/ L'ombra dell'appropriazione indebita sugli inviati di Guaidó. Un ...

L'ombra dell'appropriazione indebita sugli inviati di Guaidó. Un rapporto giornalistico allarma Almagro

 

Un'indagine di PanAm Post collega Rossana Barrera e Kevin Rojas, incaricati di gestire la permanenza dei militari venezuelani in Colombia, con appropriazione indebita e frode.


Venerdì 14 giugno, il Segretario Generale dell'Organizzazione degli Stati Americani, Luis Almagro, ha invitato a indagare e chiarire le gravi accuse formulate in un'indagine giornalistica di PanAm Post sulla presunta appropriazione di fondi per l'aiuto umanitario da parte dei rappresentanti della autoproclamato "presidente in carica" del Venezuela, Juan Guaidó, in Colombia.
 
Almagro ha richiesto che le responsabilità fossero determinate e che fosse accertata la responsabilità. "Non c'è alcuna possibile democratizzazione sotto l'opacità di atti di corruzione", ha scritto nel suo account Twitter.
 

 
Il rapporto in questione è stato scritto dall'editorialista di PanAm Post, Orlando Avendaño, intitolato 'Inviati Guaidó si appropriano di fondi per gli aiuti umanitari in Colombia', nel quale denuncia che i rappresentanti del leader dell'opposizione in Colombia, Rossana Barrera e Kevin Rojas, responsabili della cura dei venezuelani che entrano nel territorio del paese vicino per chiedere aiuto e riparo, si circondavano di lussi con l'appropriazione indebita di fondi distraendoli dai fondi disponibili e gonfiando il numero di militari disertori.
 
Avendaño ha spiegato che entrambi sono membri del partito Voluntad Popular, ma Barrena è la cognata del deputato di questo partito, Sergio Vergara, che è considerato il braccio destro di Guaidó dopo l'arresto di Roberto Marrero da parte del governo di Nicolas Maduro.
 
Soggiorno di militari venezuelani negli hotel colombiani
Dopo il tentativo di far entrare aiuti umanitari in Venezuela il 23 febbraio scorso e i successivi violenti scontri sul confine, i militari che si schierarono con Guaidó sono stati alloggiati in sette hotel a Cucuta, due dei quali, l'Acora e Vasconia- dovevano essere pagati da parte dell'opposizione del Venezuela rappresentata da Guaidó, ha scoperto Avendaño, mentre il pagamento di altri alberghi è stato commissionato dal governo della Colombia e l'Agenzia dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), che ha pagato per Hampton Inn e il Villa Antigua, tra gli altri.
 
Il numero di militari riportato dal governo di Guaidó costituita 1.285 funzionari ad aprile e il loro comportamentoo non faceva una buona impressione: secondo quanto riportato dall'autore di questo articolo, si servivano di prostitute, abusavano di alcool, sono stati coinvolti in atti di violenza e chiedevano sempre di più
 
Account che non corrispondono
 
Ai primi di maggio, l'hotel Acora non ha ricevuto il pagamento in programma, con il quale al giorno 6 il debito arrivava a circa $ 20.000, così alla fine ha deciso di sfrattare i 65 soldati con le loro famiglie.
 
L'intelligence colombiana sarebbe stato il primo a notare le spese anomale di Barrera e Rojas bollette e libretti degli assegni ottenuti dalla Avendaño hanno mostrato che hanno speso un migliaio di dollari in alberghi e locali notturni di notte, un migliaio di dollari in cibo e bevande, e anche speso ingenti somme in costosi negozi di abbigliamento a Bogotá e Cucuta.
"Rapporti di noleggio auto e pagamenti in hotel in sovraprezzo, denaro che scorreva, un sacco di soldi", dice il giornalista.
 
Per dimostrare l'esattezza delle sue parole, il caporedattore di PanAm Post ha allegato documenti sui pagamenti e fatture dettagliate con gli importi spesi e i conti da pagare.
 

 
Inganno con la cena di beneficenza
 
Inoltre, l'autore della ricerca riporta che Barrera e Rojas hanno cercato di organizzare una cena di beneficenza presso il ristorante di lusso Pajares Salina, nel complesso residenziale di Chico Norte a Bogotà per raccogliere fondi per il mantenimento dei militari e delle loro famiglie, con inviti alle ambasciate a nome della rappresentanza venezuelana guidata dall'ambasciatore di Guaidó, Humberto Calderón Berti.
 
L'evento non si materializzò perché i membri di quella rappresentanza ufficiale lo notarono e notificarono ad altre ambasciate che non avevano niente a che fare con quella cena di beneficenza.
 
Avendano rileva inoltre che il dato fornito dai rappresentanti  di Guaidó a Ivan Duque, che c'erano 1.450 soldati Cúcuta non corrispondono con quelli dell' intelligence colombiana, che effettivamente ha valutato in circa 700 agenti, e Barrera e Rojas avevano gonfiato il numero di disertori.
 
Un membro della intelligence colombiana gli ha detto che il governo del Guaidó a Caracas è stato informato dei fatti e ha detto Leopoldo Lopez e Guaidó di interessarsi degli atti di Barrera e Rojas. Entrambi sono stati poi rimossi dalla carica, ma ha beneficiato di una "difesa ostinata" da Caracas, minacce e tentativi di incolpare tutta l'Ambasciata di Calderon Berti, secondo il giornalista.
 
Il destino degli aiuti umanitari
 
Barrera e Rojas erano anche responsabili della gestione degli aiuti umanitari dai diversi paesi di stanza a Cúcuta. In questo senso, Avendaño menziona un altro nome, quello di Miguel Sabal, che ha dovuto supervisionare tutto ciò che era legato all'USAID.
 
Tre fonti hanno confermato al giornalista a condizione di mantenere l'anonimato che almeno il 60% del cibo donato è stato danneggiato ed era già marcio. "Tutto ciò che ha inviato il presidente [del Cile] Piñera non serve più. E 'lì. Non cosa fare per non far scoppiare uno scandalo. Lo bruceranno, immagino", ha detto una fonte.
 
 
Fonte: PanAm Post
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa