/ "Non ci inchineremo al gigante": gli agricoltori indiani denuncia...

"Non ci inchineremo al gigante": gli agricoltori indiani denunciati da PepsiCo rifiutano qualsiasi accordo

 

Gli agricoltori in India, che sono stati citati in giudizio dalla PepsiCo per aver piantato patate brevettate, hanno respinto un accordo extragiudiziale. Sostenuti da funzionari e colleghi agricoltori, hanno la legge nazionale dalla loro parte, secondo gli attivisti che li difendono.


Il colosso del cibo ha preso di mira nove agricoltori dello stato del Gujarat, nell'India occidentale, con cause legali che chiedono il risarcimento dei danni per l'utilizzo di una varietà di patate protette dal diritto d'autore.
 
L'azione legale, ha affermato PepsiCo, è intesa a proteggere altri agricoltori, che acquistano i semi direttamente dalla società e vendono i prodotti a un prezzo determinato dalla quest'ultima. Una delle cause intentate dalla multinazionale contro quattro agricoltori è stata si è aperta venerdì scorso nella città di Ahmedabad.
 
La società ha offerto due opzioni per risolvere la controversia. Una sarebbe quella di firmare un accordo per smettere di piantare la varietà di semi. L'altro sarebbe quello di e firmare un contratto di agricoltura standard con la multinazionale. Quest'ultima darebbe agli imputati "accesso a rendimenti più elevati, qualità migliorata, formazione nelle pratiche migliori della classe e prezzi migliori", ha affermato la società.
 

 
Ma i quattro agricoltori hanno respinto l'accordo proposto.
 
"Accettare l'offerta significherebbe che abbiamo commesso un errore. Speriamo di ottenere giustizia e non ci piegheremo alle pressioni della multinazionale ", ha dichiarato Vindo Kumar Ishwar Bhai, uno dei quattro agricoltori.
 
I contadini hanno ragione nel ritenere di non aver fatto nulla di male, ha spiegato Kavitha Kurungati, attivista dell'Alleanza per l'agricoltura sostenibile e olistica (ASHA), un gruppo di difesa indiano per i diritti degli agricoltori. Quando l'India ha aderito all'Organizzazione mondiale del commercio nel 2001, ha optato per una forte protezione delle tradizionali pratiche di allevamento dei semi dei suoi agricoltori, ha dichiarato a RT.
 
"Abbiamo decine di migliaia di varietà [di semi] in questo paese perché gli stessi agricoltori sono stati eccellenti allevatori. Sapevano come creare semi e conservarli. I legislatori indiani hanno riconosciuto che gli agricoltori devono essere mantenuti alla pari o addirittura superiori rispetto ai moderni allevatori aziendali."
 
Agli agricoltori viene persino permesso di vendere semi brevettati come quello al centro delle cause PepsiCo, purché non violino il marchio, ha spiegato Kurungati.
 
I coltivatori di patate del Gujarat hanno goduto di un enorme sostegno da parte di agricoltori, autorità indiane e persone comuni nella loro disputa con PepsiCo. La richiesta di risarcimento, che ammonta a circa 1 milione di dollari per tutti e nove gli imputati messi insieme, è ampiamente percepita come eccessivamente alta e l'intera situazione come un tentativo di farli diventare parte dello schema aziendale di PepsiCo. Alcuni indiani hanno persino invitato a boicottare tutti i prodotti PepsiCo per protesta.
 

 

 
Kurungati ha detto che la proposta di risoluzione extragiudiziale indica che la società si rende conto che la quantità di cattiva pubblicità che sta guadagnando per le sue azioni supera di gran lunga qualsiasi possibilità di vincere.
 
"Penso che la Pepsi sia stata estremamente sciocca nel sottovalutare il fatto che i cittadini si schiereranno dalla parte di questi agricoltori e hanno fatto qualcosa contro la nostra legge. Non avrebbe dovuto molestare gli agricoltori in questo modo."
 
Il caso esaminato venerdì scorso dovrebbe avere una sentenza definitiva il 12 giugno. Kurungati ritiene che PepsiCo possa trovarsi con il cerino in mano, dal momento che gli agricoltori possono presentare una petizione al tribunale per assegnargli un risarcimento per molestie.
"È molto importante che la sovranità dei semi degli agricoltori sia confermata. Dovrebbero avere la libertà di scegliere ciò che vogliono crescere, come hanno sempre fatto ", ha ricordato. "Stiamo facendo pressione sul governo, dicendo che hanno il dovere di attuare la legge. C'è uno spirito dietro quella legge, che deve essere mantenuto."
 
 
Fonte: Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa