Nestlé ammette: la maggior parte dei suoi prodotti non è salutare

Nestlé ammette: la maggior parte dei suoi prodotti non è salutare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La multinazionale svizzera del cibo e delle bevande Nestlé ha ammesso che la maggior parte dei suoi prodotti sono malsani e che alcuni di essi non potranno mai essere considerati salutari, indipendentemente da quanto si rinnovano, riporta il Financial Times, citando documenti interni dell'azienda a cui ha avuto accesso.

Secondo il quotidiano, il documento è stato preparato all'inizio di quest'anno e distribuito ai vertici dell'azienda. Indica che solo il 37% degli alimenti e delle bevande prodotti da Nestlé ha ottenuto un punteggio di oltre 3,5 punti in un sistema di valutazione australiano con un punteggio massimo di 5 stelle, utilizzato dagli esperti del settore in tutto il mondo. 

Questi prodotti escludono cibo per bambini, per persone con determinate condizioni mediche, per animali domestici e caffè normale.

All'interno del portafoglio globale di prodotti alimentari e bevande della multinazionale svizzera, circa il 70% non ha raggiunto le 3,5 stelle necessarie per ottenere una "definizione riconosciuta di salute". Di questi, il 96% delle bevande e il 99% dei prodotti del comparto pasticceria e gelateria non ha raggiunto i 3,5 punti. Tuttavia, l'82% delle acque minerali e il 60% dei prodotti lattiero-caseari hanno ottenuto punteggi superiori a questa cifra.

"Genera denaro il più rapidamente e nella maggior quantità possibile"

"Abbiamo apportato miglioramenti significativi ai nostri prodotti, [ma] il nostro portafoglio ha ancora prestazioni inferiori alle definizioni esterne di salute in un ambiente in cui la pressione normativa e le richieste dei consumatori sono alle stelle", ha evidenziato il documento di Nestlé.

L'azienda afferma di lavorare affinché i suoi prodotti aiutino a soddisfare le esigenze nutrizionali dei consumatori e promuovano una dieta equilibrata.

Dal canto suo, un'esperta di nutrizione citata dal Financial Times ritiene che gli sforzi di questaa e di altre aziende del settore difficilmente potranno concretizzarsi . "Il compito delle aziende alimentari è quello di generare denaro per gli azionisti e generarlo il più rapidamente e nella maggior quantità possibile. Venderanno prodotti [cibo spazzatura] che raggiungono un pubblico di massa e vengono acquistati da quante più persone possibile. ", ha affermato Marion Nestle, professoressa alla Cornell University negli Stati Uniti.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti