Marco Terrugi - Il ‘chavismo’ di governo prende iniziativa: convocata in Venezuela l’Assemblea Nazionale Costituente

Marco Terrugi - Il ‘chavismo’ di governo prende iniziativa: convocata in Venezuela l’Assemblea Nazionale Costituente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Marco Terrugi - Telesur

Politicamente l’appello è stata di grande impatto: il richiamo alle origini del processo ‘chavista’ che aveva visto nell’Assemblea Nazionale Costituente del 1999 un elemento fondante, e la messa in moto un’iniziativa propria così importante come la riforma della Costituzione, rappresenta un momento di resistenza agli attacchi dei golpisti. 

Il ‘chavismo’ ha ripreso l'iniziativa dopo un mese vissuto ‘alle corde’: sarà lanciato un processo costituente con base municipale per convocare un'Assemblea Nazionale Costituente (ANC). Lo ha annunciato il presidente Nicolás Maduro di fronte ad una grande manifestazione riunita a Caracas il 1° maggio. 

Già lo aveva accennato nel suo consueto programma televisivo, anticipando questa possibilità nel mezzo di uno scenario di incertezza che scaturisce dall'escalation di violenza sostenuto dalla destra.

Legalmente la convocazione dell’ANC si basa sugli articoli 347 e 348 della Costituzione: "Il popolo del Venezuela è il depositario del potere costituente originario. Nell'esercizio di tale potere è possibile convocare un'Assemblea Nazionale Costituente al fine di trasformare lo Stato, creare un nuovo ordinamento giuridico e redigere una nuova Costituzione (...). L'iniziativa della convocazione dell'ANC può essere presa dal/dalla Presidente della Repubblica nel  Consiglio dei Ministri".

Politicamente l’appello è stata di grande impatto: Maduro si è richiamato all’origine del processo ‘chavista’ che vide l’Assemblea del 1999 essere un momento fondativo e ha lanciato l’obiettivo di riformare la Costituzione, in un’iniziativa di resistenza agli attacchi golpisti. 

Si tratta di difendersi con una risposta democratica e partecipativa - di questo si è trattato -  con una linea valida per tutto il ‘chavismo’, che dovrà trovare sintesi attorno ad un obiettivo comune e soprattutto convocare la maggioranza della società per costruirlo.

Il processo, ha detto Maduro, sarà dei cittadini e delle cittadine, non dei partiti politici.

La scelta dei costituenti, che saranno in numero di 500, avverrà con voto diretto e segreto. 

Essi porteranno l'ANC, ha detto Maduro nel Consiglio dei Ministri svolto domenica sera, a discutere, tra gli altri argomenti, di: pace; costruzione di un sistema economico post-petrolifero; costituzionalizzazione delle missioni sociali; sicurezza, giustizia e protezione del popolo; nuove forme di democrazia partecipativa e di protagonismo; difesa della sovranità nazionale; identità culturale; diritti sociali, culturali, del lavoro, ‘diritti tecnologici’ della gioventù; infine cambiamento climatico. 

Come indicato nella Costituzione, il Presidente non può opporsi alle modifiche e integrazioni che saranno apportate alla Costituzione.

L’atteggiamento della destra

Lo aveva già annunciato Julio Borges la stessa domenica: "Ogni passo per convocare una Costituente comunale non è altro che la continuazione del ‘colpo di Stato’ già in atto in Venezuela". Capriles Radonski ha scritto, una volta ascoltato l'annuncio: "Di fronte alla frode costituzionale rappresentata dalla Costituente ha appena annunciata dal dittatore, ‘O mio popolo per le strade e a disobbedire a tale follia!’".

Era prevedibile. Il piano della destra è quello di generare un'escalation di violenza di strada per ottenere una pausa sul fronte esterno o interno.

Nel primo caso i risultati non sono stati quelli finora sperati: gli alleati internazionali hanno fatto dichiarazioni e pressioni mediatiche, ma non hanno fatto ottenere risultati in uno qualsiasi degli ambiti proposti. 

Inoltre, il Venezuela si è ritirato dall’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) davanti all'evidente parzialità dell’organismo guidato dagli Stati Uniti d’America, e parteciperà invece a una riunione della Confederazione degli Stati Latino-americani e dei Caraibi. 

Il governo invece ha ricevuto il sostegno di Russia, Cina e, indirettamente, di Papa Francesco, che ha detto che i colloqui tra governo e opposizione non hanno avuto successo a causa delle divisioni della destra.

Per quanto riguarda il fronte interno, la situazione non si è evoluta com’era previsto. 

I quartieri popolari non hanno aderito all’appello di rovesciare il Presidente, e le Forze Armate Nazionali Bolivariane non hanno risposto ai ripetuti appelli della destra - Julio Borges è tornato a convocarle per esempio domenica scorsa. 

a sua capacità di mobilitazione è calata. Ciò è confermato dai numeri dei sondaggi di Hinterlaces: il 57% di coloro che si definiscono oppositori di Maduro sono contrari all’uso della forza, come l’83% degli indipendenti.

Questo porta la tattica golpista al suo scenario peggiore, all'usura e all'isolamento, come era accaduto già nel 2014 con azioni simili. 

Nello scenario attuale ciò potrebbe portare l’opposizione ad una maggiore radicalizzazione, e così a causare più morti, più azioni ad alto impatto, incendi paramilitari notturni nei quartieri o nelle strade di Caracas. 

Ci sono già 29 vittime dal 6 aprile. 

L'ultimo, Juan Pernalete, è stato ucciso durante la mobilitazione della destra con un colpo di pistola in fronte. C'è il video, la telecamera ha registrato ciò che non doveva registrare. 

La destra - nonostante le immagini e le autopsie - dice che è morto a causa di una bomba lacrimogena [lanciata dalla polizia, ndt] e lo ha convertito in un martire.
Che cosa seguirà

La destra ora si trova di fronte all’iniziativa convocata dal ‘chavismo’. È possibile per essa ignorarla e fare un ulteriore passo avanti nell’escalation: senza dialogo, con meno partecipanti e più violenza. 

Fino a che punto si può andare avanti con queste empasse? 

Fino a che punto i dirigenti della destra saranno compatti? Si sa che le tensioni interne sono grandi. La prova di ciò è l'audio filtrato dalla moglie di Henri Ramos Allup, che ha mostrato la propria preoccupazione per il "vandalismo" delle manifestazioni, dicendo che se Lilian Tintori e Freddy Guevara "potessero bruciare oggi il Venezuela, lo farebbero".

Il ‘chavismo’ ha a sua volta due compiti che potrebbero essere sviluppati all'interno della convocazione dell'ANC da parte di Maduro. In primo luogo, quello di mantenere la pace, cioè evitare che si dispieghino i fili di una guerra civile voluta dalla destra. 

Questa ipotesi è stata messa nero su bianco sul tavolo da un analista di destra, Luis Vicente León, che ha detto: "Questo scenario può essere prolungato per un tempo imprevedibile, portando il Paese alla formazione di gruppi paramilitari e di guerriglieri la cui presenza farebbe parte della vita quotidiana del Paese, ma con il governo che mantiene il potere". 

Perciò la risoluzione del conflitto attraverso una proposta di democrazia partecipativa può essere un modo di decomprimere le tensioni sociali, aiutando a canalizzare il conflitto attraverso lo spazio costituente.

In secondo luogo, il ‘chavismo’ deve rivitalizzare la propria forza e tornare ad essere maggioranza. 

Ciò richiede una linea politica chiara, unificante, che riarticoli il proprio blocco con una visione ampia e strategica. 

In questa direzione, la convocazione da parte di Maduro può essere la soluzione. 

Ma è allo stesso modo imprescindibile, in particolare per rianimare una maggioranza politica ed elettorale, dare risposta ai problemi economici che ricadono sulle spalle delle classi più povere e di quelle medie. 

Un problema per esempio è l'aumento dei prezzi. 

Oggi il Presidente ha annunciato che i prezzi saranno congelati con un provvedimento urgente. Senza questa ripresa economica è difficile pensare a un cambiamento dello scenario politico. E i tempi, in Venezuela, si stanno riducendo.

(Traduzione Giuseppe Dibello)

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti