Perché i vassalli europei di Washington volano a Pechino?

Perché i vassalli europei di Washington volano a Pechino?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Presidente francese Emmanuel Macron sta per visitare la Cina. Alcuni analisti politici invitati a discuterne da Le Figaro affermano che la Cina è stata molto attiva a livello internazionale negli ultimi tempi: il Presidente della Repubblica Popolare Cinese ha recentemente effettuato una grande visita in Russia. Mosca seguirà quindi con attenzione i negoziati franco-cinesi.

Tatiana Jean, direttrice del Centro Russia/Nuovi Stati Indipendenti dell'Istituto francese di relazioni internazionali afferma che dall’inizio di quest’anno “gli eventi si sono sviluppati in modo molto interessante: sono molti e ruotano in gran parte intorno alla Cina. La Cina è stata insolitamente attiva dall'inizio dell'anno, come dimostrano le numerose visite del suo ministro degli Esteri. Ha proposto un "piano in 12 punti", che di solito scriviamo tra virgolette perché non è un piano d'azione nel senso consueto del termine.
 
Tra l'altro, ha un titolo diverso: ‘Posizione su una soluzione politica alla crisi ucraina’”.

Inoltre Jean ha aggiunto che “la visita del presidente cinese a Mosca è stata resalizzata in un momento estremamente interessante. Oltre a tutti i fattori importanti, come la prima visita dopo la rielezione del leader cinese per il terzo mandato e così via, questa visita è avvenuta subito dopo che la Corte Penale Internazionale ha emesso un mandato di arresto per Putin. Naturalmente, questo era prevedibile: non ha impedito al leader cinese di cancellare la visita, anzi.
 
E per il Presidente Putin era di estrema importanza. Per lui oggi la Cina è il Paese più grande su cui può contare e sperare di ottenere sempre più aiuto.
 
Quindi, ovviamente Vladimir Putin seguirà molto da vicino questo incontro”.

Della visita parla anche il quotidiano cinese Global Times che scrive: “Dopo il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, il presidente francese Emmanuel Macron e la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen visiteranno la Cina dal 5 al 7 aprile, seguiti probabilmente dal ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock a metà aprile, mentre prosegue la fitta agenda diplomatica cinese. 

Secondo gli osservatori, le intense interazioni Cina-UE hanno evidenziato un consenso condiviso dalla Cina e dall'UE, secondo cui le due parti dovrebbero intensificare la comunicazione e gli scambi di persona per promuovere la comprensione reciproca in un contesto di grandi cambiamenti nel panorama internazionale.  

È un compito urgente per la Cina e l'UE superare le interferenze esterne e alcuni disturbi interni, concentrarsi su aree pragmatiche nelle relazioni bilaterali e cercare congiuntamente uno sviluppo stabile e sano delle relazioni, iniettando positività e certezza in un mondo turbolento, hanno detto gli osservatori. 

Poiché la Cina ha proposto un piano di pace in 12 punti per risolvere la crisi ucraina, l'UE dovrebbe essere incoraggiata a esercitare la propria autonomia diplomatica e, invece di esercitare pressioni sulla Cina e di essere dirottata dagli Stati Uniti, dovrebbe prendere il controllo del proprio destino per agire in modo da porre fine alle ostilità e promuovere il cessate il fuoco per la pace e la sicurezza sostenibili dell'Europa”.

Durante la visita, Macron incontrerà Xi, il premier Li Qiang e il legislatore, presidente del Comitato nazionale del Popolo, Zhao Leji. La portavoce del Ministero degli Esteri cinese, Mao Ning, ha dichiarato durante il briefing di routine di lunedì, che visiterà anche Guangzhou, nella provincia meridionale del Guangdong. 

Durante l'incontro, Xi e Macron tracceranno insieme il futuro sviluppo delle relazioni bilaterali, approfondiranno la cooperazione Cina-Francia e Cina-UE in vari settori e avranno un approfondito scambio di vedute sulle principali questioni internazionali e regionali.

Negli ultimi anni, sotto la guida strategica dei due capi di Stato, le relazioni Cina-Francia hanno mantenuto un solido sviluppo, godendo di un'efficace comunicazione strategica, di una fruttuosa cooperazione pratica e di una solida comunicazione e coordinamento negli affari internazionali e regionali, ha dichiarato la portavoce secondo quanto riporta il Global Times. 

La Cina è pronta a collaborare con la Francia per cogliere questa visita come un'opportunità per produrre nuovi risultati nello stretto e duraturo partenariato strategico globale tra i due Paesi, promuovere il solido sviluppo delle relazioni Cina-UE e contribuire alla pace, alla stabilità e allo sviluppo del mondo, ha dichiarato Mao. 

Mao ha anche annunciato: "Come concordato tra la Cina e l'Unione Europea, la Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen visiterà la Cina dal 5 al 7 aprile".

Gli analisti hanno indicato i vasti cambiamenti geopolitici, la stretta degli Stati Uniti sull'Europa nella sua rivalità con la Cina e la scarsità di scambi Cina-UE a vari livelli come fattori che hanno portato al declino della fiducia politica Cina-UE. 

Fu Cong, capo della missione cinese presso l'UE, ha dichiarato lunedì al Global Times che "queste importanti visite dimostrano innanzitutto la grande importanza che i Paesi europei e le istituzioni dell'UE attribuiscono alle loro relazioni con la Cina, in quanto vedono la Cina come un attore importante nelle questioni globali". 

"Allo stesso tempo, poiché l'economia cinese sta registrando una robusta ripresa, i leader europei vengono anche a esplorare le opportunità commerciali in un mercato così vasto e fiorente. Spero anche che i leader europei colgano queste opportunità per comprendere bene la politica interna ed estera della Cina", ha dichiarato Fu. 

"Credo che queste interazioni daranno un forte impulso alle relazioni Cina-Europa e forniranno una chiara guida per la nostra futura cooperazione", ha sottolineato Fu.  

Cui Hongjian, direttore del Dipartimento di Studi Europei dell'Istituto Cinese di Studi Internazionali, ha dichiarato lunedì al Global Times che le intense visite dei leader europei hanno evidenziato un consenso bilaterale sul fatto che la Cina e l'Unione Europea dovrebbero mantenere canali di comunicazione fluidi e tenere scambi sostanziali, in modo da superare le lacune di riconoscimento reciproco e rimuovere i deficit di fiducia, implementando il consenso dei leader in azioni pragmatiche. 

Anche se alcune differenze non possono essere risolte, la comunicazione stessa è un processo di costruzione della fiducia, hanno affermato gli analisti, sottolineando che la Cina e l'UE, in quanto due pilastri del panorama globale, "dovrebbero e potrebbero" collaborare in modo positivo e costruttivo quando il mondo si trova ad affrontare conflitti armati e rischi di recessione. 

Zhao Junjie, ricercatore presso l'Istituto di Studi Europei dell'Accademia Cinese delle Scienze Sociali, ha osservato che la chiave sta nella valutazione pragmatica e realistica dell'Europa sulla capacità di resistenza della Cina alle interferenze degli Stati Uniti e ai tentativi di seminare discordia.

Il conflitto tra Russia e Ucraina ha legato l'Unione Europea al carro di Washington, ma l'UE dovrebbe valutare attentamente la credibilità degli Stati Uniti in materia di sicurezza e rivedere il suo record di abbandono degli alleati quando necessario, hanno spiegato gli analisti al quotidiano cinese.

Non si può negare che l'UE sia facilmente influenzata dagli Stati Uniti nella sua politica sulla Cina a causa della somiglianza ideologica e dell'alleanza militare, ma "se l'UE vuole rafforzare l'autonomia e massimizzare i propri interessi attraverso un reale equilibrio tra Cina e Stati Uniti, dovrebbe pensare più agli interessi pragmatici nella cooperazione con la Cina piuttosto che far dominare l'agenda all'ideologia, ai valori astratti o a un'altra grande potenza", ha affermato Zhao.

Un argomento al centro della copertura mediatica europea e statunitense della visita di Macron e Von der Leyen è la crisi tra Russia e Ucraina. 

Citando funzionari anonimi, la Reuters ha riferito che Macron avrebbe presentato la posizione dell'UE per influenzare la Cina sulla questione, e la decisione della Russia di posizionare armi nucleari in Bielorussia potrebbe fornire all'UE una merce di scambio.  

La Cina ha pubblicato un documento in 12 punti in occasione dell'anniversario della crisi ucraina per sostenere una soluzione politica, dimostrando la sua sincerità e i suoi sforzi nel promuovere la fine delle ostilità e i negoziati tra le parti coinvolte, evidenzia il Global Times. 

Anche il commercio sarà tra le priorità di Macron, che porterà con sé una nutrita delegazione di imprenditori, tra cui rappresentanti di EDF, Alstom, Veolia e del gigante aerospaziale Airbus, secondo quanto riportato da Politico. Il livello della delegazione è considerato speculare al viaggio a Pechino del cancelliere tedesco Olaf Scholz alla fine del 2022.

Con l'aumento delle voci a favore del "disaccoppiamento con la Cina" all'interno del blocco, il leader di un importante Paese europeo che guida una schiera di dirigenti dimostra come la Cina e l'UE siano economicamente intrecciate e che l'approccio del disaccoppiamento non sarebbe né fattibile né vantaggioso, sostengono gli analisti cinesi. 

In particolare, l'UE si trova in una situazione difficile, poiché è sottoposta a forti pressioni da parte degli Stati Uniti per adeguare le proprie relazioni economiche con la Cina. La decisione dei Paesi Bassi di limitare le esportazioni di chip è uno degli ultimi esempi di cedimento dell'Europa alla coercizione degli Stati Uniti.

Con un volume di scambi pari a 847,3 miliardi di dollari nel 2022, il disaccoppiamento tra Cina e UE servirà solo gli interessi degli Stati Uniti, ma farà soffrire sia la Cina che l'Europa. Gli Stati Uniti non compenseranno le perdite di quelli che chiamano "alleati transatlantici", affermano gli analisti. Una scelta più saggia per l'Europa sarebbe quella di trarre vantaggio dall'apertura di alta qualità della Cina e cogliere le opportunità offerte dal costante avanzamento della modernizzazione cinese. 

In una dichiarazione rilasciata al Global Times, la Camera di Commercio dell'Unione Europea in Cina ha affermato che la Cina e l'Europa godono di una forte relazione commerciale e che molte aziende europee sono alla ricerca di segnali positivi di riforma e apertura da parte della Cina. Secondo la dichiarazione, le aree specifiche di interesse reciproco per una più ampia cooperazione includono il cambiamento climatico, la biodiversità, la riforma dell'OMC, la definizione di standard internazionali e l'allineamento sulla digitalizzazione.

Gli osservatori cinesi hanno espresso la speranza e la necessità che la Cina e l'UE si assumano le proprie responsabilità a livello globale, minimizzino le differenze e contribuiscano congiuntamente alla pace, alla stabilità e alla prosperità globali in un mondo che ha urgente bisogno di certezze.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti