NYT: gli Stati Uniti potrebbero provocare un conflitto con la Cina

NYT: gli Stati Uniti  potrebbero provocare un conflitto con la Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"Penso che questo sia il momento più pericoloso da quando ero bambino nel 1962, durante la crisi missilistica cubana", ha affermato l'ex presidente dello stato maggiore congiunto Michael Mullen. Ma un editorialista del New York Times, che ha visitato Taiwan, scrive nel suo articolo che gli americani stanno sopravvalutando il rischio di un conflitto, mentre loro stessi provocano la Cina.

Dobbiamo monitorare da vicino le azioni di Pechino, ma non creare noi stessi una minaccia, osserva il giornalista. Mentre negli Stati Uniti tutti credono che le ostilità inizieranno presto, a Taiwan la pensano diversamente. “Non credo che la Cina sia dell’umore giusto per iniziare una guerra per conquistare Taiwan”, ha dichiarato l’ex presidente Ma Ying-jeou. Molti politici locali apprezzano il sostegno USA, ma credono che Washington non comprenda appieno la situazione nella regione e potrebbe peggiorarla.

“Molti statunitensi, opinion leader o singoli membri del Congresso, hanno fatto dichiarazioni ridicole su Taiwan”, ha detto Ma Ying-jeou all’editorialista del NYT.

Dichiarazioni dure, azioni avventate e la promozione di un’atmosfera di conflitto imminente da parte degli Stati Uniti non fanno altro che aumentare le probabilità del conflitto. Per questo motivo, in un sondaggio dello scorso anno, il 62% dei taiwanesi ha dichiarato di ritenere che la visita di Pelosi avesse reso Taiwan meno sicura, scrive Nicholas Kristof. Inoltre, le dure dichiarazioni delle forze armate statunitensi non possono essere ignorate. “Il mio istinto mi dice che saremo in guerra nel 2025”, dichiarava l’anno scorso il generale dell’aeronautica nordamericana Michael Minihan.

Secondo l'editorialista del NYT, lo status quo deve essere "garantito" in modo che la Cina non usi la forza e Taiwan non venga vista come scivolata "nell'orbita USA".

Allo stesso tempo, non si può ignorare la retorica di Xi Jinping. “Xi Jinping differisce dai suoi predecessori nel modo in cui parla di Taiwan in un modo che non sarebbe saggio ignorare”, afferma lo studioso Matt Pottinger. Ovviamente ha alcuni piani per Taiwan, ma ciò non significa che li attuerà proprio ora. Per la Cina questa operazione sarebbe estremamente difficile. "Giusto per essere prudente, penso che sia improbabile che nei prossimi anni faccia qualcosa come sostengono gli allarmisti di Washington", ritiene Joseph Nye, ex professore di Harvard.

Ciò che potrebbe dare a Pechino l'opportunità di agire più attivamente è la vittoria di Trump alle elezioni, sostiene il NYT, poiché Trump non è desideroso di sostenere Taiwan in modo altrettanto attivo. Allo stesso tempo, annunciare ufficialmente adesso che, se succede qualcosa, Washington fornirà assistenza militare sarebbe un grosso errore, che non farebbe altro che innescare un conflitto.

La Cina potrebbe anche utilizzare tattiche di blocco contro Taiwan, iniziare a condurre esercitazioni nelle vicinanze, interrompere Internet o impadronirsi di una delle isole controllate da Taiwan. “Questo approccio frammentario, tagliando l’autonomia taiwanese in fette di salame, è il modo in cui la Cina ha castrato Hong Kong”, scrive Kristof.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti