L'Analisi/L'omicidio di Soleimani da parte degli Stati Uniti e il loro diri...

L'omicidio di Soleimani da parte degli Stati Uniti e il loro diritto di attaccare l'Iran non è "ripristino della deterrenza", ma ritorno al selvaggio West

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Donald Trump non è il primo presidente degli Stati Uniti ad essere accusato di usare la forza militare illegalmente. Ma questa Casa Bianca sembra dare a Trump una maggiore licenza esecutiva per uccidere e iniziare le guerre, secondo il giornalista Finian Cunningham


Segue l'analisi di Finian Cunningham, giornalista pluripremiato. Per oltre 25 anni, ha lavorato per The Mirror, Irish Times, Irish Independent e British's Independent.
 
Questa settimana, il segretario alla Difesa Mark Esper in un'intervista ai media ha affermato che gli Stati Uniti hanno il diritto, ai sensi dell'articolo II della Costituzione, di attaccare il territorio iraniano in risposta all'azione offensiva della milizia appoggiata dall'Iran in Iraq.
 
È stata segnalata un'ondata di attacchi missilistici sulle basi statunitensi in Iraq a seguito dell'uccisione del generale Soleimani e del suo compagno, il comandante della milizia irachena Abu Mahdi al-Muhandis.
 
Secondo il ragionamento di Esper, gli Stati Uniti avrebbero il diritto di lanciare attacchi aerei sull'Iran. E nel ragionamento di Trump, non deve chiedere l'autorità al Congresso.
 
Christopher Black, avvocato canadese esperto di crimini di guerra, commenta: “L'affermazione di Esper è errata perché tutto ciò che fa l'articolo II è rendere il presidente il comandante delle forze armate. Non gli dà il diritto di attaccare qualsiasi nazione senza il consenso del Congresso, né di uccidere gli stranieri in paesi stranieri, né di violare i suoi obblighi legali internazionali ai sensi della Carta delle Nazioni Unite e di altre alleanze che sono considerate anche parte del diritto interno degli Stati Uniti. ”
 
Black ha aggiunto: " Inoltre, le affermazioni statunitensi di autodifesa sono anche false in quanto il diritto internazionale non autorizza una nazione a lanciare un attacco contro un altro paese con il quale non è in guerra."
 
È equivalente a una politica di tiro ora, e solo in seguito risponderà a domande a riguardo. Nel caso di Trump, non è nemmeno pronto a rispondere alle domande come si può vedere dalla sua sfida di fronte alle critiche sull'uccisione di droni del generale iraniano Soleimani.
Con i crescenti dubbi sulla giustificazione iniziale per l'ordine del presidente di quell'assassinio, Trump successivamente si è scagliato contro e ha affermato che anche se le presunte minacce di Soleimani non fossero " imminenti ", meritava comunque di essere ucciso dalle forze statunitensi a Baghdad il 3 gennaio.
 
La precedente affermazione di Trump e dei suoi aiutanti secondo cui c'era una " minaccia imminente " per il personale americano in Iraq derivante dal collegamento del generale Soleimani con la milizia sciita era un elemento chiave per l'ordine esecutivo presidenziale dell'omicidio. Il Team di Trump ha sostenuto che il presidente doveva prendere una rapida decisione come comandante in capo, aggirando così la notifica del Congresso, come indicato dal War Powers Act del 1973.
 
Ma ora risulta che la presunta minaccia rappresentata da Soleimani non era così imminente. In effetti, il capo del Pentagono Mark Esper ha contraddetto il presidente in un'intervista con i media dicendo che non ha visto prove dell'intelligence che un attacco stava per aver luogo contro quattro ambasciate statunitensi in Medio Oriente. 
Avendo minato l'argomento della " minaccia imminente ", Trump ha comunque ribadito che non gli importa comunque. Soleimani era un obiettivo legittimo.
Aspettate un attimo. Costui sta entrando in un territorio legale estremamente pericoloso, in base al quale un presidente americano afferma di avere l'autorità per uccidere un leader straniero senza alcuna prova o incriminazione. Questa è la condotta del selvaggio West, non il leader di uno stato costituzionale vincolato da obblighi legali alle leggi internazionali che vietano specificamente tale condotta.
 
L'Associazione Internazionale degli Avvocati Democratici, in una valutazione dell'attacco a Soleimani, lo ha condannato come un omicidio extragiudiziale illegale e un atto di aggressione da parte degli Stati Uniti verso l'Iran e l'Iraq. Hanno sottolineato che nessuna prova è stata portata contro Soleimani. Fu assassinato solo per così dire del presidente americano.
Inoltre, il gruppo di avvocati internazionali ha osservato che l'omicidio violava il diritto americano e internazionale. La legge americana è vincolata dal suo impegno nei confronti della Carta delle Nazioni Unite che proibisce esplicitamente l'uso della forza militare contro un altro stato senza l'approvazione del Consiglio di sicurezza dell'ONU.
 
Tale violenza unilaterale può essere consentita solo se esistono prove chiare che uno stato agisce per legittima difesa. E la presunta misura di autodifesa deve essere proporzionata. Chiaramente, nel caso del generale Soleimani, nessuna di queste eccezioni era valida.
 
Le accuse contro il comandante della Forza Quds di avere le mani sporche di sangue di " migliaia " di truppe statunitensi e " milioni " di civili è più nel regno della propaganda americana. Si tratta essenzialmente di un sentito dire che non soddisfa in alcun modo gli standard del giusto processo legale.
 
Soleimani ha aiutato a organizzare la milizia appoggiata dall'Iran che era efficace nel sconfiggere la milizia terrorista in Siria e Iraq, cercando di rovesciare i governi. Il ruolo degli Stati Uniti e quello dei suoi alleati nei confronti dei gruppi terroristici è nella migliore delle ipotesi ambiguo, se non di nascosto con i militanti, nonostante i discorsi ufficiali di " lotta al terrorismo ".
 
La milizia appoggiata dall'Iran in Iraq si è opposta alle forze statunitensi. Ma non dimentichiamo, le forze americane sono in Iraq a causa di un'invasione illegale di quel paese nel 2003. Quando Trump e i suoi aiutanti denunciano Soleimani per la morte delle truppe statunitensi, dimenticano convenientemente che il loro paese è colpevole di crimini di guerra in Iraq, e in Siria dalla sua presenza illegale lì.
 
Il Congresso degli Stati Uniti ha ragione a preoccuparsi della crescente arrogazione di poteri di Trump per l'uso della forza letale contro obiettivi stranieri.
 
Tuttavia, il suo predecessore, Barack Obama, era un grande praticante nell'ordinare assassini di droni contro sospetti terroristi all'estero. Quasi ogni presidente americano ha dispiegato aerei da guerra o missili contro stati stranieri in modo da violare la legge costituzionale o la Carta delle Nazioni Unite. Ricordiamo che Bill Clinton ha lanciato missili da crociera in Sudan al culmine del suo scandalo sessuale con Monica Lewinsky.
 
Durante gli anni '70, il Comitato della Chiesa del Senato nell'abuso di poteri esecutivi e nell'assassinio di leader stranieri sotto l'egida della CIA portò a controlli costituzionali più severi sui poteri presidenziali per ordinare azioni militari.
 
L'uso della forza militare illegale da parte della Casa Bianca non è una novità. Ma ciò che è diverso sotto Trump è il modo in cui la sua amministrazione sta svolgendo controlli sull'illegalità, rendendo più facile l'assassinio e gli atti di guerra per un capriccio presidenziale.
 
Pertanto, sotto Trump, la leadership americana sta rapidamente evolvendo una politica di lavoro e una logica per giustificare l'assassinio e la guerra. L'illegalità degli Stati Uniti sta sfuggendo al controllo di giorno in giorno.
 
La logica diabolica va ben oltre il pericolo che gli Stati Uniti inizino un'altra guerra in Medio Oriente, questa volta con l'Iran.
 
Questa settimana, il segretario di Stato Mike Pompeo ha tenuto un importante discorso durante ha inserito l'assassinio dei comandanti  iraniani e iracheni nel più ampio contesto di " deterrenza strategica " contro tutti gli avversari. Pompeo ha collegato esplicitamente gli omicidi alla politica americana di affrontare Russia e Cina.
 
Dire che il suo discorso era intitolato: " La restaurazione della deterrenza: l'esempio iraniano" .
Pompeo ha riassunto dicendo: " Abbiamo ristabilito la deterrenza ... Abbiamo visto, non solo in Iran, ma anche in altri luoghi, dove la deterrenza americana era debole. Abbiamo osservato l'occupazione della Crimea da parte della Russia nel 2014 e il sostegno all'aggressione contro l'Ucraina perché la deterrenza era stata minata. Abbiamo ripreso il supporto letale all'esercito ucraino. Anche la costruzione di isole cinesi nel Mar Cinese Meridionale e i suoi sfacciati tentativi di costringere gli alleati americani hanno minato la deterrenza . "
 
Il ragionamento senza legge qui è spaventoso. Se l'amministrazione Trump vuole usare la forza omicida contro gli avversari per la cosiddetta " deterrenza " , allora lo farà, secondo Pompeo. Ciò a quanto pare include Russia e Cina.
 
La Carta delle Nazioni Unite è stata creata per fermare una ripetizione della seconda guerra mondiale. Sotto Trump, la Carta, così come altre leggi internazionali e persino le stesse leggi statunitensi che proibiscono gli atti di guerra vengono ignorate.
 
Benvenuti nel selvaggio West.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa