L'OPCW censura i critici del suo falso report sul presunto attacco chimico in Siria

L'OPCW censura i critici del suo falso report sul presunto attacco chimico in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ogni giorno appaiono ulteriori prove che dimostrano le pratiche illegali dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) con l'obiettivo di nascondere la verità sul presunto attacco chimico a Douma, nei pressi di Damasco, nel 2018 che scatenò un attacco contro il paese arabo di Francia, Usa e Gran Bretagna.

Gli alti funzionari dell'organizzazione non solo hanno nascosto le conferme degli esperti di tossicologia su quanto accaduto, ma le hanno sostituite con un rapporto che ha distorto i fatti. Oltre a lanciare campagne diffamatorie contro questi esperti, secondo il portale Grey Zone.

Il giornalista Aaron Mate assicura in un articolo pubblicato da questo sito che l'OPCW ha avviato un'indagine volta a screditare gli esperti che hanno messo in dubbio le loro pratiche e hanno ratificati rapporti sull'attacco.

Ha precisato che la campagna contro questi scienziati da parte dell'OPCW fa parte di una serie di menzogne ??e pratiche ingannevoli messe in atto dalla direzione dell'organizzazione per rovinare le indagini sul presunto attacco a Douma e produrre rapporti in merito al servizio dell'organizzazione e dei suoi operatori dei paesi occidentali che sostengono i terroristi in Siria.

Secondo Gray Zone, la manipolazione dell'amministrazione dell'OPCW è iniziata dopo l'emissione di un rapporto in cui gli ispettori che hanno indagato sul presunto attacco chimico a Douma hanno confermato che non c'erano prove che fosse stato fatto con armi chimiche, di fatto minando le accuse lanciate da i governi di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia per lanciare la loro aggressione contro la Siria il 14 aprile 2018.

Una precedente fuga di notizie da un funzionario dell'Organizzazione ha rivelato che l'amministrazione OPCW ha lanciato un attacco doloso e imperfetto contro due ispettori perché hanno dimostrato la falsità della versione ufficiale dell'organizzazione riguardo al presunto incidente della Duma, che è stato sfruttato da alcuni paesi che supportano i terroristi per lanciare una campagna denigratoria contro l'esercito arabo siriano.

Nonostante tutti questi fatti e documenti trapelati sull'organizzazione e le sue pratiche ingannevoli, il suo direttore, Fernando Arias González, ha insistito durante una sessione del Consiglio di sicurezza lo scorso giugno, per presentare bugie e coprire lo scandalo dei rapporti falsi fatti dall'organizzazione sul presunto attacco di Douma.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti