World Affairs/Nuovi documenti declassificati ribadiscono il ruolo cruciale dell...

Nuovi documenti declassificati ribadiscono il ruolo cruciale dell'Armata Rossa nella liberazione di Varsavia

 

Le parti interessate cercano di sminuire il ruolo delle forze sovietiche nella liberazione dell'Europa dalla Germania nazista e persino di travisare fatti storici. Tuttavia, le prove documentali di quel tempo parlano da sole

Fonte articolo
 
Il 17 gennaio 1945, il quinto giorno dell'offensiva dell'Armata Rossa nella Vistola-Óder, Varsavia, la capitale polacca, fu liberata dalle forze del  ° Fronte bielorusso e della 1a armata dell'esercito polacco. La città era stata occupata dalla Germania nazista dal 28 settembre 1939.

 
Per il 75° anniversario della liberazione di Varsavia dai nazisti, il Ministero della Difesa russo ha presentato sul suo sito web una nuova sezione storica, basata su documenti unici e declassificati che "contengono informazioni sulla Rivolta di Varsavia, la liberazione della capitale della Polonia da parte dell'Armata Rossa, le atrocità perpetrate dagli invasori nazisti sul suolo polacco e l'aiuto che i vincitori disinteressatamente hanno fornito al popolo liberato ".
 
La declassificazione di questi archivi ha lo scopo di proteggere la verità storica, contrastare le falsificazioni dei fatti e i tentativi di riscrivere i risultati della Grande Guerra Patriottica e della Seconda Guerra Mondiale , indicati dal Ministero.
 
A Varsavia non la celebrano
 
Mentre Mosca progetta di celebrare la liberazione di Varsavia dai nazisti con fuochi d'artificio, la notte di questo 17 gennaio, le autorità polacche non hanno in programma festeggiamenti. E non è la prima volta che la Polonia ignora la liberazione della sua capitale.
 
Dal crollo dell'Unione Sovietica, molti politici di tutta l'Europa orientale hanno seguito l'idea che l'URSS e la Germania nazista fossero ugualmente responsabili dello scoppio della seconda guerra mondiale.
 
Allo stesso modo, hanno affermato che i soldati dell'Armata Rossa non hanno liberato la Polonia dagli occupanti nazisti, ma hanno invece guidato la propria occupazione, qualcosa che si rifletteva anche nei libri di storia di quella nazione e causava la diffusione di miti , che ora sono confutati in documenti recentemente declassificati.
 
 
Mito 1: "I combattenti dell'esercito locale erano i veri eroi"
 
Con la Polonia sotto l'occupazione nazista, l'Esercito degli Interni (Armia Krajowa o AK), che sostenne il governo in esilio con sede a Londra, divenne un movimento di resistenza dominante. Decenni dopo, i combattenti dell'AK furono accolti da molti nella Polonia moderna come veri eroi e patrioti della storia, mentre i polacchi che aiutavano le forze sovietiche venivano spesso demonizzati come traditori.
Nel 2019, il presidente Andrzej Duda ha onorato i membri sopravvissuti dell'AK come modelli di riferimento e li ha definiti "tesoro prezioso della storia". Tuttavia, i documenti declassificati dell'Armata Rossa rivelano che l'immagine attualmente goduta dai combattenti AK è stata "sbiancata" .
 
In molti casi, dopo la fine della guerra, le unità AK si sono comportate in modo meno ammirevole, vagando come bande criminali armate , rapendo e uccidendo gli ufficiali di polizia polacchi e "terrorizzando" la gente comune che aveva osato aiutare ai sovietici.


 
Nel novembre del 1945, agenti della AK attaccarono una stazione di polizia nella città di Kepno, uccidendo tutti all'interno, compresi la moglie e i due figli di un ufficiale. Nello stesso mese, hanno ucciso un membro filo-sovietico del Partito dei lavoratori polacco nel suo appartamento nella città di Pulawy, di fronte a sua moglie, e hanno ferito suo figlio.
I combattenti dell'AK lanciarono anche una campagna di intimidazione contro i polacchi che cooperarono con le forze sovietiche. Sono stati avvertiti: "Prendi i tuoi figli e preparati a morire".
 
 
 
 
Mito 2: "L'Armata Rossa ha schiacciato la rivolta del 1944"
 
Ansiosa di cancellare qualsiasi ricordo positivo della liberazione sovietica di Varsavia, la Polonia scelse di concentrarsi su un'eroica ma fallita ribellione che ebbe luogo nelle strade di quella città nell'autunno del 1944. L'anno scorso, Duda accusò l'Armata Rossa di adottare un atteggiamento "passivo" durante la rivolta, presumibilmente per consentire ai nazisti di annientare i polacchi che avrebbero potutoo quindi opporsi ai sovietici.
 
Questa opinione è comune nei media polacchi. Un articolo pubblicato nel suo giornale principale, Rzeczpospolita, l'anno scorso, sosteneva che l'URSS si rifiutava di aiutare i ribelli perché vedeva la rivolta come "un'opportunità unica per distruggere l'élite della nazione polacca dalla mentalità indipendente, sotto le mani tedesche" .
In realtà, quando la rivolta polacca contro i nazisti era in pieno svolgimento, l' Armata Rossa liberò il distretto di Varsavia di Praga sulla riva sinistra del fiume Vistola, ma le sue truppe mancavano di mezzi sufficienti per avanzare e attaccare la città in pieno, si legge nei documenti declassificati. 
 
Nonostante la grande carenza di carburante per l'aviazione, i sovietici riuscirono a fornire cibo, armi e munizioni ai ribelli polacchi . L'Armata Rossa ha anche bombardato alcune parti della città su richiesta dei ribelli.
 
I documenti indicano anche che la rivolta è stata concepita erroneamente fin dall'inizio: viene descritto come i ribelli, armati solo di pistole e granate, non sono riusciti a catturare post strategici cruciali e distruggere le ferrovie, che i nazisti stavano usando per trasportare le forze in città. . Inoltre, le barricate di strada improvvisate dei ribelli non potevano competere con i carri armati nazisti e l'artiglieria.
 
Mito 3: "Tutti i polacchi hanno visto l'Armata Rossa come occupanti malvagi"
 
Il National Memory Institute (IPN), affiliato al governo polacco e il Ministero degli affari esteri polacco, presentano i soldati dell'Armata Rossa non come liberatori del nazismo, ma semplicemente come " occupanti totalitari " , che avrebbe avuto poca differenza con le truppe di Hitler e quelle odiate dal popolo polacco.
A questo proposito, i documenti declassificati dell'Armata Rossa affermano che in alcune aree i polacchi simpatizzavano maggiormente con gli insorti dell'AK. Tuttavia, a Varsavia, la stragrande maggioranza della gente del posto era "amichevole e accogliente" con i soldati dell'Armata Rossa, ringraziandoli per la liberazione del paese contro i nazisti.
 
"I tedeschi volevano ucciderci, ma i sovietici ci salvarono, e ora siamo di nuovo a casa", i giornali citano un residenteche, insieme ad altri 50 polacchi, fu salvato dalle truppe sovietiche vicino alla città di Rzeszow: erano a punto di essere trasportato in Germania per lavoro da schiavo.
 
Allo stesso tempo, i documenti parlano del calore e della gioia con cui i polacchi accolsero i soldati dell'Armata Rossa nei territori liberati. "La gente del posto riceve con entusiasmo l'Armata Rossa e l'Esercito polacco, sono ore nelle strade e nelle piazze, dando un caloroso benvenuto alle truppe di passaggio".
 
Mito 4: "I sovietici saccheggiarono la Polonia dopo la guerra"
 
Secondo l'IPN, le truppe sovietiche non portarono altro che distruzione alla Polonia, poiché "la società polacca rimase schiavizzata sotto il dominio sovietico e sotto il regime comunista di Mosca per i decenni successivi".
 
In realtà, dopo aver liberato la Polonia devastata dai nazisti, le forze sovietiche lottarono per distribuire cibo e porre fine alla fame nella popolazione locale . 
 
Uno dei documenti declassificati riporta come l'Armata Rossa, tra il 1944 e il 1945, fornì ai polacchi 316.000 tonnellate di patate e verdure, oltre a oltre 138.000 tonnellate di cereali diversi.
 
 
 
La gente del posto ha anche ricevuto decine di strumenti e prodotti diversi : da bovini, aratri, trattori e mietitrici a materassi e macchine da cucire. L'Unione Sovietica ha fornito un enorme sostegno per ripristinare l'economia polacca dopo averla liberata dalla Germania nazista.
 
Inoltre, i medici sul campo del Primo Fronte bielorusso hanno curato decine di migliaia di residenti negli ospedali dell'esercito, mentre le truppe ferroviarie di quell'unità ricostruirono molte strade ferroviarie, strade e ponti che furono demoliti durante la guerra.
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa