"Oh, issa!" Feodor Ivanovich Chaliapin – Voce dell'anima russa

"Oh, issa!"  Feodor Ivanovich Chaliapin – Voce dell'anima russa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Note e riflessioni di Nora Hoppe e Tariq Marzbaan

Feodor Ivanovich Chaliapin nacque in una famiglia di contadini il 1° febbraio 1873 a Kazan (capitale della Repubblica del Tatarstan). Suo padre, Ivan Yakovlevich, lavorava come impiegato nel Consiglio distrettuale dello zemstvo, beveva spesso, e faticava a guadagnarsi da vivere. Feodor studiò alla scuola privata Vedernikova, ma fu espulso per aver baciato una compagna di classe.

In gioventù, Feodor Ivanovich fu apprendista prima presso un calzolaio, poi presso un falegname, prima di aiutare il padre nelle sue mansioni amministrative. Si dice che abbia imparato a leggere da un vicino di casa, Maksim Gorkij, che molto più tardi sarebbe diventato un suo amico.

Chaliapin iniziò a cantare all'età di nove anni, nel coro della chiesa locale, come contralto. All'età di 16 anni iniziò a cantare in compagnie d'opera itineranti e fu durante una di queste tournée che incontrò il suo unico maestro, Dimitri Usatov.

La sua carriera inizia in Russia, all'Opera di Tbilisi, e poi soprattutto a San Pietroburgo. Dal 1899 al 1914 fu impegnato al Bolshoi, dove la sua fama crebbe. La sua interpretazione di Boris Godunov a Parigi nel 1908 non solo fece conoscere il suo nome al pubblico parigino, ma allo stesso tempo rese famosa l'opera di Musorgskij. Accanto ai Balletti Russi di Diaghilev, Chaliapin contribuì a far conoscere la musica russa a Parigi, a Monte Carlo e a Londra, dove lasciò ricordi indimenticabili grazie al suo talento di attore e alla sua voce di eccezionale estensione, che può essere descritta come un basso alto dal timbro leggero.

Secondo l'opinione diffusa, Feodor Ivanovich non era solo un cantante magistrale, ma anche un attore eccezionale e un maestro dell'personificazione. Di statura alta e imponente, con lineamenti espressivi e sguardo penetrante, Chaliapin lasciava un'impronta indelebile nei suoi migliori ruoli tragici. (Il Mugnaio, Boris Godunov, Mefistofele, Don Chisciotte). Stupiva il pubblico con il suo temperamento frenetico, cantando ogni nota, trovando intonazioni molto precise e sincere per ogni parola della canzone, ed essendo assolutamente organico e autentico sul palco.

Ma il suo talento non si limitava alla musica e alla recitazione. Era un brillante disegnatore e si cimentava nella pittura e nella scultura. Si sono conservati molti ritratti, autoritratti, disegni e caricature del suo lavoro. Dimostrò un grande talento letterario, mostrando nelle sue opere scritte una mente naturale ampia e accorta, un senso dell'umorismo fuori dal comune e un'acuta capacità di osservazione.

Feodor Ivanovich aveva anche uno spiccato senso della giustizia e una consapevolezza della lotta di classe. Non dimenticò le proprie origini contadine e si impegnò a fondo per inserire nel suo repertorio canzoni popolari che trattavano delle lotte del popolo.

Uno dei primi "canti rivoluzionari dei lavoratori" è stato "Canto dei battellieri del Volga" [si veda il testo e la traduzione approssimativa alla fine], una celebre canzone tradizionale russa che descrive la sofferenza delle classi inferiori della Russia imperiale. Si tratta di un anonimo canto di fatica le cui origini risalirebbero alla fine del XVI secolo. Inizialmente il canto riguardava tutti i lavoratori che trascinavano chiatte e battelli sui fiumi russi, dal Volga al Dnepr; il titolo originale russo è infatti "Ey, ukhnem!" (che corrisponde a: "Oh, issa!"). I battellieri svolgevano un compito arduo e pesante, erano imbragati con delle cinghie tramite le quali dovevano trascinare imbarcazioni e chiatte, contrastando la corrente; il gruppo era guidato da una persona che, in testa, indicava il ritmo e il passo da tenere; il canto riusciva a mantenere unito il gruppo e lo aiutava nello svolgere la faticosa incombenza. Chaliapin rese popolare questo canto già nel 1902 e lo mantenne sempre nel suo repertorio. (Il brano è poi entrato a far parte anche delle esecuzioni del Coro dell'Armata Rossa.)

Il famoso dipinto di Ilya Repin "I trasportatori di chiatte sul Volga" raffigura questi "burlaki", uomini che nella Russia zarista trascinavano le chiatte o le navi a monte e lavoravano lungo il Volga.

 

                               

Nella sua autobiografia "Maschera e anima", scritta a Parigi nel 1932, Chaliapin scrive di essersi trovato coinvolto, in un modo o nell'altro, negli eventi politici dell'epoca. Sottolineando in tutti i modi possibili il suo coinvolgimento, prima di tutto, in tutto ciò che è spirituale, nell'arte nelle sue varie manifestazioni, Chaliapin affermava ripetutamente che la politica non lo riguarda: "Chiedermi di politica è come chiedere a un eschimese cosa pensa di una sonata di Beethoven." Tuttavia, una persona così attenta e curiosa non poteva fare a meno di notare, all'inizio del secolo, l'inizio della decomposizione dell'élite dirigente dell'Impero russo.

Feodor Ivanovich scrisse: "Nel 1904 divenne chiaro che il movimento rivoluzionario era molto più profondo di quanto si pensasse. Il governo, pur potendo contare su un'imponente forza di polizia, stava vacillando e indebolendosi. La debolezza del governo dimostrava che le sue fondamenta nel Paese non erano così forti come sembrava a prima vista, e questa consapevolezza approfondì ulteriormente il fermento tra il popolo." A questo proposito ha ricordato le agitazioni studentesche, gli scioperi dei lavoratori nelle fabbriche, gli atti di terrorismo. Soprattutto il movimento rivoluzionario "si intensificò" dopo la sconfitta della Russia nella guerra con il Giappone.

Scrisse: "Nella primavera del 1905 sperimentai la mia prima forte sensazione della crescente rivoluzione a Kiev, dove mi trovai per caso a confrontarmi direttamente con le masse lavoratrici. Commisi allora un 'peccato' che i guardiani delle 'fondamenta' e i guardiani dell''ordine' non poterono perdonarmi per molto tempo. Fu a Kiev che cantai per la prima volta in pubblico in un concerto la famosa canzone dei lavoratori - 'Dubinushka'" [si veda il testo e la traduzione approssimativa alla fine]. "Dubinushka", che significa "piccola mazza", è un riferimento alle mazze di legno usate dai braccianti come strumenti di lavoro - che dovrebbero essere impiegate invece per rovesciare i loro padroni oppressivi. Il ritmo della canzone vuole imitare il ritmo del duro lavoro. Dopo questa canzone molti videro in Chaliapin un rivoluzionario estremo, e le autorità iniziarono a cercare il cantante perfino in Italia, anche perché il cantante aveva dato 3.000 rubli agli operai per il concerto di Kiev. Si decise che Chaliapin sosteneva quindi i rivoluzionari. In risposta ai sospetti della polizia rispose semplicemente: "Quando do denaro per il pane e loro lo usano per bere, - non sono affari miei".

 

                                     

Feodor Ivanovich si sentiva particolarmente vicino al movimento rivoluzionario, date le sue umili origini e la sua esperienza diretta della povertà e dell'ignoranza in cui vivevano i contadini. Questi sentimenti lo accomunavano a Maksim Gorkij, anch'egli proveniente dallo stesso ambiente povero di Kazan e che condivideva con Chaliapin un destino simile, nonché la sua vocazione di artista.

Nonostante i suoi numerosi viaggi, Chaliapin continuò a esibirsi alla Casa del Popolo di Pietrogrado e a sostenere la Rivoluzione di febbraio del 1917, rimanendo legato al popolo russo da un unico cordone ombelicale.

Ma durante gli sconvolgimenti rivoluzionari ci furono molti disordini e vandalismi. Chaliapin e altre figure culturali di Pietrogrado si unirono sotto la guida di Maksim Gorkij per creare una commissione per la conservazione dei valori culturali e artistici, recandosi nei palazzi reali e in altre strutture opulenti per salvare questi e altri oggetti di valore dal vandalismo. In una delle riunioni di questa commissione, Feodor Ivanovich parlò della necessità di un nuovo inno nazionale - per sostituire il vecchio "Dio salvi lo Zar". Egli stesso decise di scrivere il testo e la musica di questo inno [si veda il testo e la traduzione approssimativa alla fine].

Il 21 marzo scrisse alla figlia Irina: "Una rivoluzione straordinaria ha messo in agitazione tutti gli strati della società e, naturalmente, tutti hanno cominciato a lavorare a tutti i costi, almeno per la sistemazione temporanea dell'organismo statale così terribilmente sconvolto. Perciò devo anche recarmi quasi quotidianamente a varie riunioni. Attualmente sono membro della Commissione per gli Affari Artistici, e tra pochi giorni entrerò a far parte della Società per lo Studio della Vita e delle Attività dei Decembristi, dei progetti per l'erezione di monumenti a loro dedicati, eccetera eccetera. Inoltre, quando ho ascoltato le masse di persone che camminavano con striscioni, cartelli e altre cose appropriate, cantando sempre i motivi tristi e funerei della vecchia vita da schiavi, mi sono proposto di cantare, alla mia prima esibizione nella nuova vita di libertà, qualcosa di allegro e audace. Ma, purtroppo, non trovando nulla di adatto dai nostri compositori in questo senso, mi permisi di scrivere io stesso le parole e la musica per loro. Senza pretendere gli allori di uno scrittore o di un compositore, ho comunque scritto un pezzo piuttosto riuscito, che credo di aver chiamato 'Canto della Rivoluzione' e che, per la prima volta dai giorni della rivoluzione, eseguirò per la prima volta domenica 26 marzo, nel pomeriggio, al concerto sinfonico del Reggimento Preobrazhensky a Mosca e poi al Teatro Mariinskij [a Pietrogrado]".

L'11 giugno 1917 Chaliapin organizzò un concerto di beneficenza a Sebastopoli, in Crimea, davanti a un pubblico di 30.000 persone tra marinai, soldati, studenti e disabili della Prima guerra mondiale, con la partecipazione dell'Orchestra sinfonica del porto di Sebastopoli, di una banda militare di ottoni, di un coro di musicisti portuali e di reggenti di navi, rinforzato da cantanti-velisti. Era assistito dal direttore d'orchestra e dal maestro del coro, reggente della Flotta del Mar Nero. Nella prima sezione del concerto, Chaliapin ha cantato "La Marsigliese" in uniforme da marinaio.

La rivista "Krymsky Vestnik" del 15 luglio 1917 riporta le memorie di alcuni testimoni oculari: "Era una serata calda. Le stelle scintillavano. Si sentiva il lieve rumore delle onde che si infrangevano sulla riva rocciosa del Primorsky Boulevard. Il palco all'aperto, decorato con fiori, era illuminato a giorno... Si era radunata una folla eterogenea di molte migliaia di persone: signore elegantemente vestite, ufficiali ben curati, marinai, soldati con occhiali d'oro scintillanti alla vita."

"Vendevano volantini stampati con la canzone rivoluzionaria di Chaliapin. Le tribune, tutti i posti a sedere davanti al palco erano pieni. La prima fila di panche era occupata da disabili prelevati da tutti gli ospedali di Sebastopoli. Il traffico dei tram è stato sospeso per due o più ore. Il raro silenzio era riverente... L'enorme orchestra sinfonica del porto di Sebastopoli si trovava in basso davanti al palco, e sul palco si trovava una banda militare di ottoni. Un gong suonò. Tutta l'immensa massa del pubblico si agitò per l'eccitazione e la gigantesca sala si bloccò".

"Chaliapin apparve sul palco in uniforme da marinaio e ricevette una bandiera rossa. Circondato dai capisquadra del club dei marinai e dei soldati, i partecipanti al concerto, annunciò: 'Sono orgoglioso e felice di essere potuto venire da voi, cittadini, marinai e soldati. Sono felice di dare il benvenuto all'Armata Libera Russa nella Flotta del Mar Nero.' Le parole dell'artista sono state accolte da un fragoroso applauso. Le macchine fotografiche scattavano, le cineprese rumoreggiavano".

"Chaliapin indossava un'uniforme bianca da marinaio, con la sua bella testa alta. La brezza gli scompigliava dolcemente i riccioli. La sua figura alta e possente, il suo bel viso pieno di anima e la sua voce unica e famosa in tutto il mondo". Ha baciato i delegati e ha pronunciato un discorso sull'influenza dell'arte sull'animo umano:

"È strano per me che nel nostro tempo rivoluzionario, la scienza e l'arte sembrino essere in un recinto. La felicità di una Russia libera può essere raggiunta senza di esse? Naturalmente è irraggiungibile. Il mondo non conosce Stati che prosperano senza illuminazione, cioè senza scienza e arte. Al contrario, il mondo conosce Stati che sono morti e stanno morendo a causa della mancanza di istruzione e di cultura, a causa dell'oscurità delle masse del popolo, un'oscurità che rende le masse suscettibili di ogni tipo di indottrinamento disastroso..."

Il "Bollettino di Crimea" del 16 luglio ha osservato che: "Circondato da un coro splendente di marinai, Chaliapin ha eseguito la sua opera rivoluzionaria. Le note solenni del meraviglioso canto fremevano e riempivano l'aria, elettrizzando la folla ed evocando sentimenti misti di gioia e trepidazione. Cantavano un inno solenne alla libertà, alla memoria eterna degli amici e dei compagni morti per la libertà... L'atmosfera cresceva. Uniti come un unico essere, mostrarono soggezione e ascoltarono estasiati le parole di Chaliapin. È stato avvincente e indicibilmente struggente! Sembrava che qualcuno singhiozzasse, sembrava che il cielo versasse lacrime... All'improvviso i suoni cessarono. Per un attimo ci fu un silenzio di tomba, ma improvvisamente l'aria fu scossa da una tempesta di applausi. I marinai sollevarono Chaliapin tra le braccia e lo cullarono a lungo..."

"Con tutta la potenza, con tutta la forza del suo talento, il cantante ha chiamato i nostri cittadini alle bandiere, all'unità, alla vittoria sul nemico, sul tiranno... Dopo l'energico assolo di Chaliapin, il coro si è unito, e la canzone si è diffusa in modo ampio e potente, fluttuando nell'aria sopra il pubblico di mille teste. L'esperienza fu colossale, elettrizzante! Il pubblico del palco si è alzato in piedi per lo stupore. Ogni parola di questa canzone risuonava nel cuore di tutti. E quando si udirono le parole di supplica, che chiamavano alle bandiere e onoravano la memoria eterna di tutti i nostri compagni e amici caduti nella lotta per la libertà, tutti si alzarono in piedi, tutti chinarono il capo... Molti si commossero fino alle lacrime."

In quei mesi, nei suoi discorsi dal palco e anche a Sebastopoli, Feodor Ivanovich parlava costantemente di libertà. Intendeva come dovere delle persone emancipate non solo amare e proteggere la patria dal nemico, ma, soprattutto, credeva che una persona libera dovesse studiare, essere istruita e avere una grande cultura. Come molti altri, Chaliapin credeva nella giustizia sociale e non dimostrava il suo amore per la patria solo a parole. Durante la Prima guerra mondiale, aveva fatto tutto il possibile per combattere il nemico fuori dalle trincee. E comprese la rivoluzione come un'opportunità per il popolo di diventare più organizzato, illuminato e umano...

*  *  *  *  *

Si dà il caso che in entrambe le canzoni popolari e rivoluzionarie "Dubinushka" e "Canto dei battaglieri del Volga" compaia il russo "Ej, ukhnem!" - che per lo più corrisponde all'italiano "Oh, issa!", un'esclamazione usata per sincronizzare l'azione collettiva di un gruppo che richiede forza e sforzo. È un appello all'unità e alla solidarietà per superare le difficoltà e raggiungere insieme un obiettivo comune. Non è forse questo ciò di cui noi, il popolo di oggi, abbiamo bisogno ora?

Alcuni riferimenti:

https://ru.wikipedia.org/wiki/%D0%A8%D0%B0%D0%BB%D1%8F%D0%BF%D0%B8%D0%BD,_%D0%A4%D1%91%D0%B4%D0%BE%D1%80_%D0%98%D0%B2%D0%B0%D0%BD%D0%BE%D0%B2%D0%B8%D1%87

Fyodor Chaliapin v semnadtsatom: gimn rossiyskoj svobode

http://kazan-journal.ru/news/mashina-vremeni/fyodor-shalyapin-v-semnadtsatom-godu-gimn-rossiysk

 Risunki i stikhi Chaliapina

https://kovlam.livejournal.com/2967316.html

F.I. Chaliapin. «Maska i dusha». Moskva «Soyuztheater» STD USSR, 1990 /  

F.I. Chaliapin. "Mask and Soul". Moscow. "Soyuztheater". STD USSR, 1990

*  *  *  *  *

Testi dei canti con delle traduzioni approssimative:

"Canto dei battellieri del Volga"

"Dubinushka"

"Canto della Rivoluzione"

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti