Pagina|12 - Con Milei inizierà il quarto ciclo neoliberista in Argentina degli ultimi 50 anni

Pagina|12 - Con Milei inizierà il quarto ciclo neoliberista in Argentina degli ultimi 50 anni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Alfredo Zaiat - Pagina|12

Con il ripetuto slogan della libertà, il governo di Javier Milei inaugurerà un altro periodo di disarticolazione del tessuto socio-produttivo, una valutazione che nasce dai suoi stessi principi economici, gli stessi di Martínez de Hoz, Menem-Cavallo e Macri. Ognuna di queste esperienze si è conclusa con costi estremamente elevati per la maggioranza della popolazione.

Il percorso economico di quest'anno elettorale è stato all'insegna dell'incertezza e si prevedeva che lo sarebbe stato ancora di più all'indomani del voto, ma con maggiore o minore intensità a seconda del vincitore. Ora questo fattore di instabilità sta assumendo la dimensione dello scenario peggiore.

Chi avrà il controllo della gestione economica nel governo liberale libertario (la rinnovata definizione di neoliberale)? La squadra di Macri che ha fallito nel 2015-2019, guidata da Federico Sturzenegger, o l'eterogeneo gruppo di economisti ultra-ortodossi guidati da Emilio Ocampo e Héctor Rubini. Se quest'ultimo dovesse prevalere, Rubini avrà un ruolo di primo piano.

Questo economista dell'ortodossa Universidad del CEMA ritiene che, in termini generali, l'economia debba tornare a un contesto simile a quello degli anni '90 di deregolamentazione, flessibilizzazione del lavoro e apertura commerciale e finanziaria. Ciò implica, per il settore agricolo, l'eliminazione delle quote di esportazione, la riduzione delle imposte e l'eliminazione delle ritenute alla fonte.

Queste misure comportano un aumento immediato dei prezzi di alimenti e bevande. Il balzo inflazionistico sarà più significativo con la liberalizzazione del mercato dei cambi.

Tutti gli economisti dell'alleanza libertario-macrista sono convinti che un'inflazione ancora più alta di quella attuale sarà il fuoco dell'inferno purificatore di una società abituata alla protezione dello Stato. Una copertura che richiede risorse pubbliche, che significa emettere moneta e che, racchiusa nel quadro teorico del monetarismo estremo, genera uno stato di inflazione permanente e crescente.

Non è un mistero, sulla base delle esperienze proprie e altrui, che i Paesi che applicano un aggiustamento fiscale e monetario molto forte possono ridurre l'inflazione a un costo immenso in termini di attività economica e occupazione. La recessione porta a livelli di depressione e ad un alto tasso di disoccupazione. In questo modo, i lavoratori formali e informali e le imprese nazionali saranno gettati nel fuoco purificatore.

Il presidente eletto lo ha detto, sfoderando un’espressione facciale simile a quella di Joker, nell'intervista con Jaime Bayly: "La casta sono gli imprenditori che, quando vado a fare una conferenza, parlano male di me, i corrotti della Camera delle Costruzioni argentina. Il problema è che dovranno competere con me. Cioè, dovranno guadagnarsi il pane con il sudore della fronte. In altre parole, dovranno servire il prossimo con prodotti di migliore qualità o a prezzi migliori, altrimenti andranno in bancarotta”.

Si prospetta quindi l'inizio di un quarto ciclo di distruzione del tessuto socio-produttivo, con il ben noto risultato di una diminuzione delle industrie e di una costante perdita di posti di lavoro formali di qualità.

Il contenuto e l'esito del processo che inizierà il 10 dicembre non è una speculazione politica o una previsione economica nello stile dei consulenti della city, ma il risultato dell'apprendimento della storia e della definizione stessa data dagli economisti di diversi schieramenti che sono vicini al presidente eletto. Con il ripetuto slogan della libertà, le dichiarazioni di Javier Milei in questi mesi di campagna elettorale hanno permesso di individuare i contorni principali del piano economico:

* Libertà dei prezzi con l'eliminazione dei controlli sui prezzi.

* Libertà di transazioni in valuta estera con l'eliminazione dei controlli sui cambi.

* Libertà di commercio estero.

* Libertà di esportazione ed eliminazione dei divieti e delle tasse sulle esportazioni.

* Libertà di importazione.

* Eliminazione delle tariffe politiche sui servizi pubblici.

* L'eliminazione dei sussidi e delle protezioni eccessive per alcuni settori privilegiati dell'economia che la distorcono.

* La riduzione del deficit di bilancio nazionale e il suo finanziamento non inflazionistico.

* La riduzione e la razionalizzazione della spesa pubblica.

* L'avvio di un programma di privatizzazione delle imprese statali.

Questo stesso piano, punto per punto, fu presentato alla televisione nazionale il 2 aprile 1976 dal ministro dell'Economia della dittatura militare José Alfredo Martínez de Hoz. È lo stesso programma applicato negli anni '90 durante il ‘menemismo’ e ripreso nel 2015-2019 dal governo ‘macrista’.

Il risultato è stato e sarà lo stesso: un'enorme crisi economica con alti costi socio-lavorativi.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti