Pechino approva la nuova "Legge sulle relazioni estere della Repubblica popolare cinese"

Pechino approva la nuova "Legge sulle relazioni estere della Repubblica popolare cinese"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Diego Angelo Bertozzi

Lo scorso febbraio, a un anno esatto dallo scoppio del conflitto tra Russia e Nato, con l'Ucraina nel ruolo di fornitrice di carne da cannone, avevamo presentato i 12 punti del piano di pace cinese nel quale, in coerenza con l'ormai tradizionale diplomazia della repubblica popolare, veniva ribadito che la sicurezza internazionale non deve essere di natura esclusiva e particolaristica.

Una posizione in concomitanza ufficialmente recepita nel “concept paper” della Global Security Initiative: la sicurezza deve avere natura globale, comune e cooperativa (“L'umanità è una comunità di sicurezza indivisibile. La sicurezza di un paese non dovrebbe andare a scapito di quella degli altri”) e, proprio per questo, vanno evitati atteggiamenti da “guerra fredda” e il ricorso unilaterale al regime sanzionatorio.

In tale cornice che, ripetiamo, non rappresenta certo una novità per chi “frequenta” la diplomazia di Pechino, il Comitato permanente della XIV Assemblea nazionale del popolo ha approvato la nuova Legge sulle relazioni estere della Repubblica popolare cinese, collegandola esplicitamente proprio all'Iniziativa di sicurezza globale, della quale riproduce l'essenza principale, e alla volontà di configurare in senso multipolare l'architettura internazionale: “La Repubblica popolare cinese aderisce al concetto di sicurezza globale comune, cooperativo e sostenibile, rafforza la cooperazione internazionale in materia di sicurezza e migliora i meccanismi di partecipazione alla governance della sicurezza globale”.

Se questa è la cornice, ben comprensibile è pure lo sfondo preoccupante caratterizzato dalle sanzioni imposte da Nato e Unione europea alla Russia in seguito all'attacco militare del febbraio 2022, ultimo atto di una guerra ormai decennale. Si tratta di un precedente da tenere in conto in vista di una possibile crisi nelle acque dello Stretto di Taiwan.

Si legge nell'articolo 33: la Cina  ha “il diritto di adottare contromisure e misure restrittive corrispondenti contro atti che violano il diritto internazionale e le norme fondamentali delle relazioni internazionali e mettono in pericolo la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo della Repubblica popolare cinese”. Subito dopo viene specificato come per Pechino siano legittime e legali solo le sanzioni approvate in rispetto e nei limiti del Capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite. Si tratta di un passo che ha già spaventato diversi commentatori e alimentato preoccupazioni negli investitori stranieri.

Proprio per questo va sottolineato come non si parli di “misure” bensì di “contromisure”, vale a dire di risposte successive a quello che può essere definito come una vera e propria aggressione economico-politica.

Nulla di sorprendente, ma comunque interessante.

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti