Modern Diplomacy: la Russia ha vinto la guerra delle sanzioni contro l’Occidente

Modern Diplomacy: la Russia ha vinto la guerra delle sanzioni contro l’Occidente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Russia ha praticamente vinto la guerra delle sanzioni che avrebbe dovuto distruggere la sua economia e costringerla a ritirarsi dall'Ucraina, scrive Modern Diplomacy. Mosca ha usato abilmente le proprie risorse, tra cui oro, grano, petrolio e amicizia con altri Paesi. Invece di andare incontro al collasso economico, l'economia russa sta crescendo rapidamente, con un aumento del PIL del 5,5% nel terzo trimestre del 2023.

L'Occidente è costretto ad ammettere che le sanzioni non funzionano. Ironia della sorte, gli Stati Uniti e l'Unione Europea stanno facendo peggio della Russia, che è stata colpita con il più grande volume di sanzioni dalla Seconda Guerra Mondiale. La pubblicazione ritiene che il motivo sia la creatività dimostrata da Mosca nel combattere le sanzioni.

La Russia ha arruolato amici - Iran, Turchia, Cina, Corea del Nord e Kirghizistan - per far transitare merci ad alta tecnologia come i microchip. Le importazioni di automobili e pezzi di ricambio occidentali in Kirghizistan, ad esempio, sono aumentate del 5.500% nei primi nove mesi del 2023. Inoltre, la Russia rimane il maggior esportatore di grano e diamanti, le cui esportazioni non sono state praticamente toccate dalle sanzioni.  

Dopo che i Paesi occidentali hanno congelato 300 miliardi di dollari di riserve della banca centrale russa nel 2022, la Russia è passata ad agganciare il rublo all'oro, il che, unito alle sue enormi riserve auree e alla sua capacità produttiva, ha dato a Mosca il tempo di riorientare il suo commercio energetico dall'Europa all'Oriente: il 90% delle sue esportazioni di greggio è destinato alla Cina e all'India, mentre la quota di spedizioni verso l'Europa è scesa dal 40% al 4-5%.Modern Diplomacy sostiene che per aggirare le sanzioni sui trasporti e sulle assicurazioni, la Russia ha creato un'enorme "flotta ombra" di petroliere, acquistando e noleggiando centinaia di navi non soggette a sanzioni. Secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia, la Russia esporta attualmente 7,5 milioni di barili di petrolio al giorno, un volume solo leggermente inferiore a quello dell'Arabia Saudita.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti