"L'invio di truppe in Siria è il pretesto Usa per innescare una guerra mondiale". Il filosofo statunitense J. Fetzer

"L'invio di truppe in Siria è il pretesto Usa per innescare una guerra mondiale". Il filosofo statunitense J. Fetzer

"Mandano truppe in sacrificio in Medio Oriente per iniziare la terza guerra mondiale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


La decisione, giudicata "irresponsabile" e dalla "dubiba legalità" anche dal New York Times, da parte del regime di Washington di autorizzare l'invio di forze speciali americane in Siria per "assistere" i "ribelli moderati" che combattono contro i terroristi è, in realtà, il prestesto per innescare una nuova guerra mondiale per il filosofo statunitense James Fetzer.
 
"Dato che la situazione si è terribilmente complicata per l'America, dopo che la Russia ha svelato l'atteggiamento fraudolento degli Stati Uniti in Siria, il presidente Barack Obama è stato costretto a far precipitare la situazione con scenari da terza guerra mondiale. Questo è ciò che sta accadendo ora", ha dichiarato James Fetzer in un'intervista con Press TV lo scorso sabato.
 
Secondo il filosofo statunitense, l'invio di truppe americane in Siria è un fatto "altamente preoccupante" e ha svelato che l'obiettivo di fondo è arrivare ad una "guerra contro la Russia" e provocare una nuova guerra mondiale. Per questo fine gli Usa intendonosacrificare le loro truppe in Medio Oriente . «Mandano loro truppe in sacrificio per iniziare la terza guerra mondiale", ha detto Fetzer, aggiungendo che alcuni dei vecchi alleati degli Stati Uniti nella regione che stanno cercando l'aiuto e l'assistenza della Russia" nelle circostanze attuali.
 
"Gli Stati Uniti hanno tentato di organizzare per molti anni una risposta al problema dello Stato islamico, ma solo ora, dopo l'intervento russo nel conflitto, la lotta contro l'Isis è divenuto sistematico, metodico e molto franco. Il Medio Oriente non sarà mai torna a quello che era ", ha detto il filosofo.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti