/ Mosca risponde alle accuse del capo della missione ONU che indaga...

Mosca risponde alle accuse del capo della missione ONU che indaga gli attacchi chimici in Siria

 

Il Ministero degli Esteri russo ritiene che, con le sue critiche alla Russia, Edmond Mulet vuole cercare di porre rimedio "alla sua cattiva reputazione".


Il ministero degli Esteri russo considera dichiarazioni "inaccettabili" di Edmond Mulet, il capo della missione congiunta delle Nazioni Unite e l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) per indagare sull'attacco chimico in Siria, il quale dice che Mosca avrebbe cercato di imporre le sue conclusioni alla Commissione.
 
Lo scorso 8 novembre, in un'intervista al quotidiano statunitense 'The New York Times', Mulet ha dichiarato che la Russia aveva protestato contro i metodi per indagare sull'uso delle armi chimiche in Siria pochi mesi prima dalla pubblicazione della relazione. Secondo Mulet, i diplomatici russi hanno dato istruzioni al capo della missione sul loro lavoro e hanno rifiutato di accettare le conclusioni se non fossero state seguite le direttive russe.
 
Nel suo commento, il ministero russo degli affari esteri nota che sia il contenuto delle accuse di Mulet che il suo tono sono una chiara indicazione che l'intento del funzionario è quello di salvare la sua reputazione professionale.
 
"Crediamo che il tono e, soprattutto, l'essenza degli attacchi effettuati contro la Russia sono inaccettabili per un funzionario internazionale del suo livello. Per noi è ovvio che in questo modo sta cercando di porre rimedio alla sua cattiva reputazione", si legge sul sito ufficiale del Ministero.
 
Il ministero degli Esteri ha anche ricordato che durante le consultazioni che si sono svolte nel mese di settembre per iniziativa di Edmond Mulet, la raccomandazione principale dei diplomatici russi doveva essere agito in stretta conformità con le norme della Convenzione sulla proibizione delle armi chimiche. Questa raccomandazione includeva, tra l'altro, l'invio di specialisti al sito dell'attacco chimico a Khan Sheikun e alla base aerea Shayrat, dove l'esercito siriano presumibilmente conservava munizioni chimiche.
Il ministero ha osservato che Mulet non ha seguito la raccomandazione e preferisce fare un'indagine a distanza.
 
"Ha fatto ogni sforzo per giustificare la versione dei fatti che, anche prima della apertura dell'inchiesta è stata già annunciata da Washington e da altre capitali occidentali come l'unica possibile. Cioè, la versione del presunto attacco del Syrian Air Force con munizioni chimiche. Tutti i dati raccolti dal meccanismo investigativo sono stati adeguati a questa conclusione. Gli altri possibili scenari della relazione sono indicati in modo puramente formale e praticamente ignorati", prosegue la nota della Diplomazia russa.
 
La dichiarazione afferma che la relazione della missione dell'OPCW è di basso livello dal punto di vista professionale e supera "i limiti del dilettantismo". "La principale conclusione circa la presunta colpevolezza di Damasco nell'uso del sarin era assolutamente insostenibile", dicono al Ministero russo degli affari esteri.
 
"Non permettere la politicizzazione dell'OPCW"
 
Da parte sua, il rappresentante permanente della Russia al OPCW, Alexander Shulguín, ha dichiarato che i risultati degli esperti che l'attacco gas sarin nella Khan Shaykhun sia stato effettuato da Damasco sono basate su prove indiziarie.
 
In una riunione dell'OPCW che si è svolta il 9 novembre scorso all'Aia, Shulguín ha chiesto di impedire ulteriori politicizzazione dell'organizzazione. "La gente non giunge alle giuste conclusioni, quindi ho detto che è importante per noi non permettere una maggiore politicizzazione della nostra organizzazione", ha sottolineato il rappresentante russo.
 
Fonte: http://www.mid.ru - The New York Times
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa