Pepe Escobar - Brics, preparatevi alla notizia bomba geoeconomica del 2024

Pepe Escobar - Brics, preparatevi alla notizia bomba geoeconomica del 2024

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 


l'AntiDiplomatico è una testata online regolarmente registrata che subisce la censura su browser e social media per l'azione di una agenzia nordamericana di nome NewsGuard. Se vuoi rimanere tutti i giorni in contatto con il nostro lavoro di informazione clicca qui


---------------------


di Pepe Escobar – Sputnik Globe

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

Benvenuti a The Unit [l'Unità] – un concetto che è già stato discusso dal gruppo di lavoro sui servizi finanziari e gli investimenti istituito dal Business Council [Consiglio d'affari] dei BRICS+ e che ha serie possibilità di diventare una politica ufficiale dei BRICS+ già nel 2025.

Secondo Alexey Subbotin, fondatore di Arkhangelsk Capital Management e uno degli ideatori "dell'Unità", si tratta di un nuovo sistema di risoluzione dei problemi che affronta la questione geoeconomica chiave di questi tempi difficili: una crisi globale di fiducia.

Subbotin ne sa qualcosa di prima mano: è un esperto professionista della finanza con esperienza nel settore dell'investment banking, della gestione patrimoniale e delle imprese, e dirige il progetto dell'Unità sotto l'egida dell'IRIAS, un'organizzazione intergovernativa internazionale istituita nel 1976 in conformità con lo statuto dell'ONU.

La Maggioranza Globale ne ha abbastanza del quadro monetario controllato centralmente messo in atto 80 anni fa a Bretton Woods e dei suoi difetti endemici: deficit cronici che alimentano spese militari irresponsabili; bolle speculative; sanzioni e sanzioni secondarie politicamente motivate; abuso delle infrastrutture di regolamento e di pagamento; protezionismo; mancanza di arbitrati equi.

Al contrario, l'Unità propone una soluzione affidabile, rapida ed economicamente efficiente per i pagamenti transfrontalieri. L'Unità - transazionale - cambia le carte in tavola in quanto nuova forma di valuta internazionale che può essere emessa in modo de-centralizzato e poi riconosciuta e regolamentata a livello nazionale.

L'Unità offre una soluzione unica per le strozzature dell'infrastruttura finanziaria globale: è idonea per le operazioni bancarie tradizionali e per le più recenti forme di banca digitale.

L'Unità può anche contribuire a eliminare i prezzi iniqui nel commercio delle materie prime, attraverso la creazione di una nuova Borsa Mercantile Eurasiatica – equa ed efficiente – in cui le negoziazioni e i regolamenti possano essere effettuati in una nuova valuta che faccia da ponte tra i flussi commerciali e i capitali, aprendo così la strada allo sviluppo di nuovi prodotti finanziari per gli investimenti diretti esteri (IDE).

La forza dell'Unità, concettualmente, è quella di eliminare la dipendenza diretta dalla valuta di altre nazioni, e di offrire soprattutto alla Maggioranza Globale una nuova forma di denaro apolitico – con un enorme potenziale di ancoraggio per il commercio e gli investimenti equi.

Si tratta infatti di un nuovo concetto di moneta internazionale, ancorata all'oro (40%) e alle valute dei BRICS+ (60%). Non è né una criptovaluta né una stablecoin, come viene mostrato qui.

 

La bellezza di andare in frattale

La Maggioranza Globale coglierà immediatamente lo scopo primario dell'Unità: armonizzare i flussi commerciali e finanziari tenendoli al di fuori di pressioni politiche o di "regole" che possono essere stravolte a piacimento. L'inevitabile conseguenza si traduce in sovranità finanziaria. Ciò che conta in tutto questo processo sono le politiche monetarie indipendenti incentrate sulla crescita economica.

Questa è l'attrattiva principale per la Maggioranza Globale: un ecosistema completo che offre infrastrutture monetarie indipendenti e complementari. E che sicuramente può essere esteso ai partner dell'Unità disposti a collaborare con l'Occidente collettivo.

Passiamo ora al livello pratico: come spiega Subbotin, l'ecosistema Unit può essere facilmente scalabile perché nasce da un'architettura frattale supportata da regole semplici. I nuovi nodi dell'Unità possono essere creati da agenti sovrani o privati, seguendo un dettagliato regolamento custodito dall'IRIAS, un organismo dell'ONU.

Gli organizzatori dell'Unità utilizzano un libro mastro distribuito: una tecnologia che garantisce la trasparenza, precludendo i controlli sui capitali o qualsiasi manipolazione dei tassi di cambio.

Ciò significa che la connessione è disponibile a tutti i DEX aperti e alle piattaforme digitali gestite da banche commerciali e centrali di tutto il mondo.

Il risultato finale è che tutti, in sostanza, possono utilizzare l'Unità per la contabilità, la gestione dei libri, la determinazione dei prezzi, il regolamento, il pagamento, il risparmio e l'investimento.

Non c'è da stupirsi che le possibilità istituzionali siano piuttosto allettanti –  l'Unità può essere utilizzata per la contabilità e il regolamento per i BRICS+, per i pagamenti e i prezzi per l'Unione economica eurasiatica (UEE) o come valuta di riserva per l'Africa subsahariana.

E ora arriva il fattore determinante: l'Unità ha già ricevuto l'appoggio del BRICS Business Council ed è all'ordine del giorno della cruciale riunione ministeriale che si terrà in Russia il mese prossimo e che definirà la road map per il vertice del prossimo ottobre a Kazan.

Ciò significa che l'Unità ha tutte le carte in regola per essere discussa come argomento serio dai BRICS+ ed essere adottata già nel 2025.

 

Musk e la NDB saranno a bordo?

Allo stato attuale, la priorità per gli ideatori dell'Unità – che ho seguito per oltre un anno nel corso di numerosi e dettagliati incontri a Mosca – è quella di informare il grande pubblico sul nuovo sistema.

Il team dell'Unità non è affatto interessato a entrare in acque calde dal punto di vista politico o a farsi mettere all'angolo da argomentazioni cariche di ideologia. I riferimenti diretti a concetti ispiratori, ma talvolta controversi, o ad autori come Zoltan Pozsar, potrebbero seppellire il concetto di Unità, limitandone l'impatto potenziale.

Ciò che ci aspetta potrebbe essere straordinariamente eccitante, poiché l' attrattiva dell'Unità potrebbe estendersi da Elon Musk alla Nuova Banca di Sviluppo (NDB) dei BRICS, con la speranza di coinvolgere una serie di attori cruciali. Dopo una valutazione positiva da parte del ministro delle Finanze Anton Siluanov – che rimane in carica nel nuovo governo russo – non è azzardato immaginare che Putin e Xi ne discutano faccia a faccia questa settimana a Pechino.

Allo stato attuale, il risultato principale è che l'Unità dovrebbe essere vista come una soluzione tecnica fattibile per un problema teoricamente irrisolvibile: un sistema di pagamento/commercio riconosciuto a livello globale, immune da pressioni politiche. È l'unico gioco in città – non ce ne sono altri.

Nel frattempo, gli ideatori dell'Unità sono aperti a critiche costruttive e a ogni tipo di collaborazione. Ma prima o poi i ranghi della battaglia saranno schierati – e allora si tratterà di alzare seriamente il tiro.

 

"Accademicamente valido, tecnologicamente innovativo".

Vasily Zhabykin, coautore del libro bianco dell'Unità e fondatore di CFA.Center, partner tecnologico dell'Unità presso lo Skolkovo Innovation Hub di Mosca, sottolinea in modo cruciale che l'Unità "rappresenta denaro apolitico e può essere il connettore tra il Sud Globale e l'Occidente".

Ci tiene a precisare che "l'Unità è in grado di far girare tutte le ruote, a differenza di molti altri concetti che presentano "killer del dollaro", ecc. Non vogliamo danneggiare nessuno. Il nostro obiettivo è migliorare l'efficienza dei flussi di capitale e di denaro attualmente interrotti. L'Unità è piuttosto la "cura per il cancro centralizzato"".

Subbotin e il team dell'Unità "sono desiderosi di incontrare nuovi partner che condividano il nostro approccio e siano pronti a portare valore aggiunto al nostro progetto". In questo caso, dovrebbero "inviarci 3 punti su come possono aiutare e migliorare l'Unità".

Un passo successivo coraggioso dovrebbe essere, ad esempio, una conferenza virtuale sull'Unità, con la partecipazione del principale economista russo Sergey Glazyev, Yannis Varoufakis, Jeffrey Sachs e Michael Hudson, tra gli altri.

Glazyev, membro dell'Accademia delle Scienze russa e Ministro dell'Integrazione e della Macroeconomia dell'Unione Economica Eurasiatica (UEE), ha riassunto via e-mail il potenziale dell'Unità:

"Ho seguito lo sviluppo dell'Unità per più di un anno e posso confermare che l'Unità offre una soluzione molto tempestiva e fattibile. È accademicamente valida, tecnologicamente innovativa e allo stesso tempo complementare all'infrastruttura bancaria esistente.

"Il lancio sotto l'egida di un'istituzione delle Nazioni Unite conferisce all'Unità una legittimità che manca chiaramente all'attuale quadro di Bretton Woods. Le recenti azioni dell'amministrazione statunitense e il forte silenzio del FMI indicano chiaramente la necessità di un cambiamento.

"Un approccio decentralizzato all'emissione di una potenziale valuta commerciale globale, il cui valore intrinseco è ancorato all'oro fisico e alle valute dei BRICS+, rende l'Unità il più promettente tra i vari approcci presi in considerazione. Esso bilancia le priorità politiche di tutti i partecipanti, aiutando al contempo ciascuna economia sovrana a svilupparsi lungo il proprio percorso ottimale.

"La Nuova Banca di Sviluppo (NDB) e i BRICS+ abbracceranno il concetto di Unit e lo aiuteranno a diventare l'apice della nuova infrastruttura finanziaria globale emergente, libera da interferenze politiche maligne e concentrata invece sul commercio equo e sulla crescita economica sostenibile."

Un chiaro esempio pratico della possibile soluzione dei problemi dell'Unità riguarda le relazioni commerciali tra Russia e Iran. Si tratta di due membri di spicco dei BRICS. Il commercio russo con l'Iran non è redditizio a causa delle sanzioni – ed entrambi non possono effettuare pagamenti in dollari o euro.

Le aziende russe subiscono perdite significative dopo il passaggio ai pagamenti in valuta nazionale. Per ogni trasferimento, le imprese russe perdono in media fino al 25% a causa della discrepanza tra il tasso di mercato in Iran e il tasso statale.

Ed ecco il punto chiave: I BRICS+ e la Maggioranza Globale possono essere rafforzati solo sviluppando legami geoeconomici più stretti. L'eliminazione del capitale speculativo occidentale libererà il commercio locale di materie prime e consentirà di mettere in comune il capitale investibile per lo sviluppo sostenibile. Per sbloccare questo vasto potenziale, l'Unità potrebbe essere davvero la chiave.

------------------

l'AntiDiplomatico è una testata online regolarmente registrata che subisce la censura su browser e social media per l'azione di una agenzia nordamericana di nome NewsGuard. Se vuoi rimanere tutti i giorni in contatto con il nostro lavoro di informazione clicca qui

 

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti