Mainstream e psicosi di massa creato ad arte: "In Russia 2 donne fuggono dalla quarantena"

Mainstream e psicosi di massa creato ad arte: "In Russia 2 donne fuggono dalla quarantena"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


“…niente libri, niente shampoo, niente Wi-Fi…“ Oddio, non è che il confort negli ospedali italiani sia molto diverso da questo. Ma allora perché tutti i media italiani stanno inneggiando alla fuga da due diversi ospedali russi (uno ubicato a Samara, l’altro ubicato a San Pietroburgo) di due donne russe, provenienti dalla Cina e che avevano chiesto di essere lì ricoverate a seguito di sintomi ascrivibili a quelli del famigerato coronavirus?  Si badi bene, due donne separate da 1.700 chilometri ma accomunate sui media in una unica storia, quasi fossero Thelma & Louise.



Una di queste, (tale Alla Ilyina) per scappare ha rotto una serratura elettronica; l’altra (tale Guzel Neder) fuggita da una finestra, si è portato via pure il figlio con la febbre. Invece di finire in galera, stanno con le loro foto su Telegram, dove continuano a ricevere entusiastici commenti inneggianti alla “libertà delle donne”. E tutto questo mentre dilaga sui media un fiume di bufale (l’ultima: la cremazione  a Wuhan di 50.000 morti da Coronavirus) finalizzate a mettere la Cina (e – vedi anche sopra – la Russia) sul banco degli accusati.

Si, ma cosa sarebbe successo se ad essere epicentro di una così famigerata epidemia fosse stata l’Italia? Sorvoliamo sulle solite barelle in corsia o sulla decisione solo italiana di bloccare i voli con la Cina, e accenniamo ad una polemica che sta tenendo banco: la circolare del ministero della Salute secondo la quale i bambini provenienti dalle vacanze in Cina possono, se vogliono, (“assenza giustificata”) assentarsi per quindici giorni da scuola. È bastato questo e il richiamo al divieto che, normalmente,  impedisce (o impedirebbe, siamo in Italia) ai bambini non vaccinati di frequentare scuole e asili per scatenare feroci polemiche (condite da reciproche accuse di “becero razzismo” e “irresponsabile buonismo”) che lasciano presagire quale sarebbe il terrificante quadro di una epidemia nel nostro Paese.

Altro che ospedale da mille posti costruito in dieci giorni o cordone sanitario per 45 milioni di cinesi.
 

Francesco Santoianni
 
 

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti