Per von der Leyen ancora "dubbi" su Sputnik V. Lavrov: dall'EMA nessuna "lamentela"

Per von der Leyen ancora "dubbi" su Sputnik V. Lavrov: dall'EMA nessuna "lamentela"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I vaccini contro il Covid-19 dimostrano di essere sempre più un'arma geopolitica.

Oggi, un'altra dimostrazione dall'Unione Europea.

Infatti, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato che l'Agenzia europea per i medicinali (Ema) non dispone di dati sufficienti sulla sicurezza del vaccino russo Sputnik V contro il coronavirus per approvarne l'uso.

In un'intervista alla rete tedesca di newsroom (RND), il capo della Commissione ha ricordato che la richiesta di approvazione è stata presentata all'EMA molto tempo fa. 

Tuttavia, "finora, il produttore non è stato in grado di fornire dati sufficienti e validi per dimostrare la sicurezza" del farmaco, il che "solleva dubbi", ha sottolineato Von der Leyen. 

L'agenzia europea ha avviato il processo di valutazione dello Sputnik V il 4 marzo scorso.

Il direttore del Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF), Kirill Dmitriev, ha sottolineato all'epoca che il fondo ha fornito all'EMA "tutti i dati necessari sul vaccino". Il farmaco russo "ha il potenziale per dare un contributo fondamentale per salvare milioni di vite in Europa", ha ricordato il funzionario, che ha difeso la necessità che la collaborazione nel campo dei vaccini sia "al di sopra della politica".

Lavrov: "Nessuna denuncia dall'Ema"

Da parte sua, il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha assicurato in un'intervista al quotidiano Komsomólskaya Pravda che i rappresentanti dell'Agenzia europea per i medicinali non hanno espresso "lamentele" sul vaccino Sputnik V e sulla sua efficacia. 

Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri ha definito "infondati" gli attacchi occidentali ai vaccini russi, sottolineando il crescente  "grado di retorica aggressiva" da parte di alcuni rappresentanti dell'Ue e dei suoi Stati membri. 

Inoltre, il capo della diplomazia russa ha sottolineato che gli esperti dell'RDIF e del Centro Gamaleya di Mosca "danno rapidamente risposte dettagliate a qualsiasi domanda specifica" sull'antidoto russo, che è già utilizzato in quasi 70 paesi in tutto il mondo, tra i quali otto europei. 

"Siamo convinti che non dovrebbe esserci posto per la politica quando si tratta della salute e della vita delle persone", ha sottolineato Lavrov, sperando che l'Unione Europea ne tenga conto "in tutte le fasi successive dell'esame della richiesta russa" .

Il cancelliere russo ha ricordato anche gli esempi "molto rivelatori" di San Marino - dove l'uso del vaccino russo ha contribuito a ridurre i casi di coronavirus - e dell'Argentina, dove sono già state inviate quasi 11 milioni di dosi, il cui uso diffuso "ha alleggerito la situazione" della popolazione e ha contribuito alla diminuzione del tasso di diffusione della malattia.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti