Nuova Dottrina militare e il duplice ruolo di Lukashenko: cosa cambia in Bielorussia con la settima APA

Nuova Dottrina militare e il duplice ruolo di Lukashenko: cosa cambia in Bielorussia con la settima APA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Fabrizio Verde


Il 24-25 aprile, Minsk ha ospitato la settima Assemblea popolare bielorussa (APA) nella storia della repubblica post-sovietica, dove il presidente bielorusso Alexander Lukashenko è stato eletto a una nuova posizione: presidente dell'APA.

La prima Assemblea popolare bielorussa si è tenuta nel 1996 e finora questo organo si è riunito ogni cinque anni per riassumere i risultati socio-economici del piano quinquennale e formulare i compiti per il nuovo mandato. All'assemblea hanno partecipato i rappresentanti delle autorità centrali e locali, nonché i rappresentanti delle imprese e delle organizzazioni pubbliche.

L’Assemblea nazionale suprema non aveva alcun potere reale ed era piuttosto un organismo quasi decorativo progettato per dimostrare i successi e l’ampio sostegno popolare dell’attuale leadership bielorussa.

Il 2020 ha cambiato questa situazione. In concomitanza con le proteste – indotte e orchestrate dall’Occidente - scoppiate nelle strade di Minsk e di altre città bielorusse dopo le elezioni presidenziali, Alexander Lukashenko annunciò una riforma costituzionale che, tra le altre cose, prevedeva la trasformazione dell'Assemblea nazionale in un influente organo di potere statale.

All'epoca, gli analisti politici ritenevano che questa nuova configurazione avrebbe svolto un ruolo chiave nel passaggio del potere in Bielorussia. L'ipotesi più accreditata era che Lukashenko avrebbe assunto la carica di presidente dell'APA, mentre un'altra persona sarebbe stata eletta presidente con poteri costituzionalmente ridotti.

Gli emendamenti costituzionali adottati nel referendum del 27 febbraio 2022 hanno poi confermato questo scenario. All'APA sono stati conferiti ampi poteri, tra cui il controllo sul Presidente.

Secondo la Costituzione aggiornata della Bielorussia, l'Assemblea popolare bielorussa ha il diritto di esaminare la questione della legittimità delle elezioni presidenziali e di decidere di rimuovere il presidente dall'incarico “in caso di violazione sistematica o grave della Costituzione o della commissione di alto tradimento o di altro grave reato”.

Inoltre, l’assemblea può ora dare indicazioni vincolanti agli organi e ai funzionari governativi, e il presidente non fa eccezione.

Pertanto, dopo la riforma costituzionale, nel sistema politico bielorusso si sono formati due centri di potere: il presidente e il presidente dell'Assemblea nazionale suprema. Il secondo dovrebbe “tenere d’occhio” il primo.

Qualcosa di simile è stato osservato in Kazakistan dal 2019 al 2022, quando il presidente Kassym-Jomart Tokayev era sotto la supervisione di Nursultan Nazarbayev, che ha poi mantenuto le cariche di presidente del Consiglio di Sicurezza, capo del partito al potere Nur Otan e il titolo di “leader della nazione”.

Probabilmente, i disordini di massa in Kazakistan nel gennaio 2022 e la trasformazione politica derivante hanno indotto Lukashenko a pensare all’opportunità di istituire una sorta di doppio potere in Bielorussia.

Pertanto, è stato deciso che l'attuale presidente della Bielorussia ricoprirà contemporaneamente anche la carica di presidente del Consiglio Supremo.

La formalizzazione giuridica di questa decisione è avvenuta due anni dopo il referendum, nella prima riunione dell'Assemblea popolare bielorussa dopo l'acquisizione dello status costituzionale.

Allo stesso tempo, accettando la nuova posizione, Lukashenko ha affermato di appartenere alla “generazione dei politici uscenti”. Le successive parole rivolte dal presidente ai delegati dell'assemblea sono state ancora più eloquenti: “Spero che quando noi non ci saremo più, voi - l'Assemblea Nazionale - terrete insieme questo Paese”.

A quanto pare, il leader bielorusso non ha rinunciato all'idea di far transitare il potere attraverso il passaggio alla presidenza dell'Assemblea Nazionale, ma per oggi questo processo è stato messo in pausa.

E questa pausa durerà a lungo, perché nella stessa riunione Lukashenko ha dichiarato che parteciperà alle elezioni presidenziali del 2025, “se il popolo lo deciderà”.

Ovviamente, uno dei motivi principali della sospensione della transizione di potere è la difficile situazione internazionale in cui si trova la Bielorussia.

Durante il suo discorso all'Assemblea Popolare Bielorussa, Lukashenko ha affermato che l'opposizione filo-occidentale e i suoi burattinai stanno pianificando di impadronirsi del distretto di Kobrin della Repubblica, di dichiarare la propria autorità e di chiedere alla NATO l'invio di truppe.

Il Presidente della Bielorussia ha anche parlato della creazione di gruppi terroristici nascosti nella Repubblica, che potrebbero annunciarsi contemporaneamente all'invasione di gruppi armati illegali.

La leadership bielorussa considera l'Ucraina la principale fonte di pericolo, dove, secondo il capo del KGB bielorusso Ivan Tertel, sono stati addestrati circa mille paramilitari per impadronirsi degli insediamenti bielorussi. In un simile contesto, è davvero estremamente rischioso cambiare la configurazione del potere.


Aggiornamento della dottrina militare bielorussa

Alla luce della tesissima situazione internazionale e delle nuove minacce che incombono su Minsk, la Bielorussia ha aggiornato la sua dottrina militare e il suo concetto di sicurezza strategica. Minsk ritiene ora possibile l'uso di misure preventive per scoraggiare le aggressioni. I documenti chiariscono anche gli impegni degli alleati dell’ex repubblica sovietica. Gli esperti sottolineano che la ragione principale del cambiamento dei documenti è la situazione geopolitica intorno alla Bielorussia. Alexander Lukashenko a tal proposito ha denunciato che gli Stati Uniti non hanno alcuna intenzione di porre fine al conflitto in Ucraina e quindi il suo paese è costretto a rispondere alle minacce esistenti nella regione.

L'Assemblea popolare bielorussa ha approvato due documenti politico-militari fondamentali che regoleranno l'approccio della Bielorussia per garantire la propria sicurezza: il concetto di sicurezza nazionale e la dottrina militare.

Il nuovo concetto di sicurezza nazionale sostituirà il documento in vigore dal 2010. La versione precedente della dottrina militare era stata adottata nel 2016. Entrambi i documenti sono stati creati in altre realtà geopolitiche, mentre le tendenze moderne nel mondo, caratterizzate dall'intensificazione degli sforzi dei paesi occidentali per mantenere un’egemonia globale ormai declinante, impongono nuovi requisiti per aggiornare i propri approcci, sottolinea la leadership bielorussa.

I documenti mantengono le principali direttrici per garantire la sicurezza nazionale, politica, economica, sociale, demografica, scientifica e tecnologica. Ma è stata aggiunta la sicurezza biologica. Viene preso in considerazione anche il contesto del conflitto ucraino, che rappresenta una minaccia non solo per i confini meridionali della Bielorussia.

Inoltre, il documento presenta un approccio aggiornato alla classificazione dei conflitti. Secondo gli autori dei documenti, la loro classificazione consueta è ormai divenuta obsoleta.

“Ora abbiamo definito chiaramente che può verificarsi un conflitto tra Stati o coalizioni di Stati. Cioè, abbiamo fatto una gradazione in base al numero di partecipanti e abbiamo stabilito chiaramente che la Bielorussia può affrontare autonomamente le minacce in caso di conflitto interstatale, soprattutto con gli Stati confinanti. Nell'ambito della risposta, abbiamo suddiviso le minacce in interne ed esterne", ha dichiarato il capo del Ministero della Difesa bielorusso Viktor Khrenin.

Inoltre, il concetto aggiornato di sicurezza nazionale include un determinato atto giuridico di natura chiusa, che contiene indicatori di tutte le sfere della vita - politica, economica e militare. Lo ha dichiarato il Presidente Alexander Lukashenko. Non sono state fornite informazioni più dettagliate su questo documento.

I documenti dottrinali contengono anche una disposizione secondo cui la Bielorussia considererà legittime le misure preventive per scoraggiare le aggressioni.

“Discutiamo di qualsiasi conflitto militare come mezzo per attuare la politica e aderiamo ai principi di risoluzione pacifica delle controversie, uguaglianza degli Stati, non interferenza negli affari interni, nonché ad altri principi e norme generalmente riconosciuti del diritto internazionale. Allo stesso tempo, riteniamo legittimo utilizzare tutte le forze e i mezzi a nostra disposizione per attuare misure preventive volte a prevenire o respingere l’aggressione”, ha osservato Viktor Khrenin.

Poi, la leadership bielorussa ha parlato del dispiegamento di armi nucleari tattiche russe, che non dovrebbero essere percepite in Occidente come un elemento di ricatto nucleare. Perché questo tipo di armamento permette alle forze armate bielorusse di avere un arsenale completo di forze per infliggere danni non accettabili per un potenziale avversario, ha sottolineato la leadership militare del Paese ponendo l’accento sul concetto di deterrenza.

Minsk, approvando questi nuovi aggiornamenti della dottrina militare tiene conto delle circostanze esterne che influiscono direttamente sulla sfera della sicurezza sia della Bielorussia che dello Stato dell'Unione con la Russia. In uno scenario dove risulta essere anche notevolmente aumentata l’attività di intelligence dei paesi NATO e la loro aggressività. Nello scorso mese di marzo la NATO ha organizzato la più grande esercitazione degli ulktimi decenni, Steadfast Defender 2024, con oltre 50 mezzi navali, tra cui portaerei, cacciatorpediniere, fregate e corvette. Risorse aeree come F-35, Eurofighter, F-18, Harrier, F-15, F-16, Gripen, elicotteri e una miriade di velivoli senza pilota. Oltre 1.100 veicoli da combattimento, inclusi più di 150 carri armati, 500 veicoli da combattimento di fanteria e 400 veicoli corazzati.

A proposito delle esercitazioni Lukashenko ha dichiarato: “Il nemico è stato identificato: Russia e Bielorussia”. Per respingere eventuali aggressioni, la Bielorussia ha già trasferito diversi battaglioni dal voblast di Vitebsk al confine occidentale, che sono in uno stato di piena prontezza operativa.

Le autorità bielorusse hanno reso noto di essere in possesso di informazioni sul numero e sulla tipologia delle armi presenti in Polonia.

Allo stesso tempo, Minsk è consapevole che in caso di scontro militare diretto tra Russia e NATO, la Bielorussia sarà il primo paese a essere colpito. E qui Lukashenko tiene conto non solo del contesto della crisi ucraina, ma anche dell'esperienza della Grande Guerra Patriottica (Seconda guerra mondiale).


La centralità geopolitica della Bielorussia

La Bielorussia occupa una posizione significativa nel cuore dell’Eurasia, svolgendo un ruolo cruciale nella geopolitica della regione. Situata al crocevia tra Europa e Asia, la Bielorussia funge da porta tra Oriente e Occidente. La sua posizione strategica gli conferisce importanza in termini di influenza sia economica che politica nella regione.

Uno dei motivi principali per cui la Bielorussia è importante nel cuore dell’Eurasia è la sua stretta relazione con la Russia. La Bielorussia ha storicamente mantenuto forti legami con il suo vicino orientale anche dopo l’implosione dell’Unione Sovietica, rendendola un partner cruciale per la Russia. I due paesi sono membri dell’Unione economica eurasiatica, un blocco commerciale che promuove l’integrazione economica e la cooperazione tra i suoi Stati membri.

Inoltre, la Bielorussia funge da stato cuscinetto tra la Russia e l’Unione Europea. Nel passato c’è stato un periodo in cui ha provato ad assumere una posizione neutrale nelle relazioni internazionali, ma alla luce della solita doppiezza occidentale Lukashenko ha fatto retromarcia e rinsaldato i rapporti con la Russia che rischiavano di incrinarsi irrimediabilmente.

La Bielorussia è anche un attore chiave nel settore agricolo, con una parte significativa della sua economia dipendente dall’agricoltura e dalla produzione alimentare. Il terreno fertile e il clima favorevole del paese ne fanno un importante produttore di cereali, patate e latticini, essenziali per la propria sicurezza alimentare e per il commercio con i paesi vicini. Le esportazioni agricole della Bielorussia contribuiscono alla sicurezza alimentare e allo sviluppo economico della regione, rendendola un attore importante nel cuore dell'Eurasia.

Minsk svolge un ruolo nella sicurezza e nella difesa regionale, poiché è membro dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO), un’alleanza militare di stati post-sovietici. Le forze armate del Paese contribuiscono alla difesa collettiva dei suoi membri.

Infine, la Bielorussia è un attore chiave nell’economia digitale, con un settore tecnologico in crescita che attira investimenti e promuove l’innovazione nella regione. Il settore IT del Paese è in rapida espansione, con una forza lavoro qualificata e politiche governative di sostegno che stanno guidando la crescita e lo sviluppo. Il settore tecnologico bielorusso sta diventando un hub per startup e imprenditori, contribuendo alla diversificazione economica e alla competitività nel cuore eurasiatico.

Nel complesso, l’importanza della Bielorussia nel cuore eurasiatico risiede nella sua posizione strategica, nella stretta relazione con la Russia, nel ruolo di stato cuscinetto, nell’importanza nel settore energetico e agricolo, nel contributo alla sicurezza regionale e nella crescente presenza nell’economia digitale. In quanto attore chiave nella regione, la Bielorussia svolge un ruolo cruciale nel plasmare le dinamiche del cuore eurasiatico e nell’influenzarne gli sviluppi politici, economici e sociali. Per questo motivo i paesi occidentali da tempo hanno messo Minsk nel mirino per seminare ulteriore destabilizzazione alle porte della Russia e provare ad assestare un duro colpo a Mosca che così come accaduto con l’Ucraina non può accettare di avere ai propri confini potenze ostili o scenari di pericolosa destabilizzazione politica e sociale.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti