Nucleare iraniano. Per Teheran l'accordo è già scritto, ma l'Occidente perde tempo

Nucleare iraniano. Per Teheran l'accordo è già scritto, ma l'Occidente perde tempo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ecco un esempio di come l'Occidente non abbia nessuna voglia di negoziare. Il motivo? Non vuole negoziare ma imporre la sua volontà egemonica. O meglio, gli Stati Uniti vogliono imporre la loro volontà e i lor servi sciocchi li seguiranno.

Parliamo del nucleare iraniano, "È stata preparata una bozza dell'accordo ed è stato necessario studiare attentamente questa bozza", ha affermato oggi il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Said Jatibzade, riferendosi al ritorno del capo negoziatore nucleare iraniano, Ali Baqeri Kani, a Teheran, nel mezzo dei colloqui in corso a Vienna, volti a rilanciare l'accordo sul nucleare iraniano PIAC o JCPOA.

Jatibzade ha precisato che il 98 per cento del progetto di accordo è già stato redatto e restano solo alcune questioni da risolvere.

 I Paesi europei e gli Stati Uniti "non hanno ancora preso una decisione politica sulle tre questioni principali", ha aggiunto senza fornire ulteriori dettagli.

Il diplomatico iraniano ha chiarito che l'Iran non sta cercando un nuovo accordo oltre il PIAC ai colloqui di Vienna. Infatti, ha proseguito, l'accordo è stato raggiunto nel 2015 e l'Iran e il Gruppo 4+1 sono a Vienna per assicurarsi che gli Stati Uniti non si ritirino di nuovo dall'accordo.

In questo stesso contesto, ha indicato che Washington deve dare garanzie concrete che non violerà alcun eventuale patto concordato a Vienna.

Khatibzade ha anche precisato che i rappresentanti iraniani non hanno discusso né accettato nulla di meno degli interessi economici del popolo iraniano, ribadendo che l'Iran cerca l'effettiva rimozione delle sanzioni imposte nei suoi confronti.

Inoltre, ha voluto che le altre parti non prolunghino ulteriormente i colloqui, sottolineando che l'accordo è accessibile solo se le altre parti mostrano la volontà di risolvere i problemi in sospeso. "Se i diritti legittimi dell'Iran vengono rispettati, siamo a un buon punto per concludere l'accordo ", ha aggiunto.

D'altra parte, ha indicato che il conflitto in Ucraina non avrà un impatto sulle conversioni a Vienna, poiché ciò che si sta facendo al riguardo si basa sul PIAC e sugli interessi di tutte le parti, ha ricordato.

Dall'aprile dello scorso anno Iran, Regno Unito, Francia, Cina, Russia e Germania hanno tenuto a Vienna (otto tornate di negoziati con l'obiettivo di rilanciare l'accordo nucleare firmato nel 2015. Gli Stati Uniti partecipano al i colloqui indirettamente perché dal suo ritiro unilaterale dal PIAC nel maggio 2018, non è più un membro attuale del patto.

Teheran ha sempre sottolineato che ciò che è fondamentale nei colloqui di Vienna è l'effettiva revoca delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti contro la nazione iraniana e la normalizzazione delle relazioni commerciali ed economiche con il paese persiano, in modo che qualsiasi accordo debba coprire queste richieste di Teheran.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti