Micheal Hudson - Il socialismo "con caratteristiche euro-asiatiche" è il futuro

Micheal Hudson - Il socialismo "con caratteristiche euro-asiatiche" è il futuro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Estratti del Discorso di Michael Hudson –  fatto al Global University, Hong Kong

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

C'è una grande diga sul fiume Dnepr che fornisce tutta l'acqua alla Crimea e la fanno saltare in aria. Migliaia di case sono state allagate. Naturalmente, gli ucraini hanno detto che i russi lo hanno fatto. La ragione per cui la Crimea è stata assegnata all'Ucraina da Krusciov nel 1960 è perché l'area dell'acqua e dell'elettricità proveniva tutta dalla diga nel nord della Crimea. Tutto ciò è stato fatto saltare in aria e allagato. (Quando fai saltare in aria una diga, immagina che stia accadendo in Cina e come verrebbe fatto saltare in aria.)

Ecco cosa è successo. L'hanno fatto esplodere. La diga sul fiume Dnepr che fornisce acqua ed elettricità alla Crimea è stata fatta saltare in aria. Penso che non sia stato un missile, è stato lanciato da una mina navale che è stata colpita, una specie di bomba automatica consegnata elettronicamente da un siluro navale che l'ha fatta esplodere. Ciò ha causato l'abbandono di migliaia di case e l'eliminazione della rete elettrica.

Il Dnepr è ora molto più ampio, quindi sarà più difficile per l'Ucraina attaccare i russi. Procura gravi problemi di elettricità e acqua alla Crimea. Ovviamente, stanno cercando di provocare la Russia a fare qualcosa di violento, quindi quando la riunione della NATO si terrà questo fine settimana a Vilnius, potrebbero pianificare un attacco missilistico a tutti gli effetti su Mosca e San Pietroburgo e iniziare la terza guerra mondiale. Questa sembra essere l'intenzione.

Si rendono conto che l'unico tipo di guerra che l'America può vincere è una atomica. Non ha truppe proprie. Non può organizzare un'invasione. Non può prendere il controllo di un Paese. Tutto ciò che può fare è distruggere. Questa è la politica americana.

Questa è una dimostrazione alla Cina. Cosa accadrà alle vostre dighe se insistete nel mantenere la Cina come un unico Paese e non facendo come raccomandiamo di dividervi in cinque parti? Se cercate di continuare a controllare lo Xinjiang e altre province, dovremo solo far saltare in aria le dighe e assicurarci che voi non siate più un unico Paese.

Questo è proprio come stiamo facendo in Ucraina per la Russia. Questa sembra essere la Strategia occidentale.

In America, hanno detto che la Russia non ha linee rosse. Più e più volte, Putin ha detto che questa è una linea rossa, questa è una linea rossa, eppure non ha fatto nulla. Un certo numero di generali ha tenuto discorsi questa settimana, dicendo:  "Non c'è una linea rossa per la Russia, e possiamo vedere che non c'è nemmeno una linea rossa per la Cina. Stiamo mandando le nostre barche nello Stretto della Cina, e la Cina ci sta permettendo di inviare le barche proprio lì. Possiamo fare tutto quello che vogliamo."

"Non lasceremo che la Cina si avvicini ai Caraibi, ma possiamo andare da loro. Il fatto è che la Cina è una tigre di carta e la Russia è una tigre di carta. Dicono tutto tranne  che abbiamo vinto. Ora possiamo semplicemente rastrellare e spazzare via il nemico con bombe atomiche o almeno distruggere tutte le sue dighe e le sue infrastrutture di base".

 

Domanda: Recentemente, ci sono stati molti discorsi bellici da parte dei generali negli Stati Uniti. Perché pensi che questi discorsi bellici da parte dei generali siano emersi negli Stati Uniti?

Non viene dai generali. I generali hanno detto che niente di tutto questo funzionerà. L'atteggiamento bellico viene dai politici, da Biden e fondamentalmente dai neocon. Non viene dai militari. I militari hanno detto che non vedono alcun modo in cui l'Ucraina possa vincere. E Biden e altri, il Dipartimento di Stato dice: "Sì, state pensando di vincere militarmente, ma non è così che dovere pensarci. Se facciamo saltare la diga, se facciamo saltare le infrastrutture, basterà bombardare Mosca e San Pietroburgo con armi nucleari per farli cedere. E poi la Cina si arrenderà perché vedrà che possiamo fare la stessa cosa per lei. Possiamo conquistare il mondo intero in questo fine settimana." Questo è il tipo di discorso tra i neoconservatori con la "signora dei biscotti" Victoria Nuland e gli altri. Niente di tutto questo proviene dai generali.

Domanda: La scorsa settimana, è stato riferito che la Germania è già entrata in recessione, il che non è una sorpresa, dato quello che sta accadendo. Quindi si intensificherà. È questa la tua aspettativa? Peggiorerà solo per la Germania e il resto d'Europa.

Bene, questa era l'intenzione. La gente continua a pensare che l'America stia combattendo la Russia in Ucraina. Alcuni anni fa, i pianificatori americani si resero conto che non c'era modo di tenere il passo con lo sviluppo dell'Eurasia. Come possono mantenere gli standard di vita americani un po' più a lungo mentre non siamo più un Paese manifatturiero? La risposta è: almeno possiamo controllare l'Europa e fare dell'Europa una colonia, proprio come l'Europa aveva trasformato l'Africa e l'America Latina in colonie. L'effetto di questa guerra è l'America contro la Germania e l'Europa.

La Russia è stata finora il beneficiario. Le sanzioni l'hanno costretta a diventare molto più autosufficiente, non solo nel cibo ma anche nei manufatti. Apparentemente, c'è un'ondata di investimenti stranieri in Russia per iniziare a produrre beni di consumo e prodotti industriali che sono stati importati dall'Europa prima. La Russia è un beneficiario.

Ma se si guarda a chi beneficia e chi soffre, ci si rende conto che non era difficile vedere all'inizio della guerra in Ucraina cosa stava succedendo. In effetti, ho scritto fin dall'inizio che l'obiettivo era quello di subordinare la Germania e l'Europa agli Stati Uniti. Ecco perché il gasdotto è stato fatto saltare in aria. Ecco perché l'America ha attaccato la Germania. Ma, naturalmente, la Germania non poteva dire: "Beh, siamo un Paese della NATO, siamo attaccati dall'America", perché la NATO è l'America.

Quindi non c'è davvero nulla che l'Europa possa fare. Non ha partiti politici che siano davvero per l'indipendenza europea in alcun modo, purché tutti immaginino che la minaccia sia un'invasione russa – come se la Russia avesse alcun interesse a ripetere il controllo sull'Europa orientale o sull'Europa centrale. E gli Stati Uniti non accettano che sia deindustrializzata.

 

Domanda: Il popolo americano sta seguendo la guerra in Ucraina?

Sì, tutti i giorni. Gli viene detto che "l'Ucraina sta vincendo giorno dopo giorno. Sta uccidendo più russi, gli ucraini sono molto coraggiosi, e l'Ucraina sta solo vincendo, e la politica della NATO ha funzionato dando loro le super armi che stanno sconfiggendo la Russia, che in realtà è solo una stazione di servizio con bombe atomiche ". Questo viene ripetuto ancora e ancora. Dopo che gli ucraini hanno battuto i russi in televisione, hanno le navi da guerra americane in Cina che dicono che "la Cina non può fare nulla contro gli Stati Uniti "e che "siamo i numeri uno".

 

Domanda: Cosa pensi dei satelliti e di Paesi come l'Australia? Funzionerà? La strategia dell'America?

Tutto dipende da come reagiranno gli altri Paesi. Finché l'America ha usato le sue organizzazioni non governative, i suoi enti di beneficenza, i suoi sussidi all'estero per promuovere politici favorevoli agli Stati Uniti, i politici seguiranno le politiche statunitensi. Gli Stati Uniti hanno talent scout in tutta Europa e in Asia che cercano laureati promettenti nei loro 20 anni che sono molto opportunisti e tuttavia hanno un appeal politico apparentemente ampio. Li nutrono e danno loro sostegno finanziario dalle fondazioni americane, e li portano in America per l'addestramento e gradualmente li preparano per essere primi ministri o politici o leader militari o amministratori politici filo-americani.

Lo hanno fatto negli ultimi 75 anni dalla fine della seconda guerra mondiale. C'è una classe dirigente in Europa e apparentemente in gran parte dell'Asia che è già stata protetta dagli Stati Uniti che hanno la loro ricchezza legata al sostegno degli Stati Uniti e alla proprietà negli Stati Uniti o nell'economia statunitense. Quindi la leadership politica dell'Europa è molto diversa dalla percezione popolare di ciò di cui l'Europa ha bisogno. L'Europa e gran parte dell'Asia sono gestite in base a ciò che avvantaggia gli Stati Uniti, non a ciò che avvantaggia le loro popolazioni nazionali. E, naturalmente, questo è ciò che fa arrabbiare così tanto l'America riguardo alla Russia e alla Cina: in realtà stanno cercando di gestire le loro economie per sostenere i propri standard di vita, la propria popolazione e il proprio potere militare invece di subordinare i propri interessi agli interessi degli Stati Uniti.

 

Domanda: Sono diventati tutti colonie, in realtà, molti di questi satelliti. Ed è stato così per molto tempo, credo...

Bene, sono diventate colonie, non ufficialmente dell'America, ma delle organizzazioni internazionali che l'America controlla. Colonie del Fondo Monetario Internazionale, colonie della Banca Mondiale, colonie della Corte Penale Internazionale con giudici filoamericani. Sono colonie di quelle che sembrano essere organizzazioni internazionali, ma in realtà sono organizzazioni internazionali centrate sugli Stati Uniti e controllate dagli Stati Uniti. Non è esplicitamente americano. È solo che l'America ha potere di veto in ognuna di queste organizzazioni e controlla le loro finanze.

Ciò che preoccupa la Turchia e l'Arabia Saudita è la loro dipendenza dalle armi militari. Dipendono dalle riparazioni degli armamenti e delle parti di ricambio, perché le cose si consumano sempre sui carri armati o sugli aeroplani. Se gli americani ti tagliano fuori e tu vai per la tua strada, anche se hai molte armi americane, non hai i pezzi di ricambio o le riparazioni. Dovrai iniziare a tagliare uno dei tuoi aerei per ottenere i pezzi di ricambio da riparare in un aereo che ne ha bisogno.

Quindi ora c'è una reazione contro l'acquisto di armi statunitensi, perché si rendono conto che possono essere tagliate tutte e che finché le armi durano, si dipende dagli Stati Uniti per mantenerle. E quindi sono alla ricerca di un mezzo di approvvigionamento più sicuro. E ci vuole un bel po' di tempo per sviluppare davvero armi alternative.

La guerra in Ucraina è una sorta di terreno di prova per i missili e le armi statunitensi contro le armi russe. Potete vedere che i missili Patriot che l'America ha fornito all'Ucraina sono stati abbattuti. La protezione antimissile che l'America ha fornito all'Ucraina non ha funzionato. I russi sono stati in grado di far saltare la protezione apparente. Quindi si scopre che queste braccia erano davvero come beni di lusso. Sono come il vino che è pensato per essere scambiato e venduto, ma non per essere bevuto. Perché se bevi questo prezioso vino di 50 anni, ti rendi conto che si è trasformato in aceto e non ha più un sapore buono.

Le armi non sono pensate per essere effettivamente utilizzate in combattimento. Devono essere usati nelle parate e usati come trofei per mostrare "Guarda tutti i carri armati e gli aeroplani che abbiamo". Ma se provi a combattere con loro, non funziona così bene. Questo è ciò che ha fatto arrabbiare così tanto gli americani che hanno detto agli ucraini di bombardare le dighe e distruggere le infrastrutture con le bombe siluranti subacquee. Questo è l'unico modo in cui l'America può combattere. Ha mezzi di distruzione, ma non combatte gli esseri umani e non difende.

Quindi l'Europa è praticamente indifesa in questo momento – senza armi proprie. Sono stati esauriti in Ucraina. E l'America ha detto: "Beh, Europa, dovete tagliare la vostra spesa sociale e fare quello che ha fatto l'America. Usate i vostri budget per comprare armi americane da rifornire per tutti gli aeroplani, i carri armati, i missili e le munizioni che hai inviato in Ucraina. Sarà il 4%, il 5% del vostro PIL. Sarà tutto pagato all'America."

"Ci rendiamo conto che il vostro euro sta pagando per questo. Sta per scendere di valore. Ma quando l'euro scenderà di valore, cosa perderà davvero? I vostri salari scenderanno perché il lavoro dovrà ora pagare molto più denaro per quello che importa dal Sud Globale per le sue materie prime, dalla Cina per i suoi beni di consumo."

Quindi assisteremo ad una depressione cronica che si diffonde in tutta Europa da cui nessuno in Europa è in grado di vedere come possono uscire. Certamente l'industria europea dice: "Non avremo più gas russo a basso costo. Abbiamo una scelta. O ci spostiamo in America che ha gas a basso prezzo, o ci spostiamo in Russia e Cina, o in Iran o in uno di questi altri Paesi. Dove si trasferiranno?" Perché l'Europa è ormai una zona morta. L'America ha vinto la guerra ucraina contro l'Europa occidentale.

 

Domanda: Questi alleati degli Stati Uniti, non stanno imparando dalle lezioni del primo dopoguerra di essere i veri principali nemici degli Stati Uniti.

Penso che abbiano imparato da questo e abbiano detto: "Abbiamo perso all'indomani della prima guerra mondiale con i debiti inter-alleati. Perderemo di nuovo. Faremmo meglio a trasferirci fuori dall'Europa e trasferirci in America. L'Europa è morta. Dobbiamo andarcene. Non possiamo ripercorrere gli anni 1920 e 30." Questo è ciò che hanno imparato: arrendersi.

Domanda: Con l'Europa che sta crollando, cosa succederà ora della de-dollarizzazione?

L'Europa non ha intenzione di de-dollarizzare. La de-dollarizzazione non è semplicemente una mossa fuori dal dollaro. È una ristrutturazione della struttura commerciale. Il commercio sarà sempre più tra i Paesi eurasiatici e tra l'Eurasia e il Sud Globale, l'Africa e il Sud America. Ci saranno scambi che saranno finanziati da scambi di valuta l'uno con l'altro, proprio come l'Arabia Saudita e la Cina detengono le rispettive valute per il loro commercio di petrolio e manifatture. Ci sarà questo tipo di accordo con i Paesi africani e con Paesi come il Brasile.

Il problema da risolvere è che alcuni Paesi avranno deficit, in particolare deficit con la Cina per i produttori e con la Russia per le materie prime. Come finanzieranno questi deficit?

La prima cosa con cui sostituire il dollaro sarà l'oro. Tutta l'Eurasia sta accumulando le sue riserve auree e sta esaurendo le sue riserve in dollari. Sta spendendo i suoi dollari come deve per cose che si comprano con dollari – materie prime e altri. Ma non sta sostituendo queste riserve in dollari. Sta usando il loro reddito per comprare oro.

Stanno cercando di creare un'alternativa al Fondo Monetario Internazionale. La chiamano BRICS Bank, ma sarà più di una banca BRICS. Sarà in grado di creare il proprio oro cartaceo, la propria versione di diritti speciali di disegno, la propria idea di ciò che John Maynard Keynes chiamava Bancor nel 1944. Sarà una sorta di credito che sarà esteso dai Paesi in surplus ai Paesi in deficit per consentire loro di incorrere in deficit fino al momento in cui la Cina e altri Paesi costruiranno le loro infrastrutture, costruiranno le loro economie per diventare autosufficienti e parte di questa nuova zona commerciale e valutaria eurasiatica. Sarà un'organizzazione commerciale, valutaria, militare.

Il mondo intero sarà riorientato in un modo che evita l'economia statunitense ed europea. L'economia degli Stati Uniti e dell'Europa diventerà un'unità, insieme all'Australia e alla Nuova Zelanda come parti del mondo di lingua inglese. Il resto del mondo andrà per la sua strada. Il mondo si dividerà in queste due diverse parti con filosofie diverse. L'Occidente sta per diventare una zona finanziarizzata, dove la pianificazione centrale è concentrata a Wall Street. Chi otterrà il credito, e per cosa? Come assegneremo il denaro e il credito?

L'Eurasia e il resto del mondo saranno sempre più industrial-socialisti. Il modo in cui il mondo si stava evolvendo poco prima della prima guerra mondiale e poi si è fermato per l'Occidente. L'Asia sta per riprendere questo ideale di capitalismo industriale che si evolve in socialismo, trattando il denaro come un servizio pubblico nelle mani del governo, non nelle mani di un 1% privato. Ci sarà una politica militare che protegge l'intera regione, una sorta di controparte eurasiatica della NATO per proteggersi dalle basi militari statunitensi.

Gli scambi commerciali si intrecceranno. La produzione e il consumo si intrecceranno tra i Paesi in un modo che sarà equilibrato man mano che altri Paesi svilupperanno la propria capacità di nutrirsi, di soddisfare i propri bisogni di base. Tratteranno l'assistenza sanitaria come un diritto pubblico, come un servizio pubblico e un diritto umano. Tratteranno l'alloggio come un diritto pubblico e il cibo come un diritto pubblico. Non ci saranno persone che muoiono di fame per strada o nelle metropolitane, come vediamo a New York quando non hanno un lavoro. Tutti saranno protetti invece di essere polarizzati.

Quello che ci si aspetta sarà un innalzamento degli standard in Eurasia e nel Sud del mondo. La produzione aumenterà, la produttività aumenterà. Il lavoro diventerà più sano, meglio nutrito, più istruito in queste regioni. E negli Stati Uniti accadrà il contrario. Si polarizzerà di più. Le città qui stanno praticamente andando in rovina, soprattutto perché la proprietà commerciale viene abbandonata. La base imponibile delle città sta diminuendo e devono tagliare la spesa per i trasporti perché le persone ora lavorano da casa invece di prendere la metropolitana o i treni o gli autobus nelle città. C'è un'intera ristrutturazione economica, sia in Asia che negli Stati Uniti, ma questa ristrutturazione sta andando in direzioni opposte.

 

Domanda: Michael, hai presentato molto bene una possibilità proiettata per lo sviluppo dell'Eurasia. Quale sarebbe il tuo consiglio o il tuo avvertimento sul tipo di relazioni tra i diversi Paesi con risorse e livelli di sviluppo diversi? Cosa metterebbe in guardia contro una certa replica del tipo di relazioni egemoniche all'interno di questo blocco eurasiatico?

Prima bisogna rendersi conto che questi Paesi sono diversi l'uno dall'altro. Poiché sono diversi, il problema nel mettere insieme una banca BRICS o qualsiasi organizzazione internazionale è chi avrà il controllo. Gli americani hanno sempre insistito sul fatto che non si uniranno a nessuna organizzazione in cui non abbiano potere di veto. A cominciare dalle Nazioni Unite e poi dal voto delle Americhe nel Fondo Monetario Internazionale e nella Banca Mondiale, possono porre il veto su qualsiasi cosa, secondo le regole che hanno istituito queste organizzazioni. In Eurasia devono rendersi conto che i Paesi sono molto diversi. Questo renderà politicamente difficile decidere quando assegnare i crediti per coprire i deficit commerciali e della bilancia dei pagamenti. Chi riceverà quanti crediti? C'è un limite?

Come consentiremo ai Paesi di pagare? Se un Paese sta per avere un surplus sostenuto, come la Cina, e altri Paesi sono deficitari, come possiamo evitare che i Paesi debitori finiscano come sono finiti oggi, a causa di debiti in dollari in America Latina e in altri Paesi? Come possiamo creare un sistema finanziario che non userà la finanza come nuova forma di guerra economica per ottenere il controllo del governo? Come faremo a farlo funzionare politicamente a beneficio dell'economia reale della produzione e del consumo, invece che a beneficio degli investitori finanziari che sono incaricati di acquistare e privatizzare questi mezzi di produzione?

L'America e l'Europa stanno per privatizzare sempre di più il settore pubblico, proprio come Margaret Thatcher ha iniziato a fare in Inghilterra. L'America e l'Europa finiranno come l'Inghilterra dopo Margaret Thatcher e il Partito Laburista quando Tony Blair si spinse oltre. Come si evita la privatizzazione? Garantendo a tutti alcuni diritti economici. Come si fa a garantire l'assistenza sanitaria, l'alloggio e il cibo?

Tutto ciò richiede un'ideologia economica, una dottrina. Non si può semplicemente farlo ad hoc. All'inizio, lo fate ad hoc. Lo inventate mentre procedete, vedete qual è la linea di minor resistenza, cosa è più facile da fare. Ma a un certo punto ci deve essere una discussione su cosa sia il socialismo oggi. Forse non vuoi chiamarlo socialismo. Comunque la si chiami, potrebbe essere l'Eurasia con caratteristiche eurasiatiche. Bisogna avere una carta dei diritti di base e una guida costituzionale, non come la Costituzione americana che è scolpita nella pietra, che non sarà mai cambiata, ma una costituzione che sarà continuamente aggiornata, continuamente modificata, andando avanti.

Come si fa a creare una struttura istituzionale flessibile che possa evolvere andando avanti, per soddisfare le crescenti e mutevoli esigenze delle società che stanno cercando di industrializzarsi, che stanno cercando di far fronte a problemi ambientali come il riscaldamento globale e le condizioni meteorologiche estreme? Come affronterai le nuove malattie? Come affronterete gli Stati Uniti e li terrà fuori dalla vostra regione? Come farà l'Eurasia ad avere la sua versione della Dottrina Monroe che dice: Eurasia per gli eurasiatici?

Non c'è bisogno che i nordamericani siano vicini all'Asia: "Puoi tenere il tuo continente e puoi distruggerlo quanto vuoi, ma stai lontano dal nostro territorio, proprio come stiamo fuori dal tuo territorio."

È come la divisione che è avvenuta nella religione 1000 anni fa. Ma invece di una divisione nella religione, ci sarà una divisione nella filosofia economica, una divisione nella decisione di ciò che vale la pena fare e quali sono le priorità. Come fisseremo le priorità che impediranno il tipo di depressione e degenerazione economica che sta accadendo negli Stati Uniti?

Vogliamo imparare dagli Stati Uniti, ma non vogliamo imparare come diventare come gli Stati Uniti. Vogliamo imparare come evitare i problemi che si sono verificati negli Stati Uniti. Quindi bisogna usare gli Stati Uniti e l'Europa come una lezione oggettiva per ciò che uno vuole evitare. La domanda è: come si fa a creare un gruppo di organizzazioni internazionali che siano libere dalla polarizzazione economica, dalla privatizzazione e dalla finanziarizzazione che hanno distrutto le economie americana ed europea?

 

Domanda: Quindi lo definiresti come "socialismo con caratteristiche eurasiatiche"?

Sì, o il "futuro". Si potrebbe semplicemente dire il "futuro con caratteristiche eurasiatiche". Non importa come la chiami, ma sarà un'economia mista. Molte persone hanno l'idea che socialismo significhi che il governo fa tutta la pianificazione. Questo non è davvero ciò che è il socialismo. Certo, ci sarà un'economia mista. Naturalmente ci sarà l'impresa privata. Naturalmente ci sarà la proprietà individuale, ma sarà soggetta a vincoli sociali in modo che le fortune che vengono fatte da qualche privato non saranno ottenute a spese del resto della società. Ci saranno limiti e regolamenti per ottenere guadagni privati in modo da creare guadagni sociali ed economici nel processo, non a spese dell'economia e della società.

È necessario coordinare i settori pubblico e privato. Invece come in America e in Europa, dove l'obiettivo del settore privato è quello di prendere il controllo del governo per privatizzare e svendere il dominio pubblico. C'è un'economia unidimensionale, privatizzata e finanziarizzata. L'Asia farà molto simile a quello che ha fatto la Cina: un'economia mista. Il ruolo del governo è quello di fornire servizi e beni che altrimenti sarebbero monopoli. Non vuoi monopolizzare. Non volete una classe in cerca di affitto. Non volete una classe che guadagna reddito e ricchezza senza effettivamente lavorare e fornire alcun prodotto economico. Ecco cos'è una società di rendita. Ecco cos'è una società in cerca di rendita. Questo è ciò che una società di proprietari terrieri era in Europa fino al 19° secolo, e ciò che una società in cerca di guadagno finanziario è nel 20° secolo oggi in Nord America.

Bisogna evitare la ricerca di rendita economica, la ricerca di rendita immobiliare e la ricerca di rendita monopolistica. Quei settori della finanza, della proprietà terriera, della ricerca e sviluppo, della salute pubblica, appartengono al dominio pubblico, non privatizzati. Oppure si finisce per sembrare che l'Inghilterra sia diventata dopo che Margaret Thatcher ha privatizzato l'edilizia sociale e ha cacciato la popolazione di Londra da Londra perché non poteva permettersi gli alloggi popolari privatizzati che sono stati acquistati e finanziarizzati. Guardate cosa è successo a Londra e alla Thatcher. Perché l'economia neoliberista non funziona?

Bisogna avere un'alternativa per dire che c'è un'alternativa all'economia neoliberista. Possiamo vedere che abbiamo inventato l'alternativa senza avere davvero un progetto su come farlo. Ma ora che abbiamo visto cosa sta cominciando a funzionare, certamente in Cina, possiamo sviluppare una sorta di modello di base per un'alternativa a ciò che sta accadendo nell'Occidente finanziarizzato e privatizzato.

 

Domanda: Michael, quando pensi che queste istituzioni dei BRICS saranno abbastanza solide da rendere reale almeno quello che dici?

Non c'è modo di saperlo. [...] L'obiettivo classico di un libero mercato è quello di rendere i mercati liberi dalla rendita economica, liberi dalla rendita fondiaria, liberi dalla rendita monopolistica e liberi dalle spese generali. Questi obiettivi degli economisti classici del 19° secolo, Adam Smith, John Stuart Mill e Marx dovrebbero essere la guida per ciò che sta accadendo.

Per fare ciò, devi avere una conoscenza della storia economica. Questo è quello che ho scritto. Ho appena pubblicato il mio libro sul perché la Grecia e Roma sono cadute a causa della loro crisi del debito e della concentrazione della proprietà terriera e immobiliare nelle mani di una classe di creditori. Tutto questo sta accadendo è accaduto ancora e ancora nella storia del mondo. Il modo migliore per creare un'alternativa in modo tempestivo è familiarizzare con la storia antica europea, con la storia del 19 ° secolo e con la lotta per un'economia più democratica in Occidente che ha fallito.

Bisogna evitare che fallisca nel modo in cui ha fatto prima. Ciò richiede l'impostazione del proprio curriculum. Non so se la chiamerete economia o se la chiamerete qualcosa come "come funziona il mondo", ma certamente non volete che i vostri pianificatori economici siano istruiti negli Stati Uniti, dove dicono che il modo per arricchire un'economia è lasciare che Wall Street e i centri finanziari facciano la pianificazione e concentrino la ricchezza nelle mani dei miliardari finanziari. Questo è il messaggio della teoria economica americana, e si vuole evitarlo.

Avrete davvero bisogno di un corpo di teoria economica e di un corpo di statistiche economiche per descrivere ciò che sta accadendo nella vostra economia. Avrete bisogno di un'alternativa al tipo di reddito nazionale e conti dei prodotti. Le statistiche del prodotto nazionale lordo in America non fanno distinzione tra reddito guadagnato e non guadagnato, nessuna distinzione tra produzione e spese generali. Pensano che più spese generali hai, questo è il contributo alla produzione economica. Dal momento che ci sono così tanti sprechi e spese generali negli Stati Uniti, sembra avere un PIL molto più alto rispetto ad altri Paesi. Ma questo assume la forma di armamenti, sprechi, oneri finanziari e di affitto che non fanno parte della produzione o della produzione. Sono un peso sulla produzione e una sottrazione al reddito nazionale, non un'aggiunta. È necessario riconcepire i conti economici nazionali per riflettere questa realtà e per poter tracciare ciò che sta effettivamente accadendo nei vari Paesi che entrano a far parte di questa nuova comunità eurasiatica.

 

Domanda: C'è qualcosa che hai detto prima che è molto significativo. Questo è il fatto che gli Stati Uniti, attraverso le loro varie organizzazioni, hanno fondamentalmente catturato la sfera della Conoscenza, catturato il dominio della conoscenza dove sponsorizzano molti giovani e promettenti intellettuali e politici del Sud del mondo. Questo è un altro problema che suppongo dobbiamo superare perché successivamente trapiantano quelle stesse istituzioni di conoscenza nei loro Paesi d'origine. Non importa che i locali vadano all'estero per ottenere dottorati di ricerca o istruzione dall'Occidente. Quindi questo è un altro tipo di sfida molto pratica che dobbiamo affrontare.

È una sorta di talent scout per traditori, alla ricerca di individui opportunisti disposti a schierarsi con gli Stati Uniti per ottenere introiti da organizzazioni non governative, fondazioni e think tank statunitensi e imparare gradualmente la linea di partito da rappresentare. Si renderanno conto di dover avere l'appoggio degli Stati Uniti per fare carriera, fino a diventare presidenti o politici, grazie a tutti i soldi che vengono investiti per comprare i traditori. Come ha detto Victoria Nuland nel 2015, abbiamo speso 5 miliardi di dollari in Ucraina per ottenere il controllo dei cleptocrati e dei politici, per assicurarci che servano le politiche americane.

Se 5 miliardi di dollari sono solo in Ucraina, potete immaginare quanti ce ne sono in Cina, India, altri Paesi asiatici, tutti per comprare il controllo lì. Per non parlare del prestigio che ha avere una laurea americana, anche se le università americane stanno tutte cercando di insegnarvi come non sviluppare invece di come svilupparvi, anche se vi stanno insegnando che il modo di sviluppare è privatizzare e lasciare che i finanzieri e i banchieri prendano il controllo della tua economia e gestiscano l'economia per i banchieri, non per la popolazione in generale. Beh, se siete sponsorizzati e comprati dall'America, vi vengono dati i soldi per studiarlo all'università, è così che penserete. Il problema è come i Paesi eurasiatici svilupperanno un sistema educativo e media pubblici, ideologia e valori morali che mettano al primo posto la popolazione, non l'1% dei banchieri.

[...]

Gli americani dicono ciò che pensano che il mondo voglia credere, ma stanno facendo qualcos'altro. Quindi tanto vale guardare a ciò che fanno gli americani, soprattutto al terrorismo che stanno facendo in Ucraina. È un esempio di ciò che potrebbero fare in Cina, proprio come hanno fatto in Libia, in Iraq e in Siria. Guardate il modo in cui trattano gli altri Paesi, il modo in cui hanno trattato il loro alleato numero uno, la Germania, attaccando le importazioni di petrolio, gas, fertilizzanti e altre importazioni dalla Russia e strangolando l'economia tedesca.

Come ha detto Kissinger, è pericoloso essere nemici degli Stati Uniti, ma è fatale esserne amici. Non è il caso di essere troppo amici degli Stati Uniti, come lo è il signor Macron, o di credere a ciò che dicono i politici filoamericani. Bisogna guardare a ciò che fanno. E a volte sono così sicuri di sé in quello che fanno. Si guardi a ciò che dice Victoria Nuland. Se ne esce dicendo che siamo disposti a uccidere chiunque non sia d'accordo con noi. Siamo disposti a fare quello che l'America ha fatto a Salvador Allende in Cile quando abbiamo messo Pinochet. Siamo disposti a sostenere un colpo di Stato in Ucraina. Stiamo dicendo loro di uccidere i russofoni. Siamo davvero disposti a distruggere il mondo.

E poi ci sono i cristiani in America che dicono, sai, far saltare in aria il mondo con la guerra atomica non è una cosa così male, perché quando farai saltare in aria il mondo, Gesù verrà. E manderà gli americani in paradiso e tutti gli stranieri all'inferno, cioè i cristiani in paradiso e tutti i non credenti all'inferno. E i non credenti sono quelli che non credono che le economie debbano essere gestite dalle banche, fondamentalmente.

Questo è il tipo di desiderio di morte che si sente dagli Stati Uniti. È per questo che l'esercito americano è un po' esitante rispetto al Dipartimento di Stato quando si tratta di ciò che si intende fare militarmente. Ma ancora e ancora, quando il Dipartimento di Stato e i politici, il Segretario di Stato Blinken dice: "La Russia non ha alcuna linea rossa. Se avesse una linea rossa, avrebbe già fatto qualcosa. Possiamo fare quello che vogliamo perché siamo l'America". Questa è la stessa politica che può essere usata contro la Cina o qualsiasi altro Paese.

[...]

Il problema sarà come far sì che l'America Latina diventi parte della crescita mondiale invece di staccarsi dall'imperialismo finanziario americano. A un certo punto questi Paesi dovranno smettere di pagare il loro debito in dollari. Dovranno dire che il debito che abbiamo nei confronti degli obbligazionisti stranieri era un debito predatorio, un debito cattivo da parte di un governo di occupazione. Non pagheremo la Banca Mondiale. Non pagheremo il FMI e non pagheremo gli obbligazionisti. Ora facciamo parte di un mondo diverso. Abbiamo lasciato il mondo del dollaro per entrare in quello che è il nuovo mondo del XXI secolo.

Il problema è che le burocrazie e i dipartimenti amministrativi dei governi di tutta l'America Latina, l'Africa e l'Asia sono stati formati non solo negli Stati Uniti, ma come parte di una dottrina economica, una teoria neoliberista che è stata promossa dalla Banca Mondiale, dal Fondo Monetario Internazionale e dal sistema scolastico degli Stati Uniti e dalle persone che assegnano il Premio Nobel per il pensiero neoliberista finanziarizzato della Scuola di Chicago. È necessario avere una burocrazia addestrata a rendersi conto che esiste un modo alternativo di sviluppo. Quello che non volete è che l'Eurasia e la maggioranza globale dicano semplicemente che saremo indipendenti dall'America e dall'Europa, ma saremo proprio come l'America e l'Europa. Cercheremo di farlo meglio.

Non saremo finanziarizzati come l'America e l'Europa, ma lo saremo da soli, non per gli Stati Uniti – quello sarebbe un disastro, perché in Asia e nella maggioranza globale finirebbe come sono finiti gli Stati Uniti e l'Europa, senza industria, economicamente polarizzati con pochi miliardari al vertice dell'economia, che spadroneggiano sull'economia generale impoverita e piena di debiti.

Quindi è necessaria un'intera struttura amministrativa, un'organizzazione di agenzie governative e burocrazie che mirano a creare un tipo di società molto diversa da quella degli Stati Uniti e dell'Europa. Non si tratta di una semplice de-dollarizzazione, di essere come l'America e l'Europa ma di usare la propria moneta. È una nuova civiltà, un nuovo tipo di civiltà diversa dalla deviazione che ha preso la civiltà occidentale..

Ecco perché ho scritto il mio libro "Collapse of Antiquity" – per mostrare come la civiltà occidentale 2000 anni fa abbia preso una piega diversa da ciò che è accaduto in Asia e nel resto del mondo. Bisogna rendersi conto che l'Occidente ha fatto una deviazione e vuoi tornare a uno sviluppo che abbia un governo abbastanza forte, non un palazzo ma qualcosa come un partito di governo che sarà incaricato di strutturare i mercati in modo che l'intera economia ne tragga beneficio.

Bisogna fare in modo che tutti possano soddisfare le proprie esigenze di base senza indebitarsi. Se qualcuno deve indebitarsi per avere cure mediche, per nutrirsi, per avere un alloggio, come avviene negli Stati Uniti, finirà per diventare una classe dipendente e per perdere la libertà. Bisogna creare un tipo di società alternativa - non solo un'economia diversa, ma una società diversa in cui le persone non perdano la libertà. Sarà un diritto pubblico avere una sanità pubblica, la possibilità di avere una casa propria, di avere un'istruzione propria senza indebitarsi.

Una vita di debiti si verifica negli Stati Uniti, dove imbattersi in una vita di debiti significa che devi accettare un lavoro, non importa quanto poco paghi e finire fondamentalmente a lavorare nella versione finanziaria della dipendenza dal debito e del feudalesimo. L'Occidente è sprofondato di nuovo in una sorta di feudalesimo, feudalesimo finanziarizzato, neofeudalesimo. Ci vuole un'economia che non abbia una società feudale di rendita, e lo fate impedendo alle famiglie e alle imprese di arricchirsi cercando la rendita, arricchendosi senza produrre nulla, ma semplicemente con mezzi di sfruttamento. Bisogna fare statistiche economiche che distinguano lo sfruttamento predatorio dal realizzare effettivamente un profitto.

Tutto questo è un modo diverso di pensare a come si evolve il mondo, ed è necessario sviluppare questa alternativa e condividerla in modo che gli altri Paesi possano rendersi conto che "sì, esiste un'alternativa all'economia americana gestita dalle banche". Questo è il profilo di un'alternativa e i nostri governi creeranno agenzie amministrative e principi di regolamentazione che promuovano il benessere generale, non solo quello finanziario. L'economia reale, non le pretese finanziarie sull'economia reale.

 

 

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

SVENTATO COLPO DI STATO IN CONGO di Andrea Puccio SVENTATO COLPO DI STATO IN CONGO

SVENTATO COLPO DI STATO IN CONGO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti