunque, ammesso e non successo che questo si sarebbe verificato, non sarebbe accaduto prima del 2024. Di fronte alle nostre domande  di cosa si stesse facendo  per fronteggiare tale previsioni e di come contrastare la perdita non ci sono mai state date risposte.

Nel frattempo non è mai stato presentato un piano aziendale, anzi l'azienda è apparsa silenziosa; si attendeva a livello nazionale una convocazione che è arrivata solo a febbraio.

Noi abbiamo fatto più richieste di incontro come Rsu per affrontare l'argomento ma nell'unica convocazione che ci hanno concesso ci hanno dato  risposte abbastanza evasive.

Insomma le nostre preoccupazioni sono cresciute sempre di più, fino a concretizzarsi nei giorni scorsi con la convocazione delle organizzazioni sindacali nazionali e in questa occasione l'azienda ha comunicato 130 licenziamenti  tra il personale  a tempo indeterminato, più 50 contratti interinali che non avrebbe più rinnovato entro febbraio e un'altra cinquantina di interinali non saranno riconfermati da qui ad agosto.

In questa fase è l'area di produzione penicillinica che è stata toccata, ma la nostra ulteriore preoccupazione è che poi sia il turno anche dell'altra area, perché non vediamo progettualità né investimenti nel sito, con contestuale rischio di perdita di competitività.

Alla domanda di quale iniziative lavoratori e sindacati stiano portando avanti risponde: noi abbiamo già indetto uno sciopero per il 4 marzo. Di contro il 15 febbraio siamo stati convocati  per iniziare la procedura di raffreddamento e in quella data ci sarà un sit-in di fronte alla Confindustria a Catania. Abbiamo poi una serie di tavoli già aperti prima con la regione e poi col governo.

Pfizer non è un'azienda in crisi,  conclude- ha fatturato cifre incredibili eppure manda a casa la gente; ha semplicemente deciso di non investire a Catania.  Questa cosa fa rabbia: eppure ha un portafoglio di prodotti immenso e noi abbiamo linee di confezionamento e di inflaconamento e  con i giusti investimenti e l'adeguamento conseguente degli impianti, si potrebbe fare molto  e bene.

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

LA RUSSIA COSTRUIRA’ UNA RAFFINERIA A CUBA ’  di Andrea Puccio LA RUSSIA COSTRUIRA’ UNA RAFFINERIA A CUBA ’ 

LA RUSSIA COSTRUIRA’ UNA RAFFINERIA A CUBA ’ 

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute di Giuseppe Masala La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

Kamala Harris: da conservatrice a "progressista"? di Michele Blanco Kamala Harris: da conservatrice a "progressista"?

Kamala Harris: da conservatrice a "progressista"?

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti