Parigi. Il deputato Sébastien Nadot mostra lo striscione "La Francia uccide nello Yemen" nell'Assemblea nazionale

Parigi. Il deputato Sébastien Nadot mostra lo striscione "La Francia uccide nello Yemen" nell'Assemblea nazionale

L'ex parlamentare della LREM, Sébastien Nadot, ora indipendente, ha interrotto una sessione dell' Assemblea nazionale brandendo uno striscione che denunciava il ruolo della Francia nella guerra nello Yemen dal momento che Parigi continua a vendere armi ai sauditi.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Ieri, il deputato indipendente dell'Alta Garonna, Sebastien Nadot, non ha esitato a impegnarsi duramente per attirare l'attenzione sul ruolo della Francia nel conflitto in Yemen, accusato di vendere armi all'Arabia Saudita che dal 2015 ha aggredito il paese più povero del mondo arabo e causato la più grave catastrofe umanitaria del secolo. Nel corso di un'interrogazione del governo francese nell'Assemblea nazionale del deputato Meyer Habib, Sébastien Nadot ha mostrato uno striscione su cui era scritto a caratteri cubitali: "La Francia uccide nello Yemen".


 

La protesta è stata immediatamente interrotta da Richard Ferrand, Presidente dell'Assemblea.
 
"Avrò una multa aul mio compenso, ma non è nulla in confronto al futuro dei bambini dello Yemen. È ridicolo rispetto a quello che sta accadendo lì ", ha risposto Sébastien Nadot, contattato da RT France. È stato espulso dal 'La République en marche', LREM, nel dicembre 2018 per aver votato contro la legge di bilancio.
 
"Considerando che la Francia sta violando la posizione comune dell'UE, ho chiesto alla Commissione europea di intraprendere un'azione legale", ha spiegato Nadot.
 
"Perché qui in Parlamento(francese)  la questione sullo Yemen e della vendita di armi all'Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti non è dibattut, dal momento che il governo non ha annunciato alcun cambiamento nella le sue pratiche, considerando che la Francia viola la posizione comune dell'Unione europea, ho chiesto la Commissione europea di avviare un'azione legale [...] ", ha affermato.
 

 
La Commissione europea dovrà rispondere entro quindici giorni sulla ricevibilità di questa azione legale. "La Corte di giustizia dell'Unione europea è lì per far rispettare i testi, ma la Francia non rispetta la posizione comune del 2008. Molte persone criticano l'Unione europea, ma ha anche le sue virtù per far rispettare la legge e la corte è indipendente ", ha spiegato. Il parlamentare francese conta sul fatto che altri paesi, come la Germania, hanno messo sul tavolo della discussione la vendita di armi all'Arabia Saudita che sta polverizzando lo Yemen e vorrebbe che la Francia seguisse questa strada.
 
La maggioranza tenterebbe di soffocare il dibattito sullo Yemen?
 
Il deputato Nadot non è al suo primo tentativo di attirare l'attenzione sulla catastrofica situazione umanitaria nello Yemen e sull'atteggiamento della Francia, che continua a minimizzare il suo coinvolgimento in questa guerra.
 
 
 

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro! di Pasquale Cicalese Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro!

Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro!

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti