Per Cuba le nuove accuse sugli 'attacchi sonici' sono un'operazione di propaganda

Per Cuba le nuove accuse sugli 'attacchi sonici' sono un'operazione di propaganda

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"La sindrome dell'Avana, Andrea, non esiste, non è in nessun registro delle malattie, ed è stata veramente la sindrome di Washington fin dall'inizio", ha dichiarato all'Associated Press il vice direttore generale del Ministero degli Esteri cubano per gli Stati Uniti, Johana Tablada.

Alla domanda sulla posizione di Cuba sul programma prodotto dalla rete CBS, Tablada ha precisato che "la nostra reazione è di preoccupazione, perché non si tratta di un'inchiesta: il programma prodotto dalla rete CBS, una potente rete statunitense, è insostenibile e inspiegabile; e al di là dei tanti aggettivi, la presentazione di testimoni tirati per i capelli, che non c'entrano nulla con la storia che fin dall'inizio era un'operazione, oggi si ripropone non come un'inchiesta giornalistica, ma come un'operazione politica, come una operazione di propaganda".

La diplomatica cubana denuncia la mancata inclusione in questo audiovisivo dell'esistenza di solidi rapporti scientifici, commissionati dal governo di Donald Trump, che lo aveva accantonato per due anni, come il Rapporto Jason, che conclude che i sintomi che potrebbero essere stati reali non possono essere attribuiti a una causa straordinaria, come un attentato, ma sono legati a condizioni naturali, malattie preesistenti o questioni ambientali.

Cita inoltre i risultati delle indagini dell'Accademia delle Scienze di Cuba, di un comitato di esperti cubani, dei due rapporti del National Institute of Health (NIH) statunitense e del governo degli Stati Uniti.

Tablada ricorda le parole del direttore dell'intelligence nazionale statunitense, Avril Haines, che ha confermato che, a seguito di "studi esaustivi da parte di varie agenzie di sicurezza nazionale", non ci sono prove a sostegno o a conferma che i sintomi riportati siano dovuti ad azioni esterne.

"In questo lavoro sono state omesse anche le testimonianze di persone che sarebbero state colpite e che sono state pubblicate dalla stampa in passato, come la lettera scritta da persone che si trovavano all'Avana in quel momento, che chiedevano al Dipartimento di Stato di non portarle via, che non si sentivano attaccate o in pericolo. Anche questo è stato cancellato dalla storia", ha aggiunto.

Quindi si è interrogata sui reali interessi che si celano dietro questa produzione, considerando chi è interessato a riesumare, in un anno elettorale, le false accuse che hanno portato a decine di ulteriori misure coercitive contro Cuba e il cui obiettivo principale è stato, nel 2017, quello di arrestare bruscamente un processo di miglioramento delle relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti.

Alla domanda sul perché Cuba si interessa alla questione, se nella produzione realizzata tra la CBS, il media russo The Insider e la rivista tedesca Der Spiegel adesso viene accusata la Russia, la diplomatica cubana ha risposto che poiché si tratta di "dipingere ancora una volta Cuba come una minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e, anche quando Cuba non è considerata il presunto attore principale, considerano il territorio cubano come il luogo che si presta affinché potenze straniere o paesi stranieri possano compiere atti contro gli Stati Uniti, ed è ben nota la tradizione che Cuba ha di proteggere il personale diplomatico statunitense a L’Avana", ha sottolineato.

"Cuba non accetterà mai che il nostro territorio venga utilizzato per attaccare un altro Stato sovrano, siano essi gli Stati Uniti o chiunque altro", ha sostenuto, aggiungendo che far rivivere ancora una volta questa finzione è dannoso, ci associa ancora una volta alle teorie cospirazioniste di settori che sostengono il blocco economico, finanziario e commerciale contro Cuba.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti