Mosca: "Le relazioni tra Russia e Venezuela sono in continua espansione"

Mosca: "Le relazioni tra Russia e Venezuela sono in continua espansione"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Da RT

I ministri degli esteri di Russia e del Venezuela, Lavrov e Delcy Rodríguez, si sono incontrati oggi a Mosca per dare nuovo impulso alle relazioni bilaterali dei due paesi.



Le relazioni tra i due paesi "sono in piena espansione," e i Presidenti "comunicano regolarmente" attraverso "una commissione di alto livello che prende in esame tutte le questioni, il commercio e gli investimenti di cooperazione economica", ha detto Lavrov in merito alla riunione.

In questo senso, il ministro degli esteri russo ha molto apprezzato il sostegno del Venezuela ai processi di cooperazione tra la Russia ed i paesi latinoamericani e caraibici. Per quanto riguarda la questione petrolifera, entrambi i paesi concordano sul fatto che l'accordo raggiunto a Vienna lo scorso anno sulla riduzione della produzione di petrolio stabilizzerà domanda e offerta e sosterrà gli investimenti nel mercato del petrolio nel lungo termine, ha detto Lavrov.

Lavrov ha sottolineato poi il "ruolo importante", interpretato da Mosca e Caracas per il raggiungimento di quest'accordo nel dicembre dello scorso anno. Secondo Lavrov, la questione sarà discussa in dettaglio nel corso della riunione di oggi tra il ministro degli Esteri del Venezuela e ministro dell'energia russo Alexander Novak.

Nel frattempo, il ministro degli Esteri venezuelano ha detto che la Russia "ha un ruolo molto importante" per superare le "gravi sfide" che la comunità internazionale si trova di fronte. "La Russia è un giocatore globale e sostiene la stabilità e l'ordine in tutto il mondo," ha dichiarato Delcy Rogriguez che ha invitato formalmente Lavrov a visitare Caracas quest'anno.

 
Sulla crisi politica in Venezuela, Delcy Rodríguez, ha detto che "tutti i tentativi di rovesciare il governo legittimo del Venezuela falliranno" dal momento che "il popolo venezuelano si è impegnato per la democrazia e si distingue per i metodi pacifici nella conduzione di questa lotta. "

Il ministro venezuelano ha anche ricordato che nel 2015 il presidente Nicolas Maduro ha avviato il dialogo nazionale con l'opposizione, che è stato ostacolato dal carattere non "omogeneo" dell'opposizione, in quanto vi sono canali di dialogo ma anche dei "circoli estremisti" che agiscono sotto i dettami di Washington.

In questo senso, la "pressione esterna" contro il Venezuela si riflette anche nel blocco finanziario nei mercati internazionali, ha proseguito. Come ricordato, l'anno scorso sono arrivate navi in Venezuela con il cibo, ma il paese non poteva permettersi di pagare, perché c'era una banca che non accettava questi pagamenti.

"Queste sono le forme non convenzionali di attacco ai sistemi legislativo e costituzionale del Venezuela", ha concluso Delcy Rodriguez.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO