Lo Xinjiang guida la Rivoluzione Turistica della Cina

Lo Xinjiang guida la Rivoluzione Turistica della Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Con l'arrivo della stagione turistica estiva e il successo di recenti serie TV, la Regione Autonoma Uigura dello Xinjiang, nella Cina nordoccidentale, sta assistendo a un significativo boom del turismo. Questo fenomeno evidenzia la vitalità e le prospettive di crescita del settore turistico e dello sviluppo economico nella vasta regione occidentale della Cina.

La piattaforma di viaggi cinese Fliggy ha riferito al Global Times che il volume di ricerche per la regione di Altay, situata nel nord dello Xinjiang, è aumentato di oltre cinque volte. I dati mostrano una crescita settimanale di oltre il 50% nelle prenotazioni di voli per la regione e il numero di prenotazioni di noleggio auto è raddoppiato.

Gli osservatori attribuiscono questo boom turistico all'abbondanza e unicità delle risorse turistiche della regione. Allo stesso tempo, riflette gli sforzi della regione per migliorare il suo sviluppo economico, gli standard di servizio e le capacità di trasporto.

La robusta crescita del settore turistico è destinata a fornire un impulso significativo per la crescita economica e lo stimolo dei consumi, non solo nello Xinjiang ma in tutta la regione occidentale della Cina.

Xinjiang è da sempre una meta turistica molto apprezzata sia dai viaggiatori nazionali che internazionali. L'ultimo aumento è stato in parte guidato dalla serie TV cinese di successo "To the Wonder", che mostra i paesaggi mozzafiato e gli stili di vita autentici e calorosi dei residenti della regione di Altay.

China Southern Airlines, la principale compagnia aerea con base nello Xinjiang, ha riferito al Global Times che le prenotazioni per Urumqi, la capitale dello Xinjiang e punto di partenza principale per i turisti diretti ad Altay, hanno visto un aumento sostanziale per il prossimo mese. Le prenotazioni per viaggi verso Altay sono aumentate di oltre il 50%.

Fino ad oggi, la compagnia aerea ha servito 80.600 passeggeri nella regione di Altay quest'anno, con un aumento del 14% su base annua. Dopo la fine delle vacanze del Primo Maggio, la crescita continua dei flussi di passeggeri ha spinto l'industria turistica locale a nuovi livelli.

Diverse agenzie di viaggio a Pechino hanno dichiarato al Global Times che, da marzo, le regioni provinciali della Cina occidentale, come Xinjiang, Gansu e Qinghai, sono diventate mete turistiche molto richieste. Le consulenze e i volumi di prenotazioni per queste località hanno mostrato un rapido aumento, con la stagione di punta di quest'anno che è iniziata prima rispetto agli anni precedenti.

Cheng Xin, un responsabile delle vendite di una filiale di Beijing UTour International Travel Service, ha dichiarato al quotidiano cinese che le consulenze e le prenotazioni per i prodotti turistici dello Xinjiang presso il negozio sono aumentate di oltre il 50% rispetto all'anno precedente. I viaggi nel nord dello Xinjiang, in particolare verso destinazioni come Altay, hanno registrato un aumento di oltre il 30% sia nelle richieste che nelle prenotazioni.

Un responsabile delle vendite di nome Bao, della China Youth Travel Service, uno dei principali operatori turistici cinesi specializzati in tour di gruppo, ha dichiarato al Global Times che il negozio ha registrato un aumento del 30-40% nelle prenotazioni di tour di gruppo per il nord dello Xinjiang rispetto all'anno precedente.

"Oltre al turismo domestico in crescita, le regioni occidentali della Cina stanno vedendo un afflusso crescente di visitatori stranieri grazie alla rapida ripresa del mercato turistico internazionale e alla ripresa di più voli internazionali, insieme alle politiche di esenzione dal visto della Cina con numerosi paesi e varie misure di facilitazione."

I dati ufficiali mostrano che, nel primo trimestre, lo Xinjiang ha accolto 41,0133 milioni di turisti, un aumento del 15,88% su base annua, con i ricavi del turismo in crescita del 53,8% a 43,744 miliardi di yuan (6,05 miliardi di dollari). I turisti internazionali sono aumentati del 421,49% a 869.100, facendo salire i ricavi del turismo internazionale del 353,77% a 594 milioni di dollari.

Gli analisti prevedono che il turismo nelle regioni occidentali della Cina offrirà un significativo impulso alla crescita e alla stabilità economica, iniettando un notevole stimolo ai consumi interni e contribuendo a raggiungere l'obiettivo di crescita di quest'anno.

La Cina sta facendo sforzi su tutti i fronti per facilitare la visita degli stranieri nel paese. Oltre a implementare politiche di esenzione dal visto con numerosi paesi quest'anno, il paese ha annunciato all'inizio di maggio l'estensione della sua politica di esenzione dal visto per 12 paesi fino alla fine del 2025. Mercoledì è entrata in vigore una politica di esenzione dal visto per gruppi turistici stranieri che arrivano su navi da crociera dalle province e città costiere della Cina.

L'autorità per l'immigrazione della Cina ha registrato un totale di 779.000 viaggi di entrata e uscita effettuati da viaggiatori internazionali durante le vacanze del Primo Maggio del 2024, un aumento del 98,7% rispetto all'anno precedente.

Dall'isola di Hainan nel sud della Cina alla Regione Autonoma Uigura dello Xinjiang al confine nordoccidentale del paese, i viaggiatori stranieri stanno vivendo una maggiore comodità nei loro viaggi in Cina.

"In questo contesto di aumento dei turisti in entrata, la Cina sta attivamente adeguando le sue politiche pertinenti e mettendo in atto misure favorevoli per soddisfare le esigenze dei viaggiatori internazionali."

Yelassai Maksat, un viaggiatore kazako che è entrato in Cina attraverso il porto di Horgos nello Xinjiang, ha dichiarato: "Mi piace davvero la Cina. Questa volta ho visitato luoghi come Shanghai, Hangzhou, Guangzhou e Shenzhen. Questi posti sono tutti molto divertenti. Tornerò sicuramente di nuovo".

A marzo, la nave da crociera Zuiderdam, della compagnia internazionale Holland America Line, è attraccata a Dalian nella provincia del Liaoning, nel nord-est della Cina, e a Tianjin, nel nord della Cina. La nave, con oltre 2.000 passeggeri e membri dell'equipaggio provenienti da oltre 40 paesi e regioni, testimonia il positivo slancio del settore dei viaggi in crociera della Cina. Nel primo trimestre di quest'anno, il paese ha registrato oltre 190.000 viaggi di passeggeri in crociera, superando il dato registrato per tutto il 2023.

Gran parte di questo slancio può essere attribuito ai miglioramenti delle politiche relative ai viaggi, in particolare le politiche sui visti. A ottobre 2023, la Cina ha implementato l'esenzione dal visto regionale per i turisti in crociera in entrata. I gruppi di turisti in crociera organizzati e ricevuti da agenzie di viaggio registrate a livello nazionale, e che entrano in Cina tramite terminal crocieristici a Shanghai, possono entrare senza visto e rimanere per un massimo di 15 giorni nelle regioni costiere a livello provinciale e a Pechino. Dal 15 maggio, la copertura della politica è stata estesa a tutti i terminal crocieristici in Cina.

La politica di esenzione dal visto ha anche giocato un ruolo significativo nel potenziare lo sviluppo turistico locale della provincia di Hainan. A febbraio, la Cina ha annunciato l'estensione della politica di esenzione dal visto per entrare nell'isola, consentendo ai visitatori idonei di entrare nella provincia per motivi di viaggio. Con l'implementazione della politica, nei tre mesi dal 9 febbraio al 9 maggio, oltre 75.000 viaggiatori stranieri sono entrati nell'isola senza visto.

La Cina ha anche deciso di estendere la politica di esenzione dal visto per visite a breve termine in Cina per 12 paesi fino alla fine del 2025, per promuovere gli scambi tra cittadini cinesi e stranieri.

"Questa (estensione della politica di esenzione dal visto) è un'opportunità per i viaggiatori ungheresi. Questo aiuterà sicuramente a generare più affari e apprezziamo molto la decisione del governo cinese," ha dichiarato Konnyid Laszlo, CEO dell'Agenzia del Turismo Ungherese.

In Cina per la prima volta, Rana, un cittadino pakistano, è rimasto sorpreso di scoprire che poteva utilizzare l'app mobile NayaPay del Pakistan per pagare gli acquisti nel parco commerciale internazionale Blue Harbor a Pechino. "È davvero conveniente poter scansionare e pagare come nel mio paese," ha affermato.

All'inizio di quest'anno, i problemi incontrati dai viaggiatori stranieri nel pagamento delle bollette hanno attirato l'attenzione pubblica in Cina. È emerso che il sistema di pagamento mobile del paese non era così conveniente per gli stranieri abituati a pagare con carta di credito, contanti o app di pagamento mobile nei loro paesi d'origine.

Per affrontare il problema, a marzo l'Ufficio Generale del Consiglio di Stato ha emesso una linea guida sull'ottimizzazione dei servizi di pagamento. Ha particolarmente richiesto che grandi distretti commerciali, attrazioni turistiche, hotel, ospedali e altri luoghi chiave supportino opzioni di pagamento diversificate.

Finora, le linee guida stanno vedendo un'efficace implementazione. Ad esempio, le autorità locali di Tianjin hanno lavorato con istituzioni finanziarie e fornitori di servizi di pagamento per aggiornare le aree commerciali in modo da soddisfare esigenze di servizio di pagamento più diversificate.

Per servire meglio i viaggiatori stranieri, molte attrazioni turistiche in Cina hanno anche studiato le esigenze e le preferenze dei loro clienti target per migliorare i servizi. Negli ultimi anni, la città di Zhangjiajie nella provincia di Hunan, in Cina centrale, ha guadagnato grande popolarità tra i turisti della Repubblica di Corea (ROK). Nel 2023, i turisti della ROK hanno rappresentato oltre il 40% dei turisti stranieri dell'area.

Per garantire che i turisti della ROK abbiano la migliore esperienza di viaggio, la città ha compiuto notevoli sforzi per creare un ambiente accogliente. Le stazioni di trasporto pubblico locali, gli hotel e i ristoranti sono stati tutti dotati di cartelli informativi in coreano, mentre i venditori locali e i mercati sono stati in grado di fornire servizi in coreano di base. Inoltre, la città ha più di 200 guide turistiche che parlano coreano e oltre 400 narratori che parlano coreano per facilitare la visita dei turisti.

Zhangjiajie continuerà a svilupparsi come destinazione turistica di classe mondiale, sviluppare prodotti turistici diversificati, migliorare le sue strutture di accoglienza turistica e fornire servizi turistici più attenti, ha dichiarato Liu Ge'an, segretario del Comitato Municipale di Zhangjiajie.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti