Morto a Damasco Tariq Al-Khadra, storico comandante dell'Esercito di Liberazione della Palestina

Morto a Damasco Tariq Al-Khadra, storico comandante dell'Esercito di Liberazione della Palestina

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Il comandante in capo dell'esercito di liberazione della Palestina, il Generale di Divisione Tariq Al-Khadra, è  morto, ieri all'età di 79 anni all'Ospedale Tishreen di Damasco, come ha riportato il portale Al Masdar News.


 
 
Biografia
 
Mohammad Tariq bin 'Abdel-Rahman Al-Khadra nacque da una famiglia palestinese nella città di Safed (durante mandato britannico di Palestina) nel 1941.
 
Il defunto generale trascorre poi gran parte della sua infanzia vivendo nelle città costiere di Gaza e Haifa prima della guerra del 1948, che costrinse gli abitanti a trasferirsi a piedi nella vicina Bint Jbeil in Libano e infine nella città di Homs in Siria.
 
Il leader dell'esercito di liberazione della Palestina trascorse il resto della sua infanzia a Homs fino al 1958, prima di continuare gli studi secondari alla scuola Jawdat Al-Hashemi di Damasco nel 1960. Nello stesso anno, si offrì volontario nell'ala dell'esercito arabo siriano della Repubblica araba unita e si unì al Military Technical College al Cairo.
 
Si è laureato presso il Military College di Homs nel 1962 con il grado di tenente.
 
Dopo la fondazione dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina, si unì all'esercito di liberazione della Palestina a metà del 1966 con il grado di primo luogotenente e fu nominato comandante generale dell'esercito di liberazione della Palestina con sede al Cairo.
 
Due mesi prima della guerra del giugno 1967, il generale Khadra si unì alle unità di combattimento del PLA nella Striscia di Gaza e combatté la guerra in difesa del settore come comandante. Dopo la battuta d'arresto, si unì alle unità dell'esercito di liberazione della Palestina di stanza sul fronte del canale di Suez vicino a Fayed e per dieci mesi rimase capo di stato maggiore del battaglione Al-Saiqa (fulmine) all'interno delle forze di 'Ayn Jalout.
 
A metà del 1968, tornò all'esercito di liberazione della Palestina nella Repubblica araba siriana e assunse l'incarico di comandare un battaglione nelle forze di Hattin con il grado di capitano.
Ha comandato la sua unità di stanza nel settore meridionale del fronte siriano (a Wadi Raqqad) dalla fine del 1968 fino alla prima parte del 1970, durante la quale ha combattuto e sostenuto molte operazioni di commando di successo contro le forze israeliane.
 
Si è trasferito con la sua unità nell'area di Arqoub nel sud del Libano nel 1970 per proteggere le forze palestinesi che si stavano formando lì, quindi si è trasferito dal Libano meridionale ed è entrato nella sua unità con il resto delle forze hittin nell'area di Irbid in Giordania durante gli eventi del settembre nero.
 
Alla fine del 1970, formò la divisione per la ricognizione e la sicurezza militare dell'Esercito di liberazione della Palestina, e nel 1971 assunse l'incarico di comandare le forze Hittin, con il grado di capitano, oltre a essere il capo della divisione per la ricognizione.
 
Nel 1972, Khadra completò un corso militare di un anno in Unione Sovietica.
 
Il comandante dell'esercito di liberazione della Palestina guidò le sue forze durante la guerra di ottobre del 1973, che effettuò con successo un'operazione di sbarco dietro le linee nemiche nell'area (Tal Al-Fares).
 
Il generale Khadra assunse le funzioni del comando delle forze di collegamento nel nord del Libano dalla fine del 1975 fino alla seconda metà del 1976, con il grado di tenente colonnello.
Nel 1980, è stato promosso comandante in capo dell'esercito di liberazione della Palestina e poi promosso al grado di generale di divisione nel 1999.
 
Il defunto generale è stato membro dell'Unione degli scrittori arabi e membro dell'Unione dei giornalisti palestinesi e ha pubblicato numerosi articoli politici, studi intellettuali e poesie sui media sia siriani che palestinesi.
 
 
 

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti