Operazione Sea Guardian della NATO: la militarizzazione di una crisi umanitaria

Operazione Sea Guardian della NATO: la militarizzazione di una crisi umanitaria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


 
La Commissione europea questa settimana presenterà un nuovo piano per il reinsediamento dei rifugiati negli Stati membri dell'UE. Le proposte fanno parte di un più ampio pacchetto di asilo e migrazione che dovrà essere adottato. I dettagli del nuovo piano sono scarsi, ma una comunicazione diffusa dalla Commissione ad aprile faceva riferimento a norme UE per 'lammissione e la distribuzione' come parte di un unico sistema comune.
 
Nel frattempo, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha presentato sabato a Varsavia una nuova operazione - Guardiano del Mare - in cui navi da guerra della NATO e, potenzialmente, droni saranno utilizzati per aiutare l'UE nel controllo del flusso migratorio attraverso il Mediterraneo.

Stoltenberg ha dichiarato che sta per essere avviata "una nuova operazione di sicurezza marittima nel Mediterraneo, Operation Sea Guardian che avrà un ampio campo di applicazione, comprensivo della lotta al terrorismo e del rafforzamento delle capacità di intervento. Abbiamo intenzione di lavorare a stretto contatto con l'Operazione Sophia dell'Unione europea nel Mediterraneo centrale". 

Diverse ONG hanno espresso feroci critiche alla gestione europea della crisi di migrazione, con alcune, come Medici Senza Frontiere,che ha boicottato fondi e progetti europei in segno di protesta.
 
Human Rights Watch ha criticato la nuova operazione Nato.
 
"Il coinvolgimento della NATO nel controllo della migrazione segna un cambiamento pericoloso verso la militarizzazione di una crisi umanitaria", ha commentato Judith Sunderland, co-direttore della Divisione di Europa e Asia Centrale di Human Rights Watch, invitando l'UE ad "ampliare percorsi sicuri e legali per l'Europa",
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti