Peskov: "Ci sono gli Stati Uniti dietro l'attentato al Cremlino"

Peskov: "Ci sono gli Stati Uniti dietro l'attentato al Cremlino"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Ci sono gli Stati Uniti sono dietro l'attacco ucraino alla residenza del Cremlino del presidente russo Vladimir Putin. Lo ha detto il portavoce presidenziale Dmitry Peskov.

"I tentativi di negarlo sia a Kiev che a Washington sono, ovviamente, assolutamente ridicoli. Sappiamo molto bene che le decisioni su tali azioni e su tali attacchi terroristici non vengono prese a Kiev, ma proprio a Washington. E Kiev ha eseguito solamente quello che le è stato detto di fare", ha proseguito.

Peskov ha aggiunto che Mosca sa che spesso è Washington, non Kiev, a fissare gli obiettivi. "Sono gli Stati Uniti che indicano all'esercito ucraino un obiettivo per un attacco, chiedendo che le forze armate ucraine svolgano la missione". Allo stesso tempo, ha sottolineato che gli Stati Uniti hanno anche l'ultima parola quando si tratta di scegliere i mezzi di attacco.

Secondo Peskov, i servizi speciali russi hanno ricevuto dati sul coinvolgimento degli Stati Uniti nell'attacco al Cremlino, ma non sono stati ancora resi noti. Washington dovrebbe capire chiaramente che Mosca ne è consapevole, ha sottolineato.

"E ha capito quanto fosse pericoloso un coinvolgimento così diretto nel conflitto", ha aggiunto il portavoce presidenziale.

Parlando di possibili opzioni di risposta, Peskov non è entrato nei dettagli, osservando che potrebbero essere "molto diverse".

Possiamo solo parlare di passi ponderati e ponderati in linea con gli interessi della Russia, ha aggiunto.

Il portavoce del Cremlino ha parlato anche della reazione di Putin all'attacco. "Il presidente sempre in situazioni così complesse, estreme rimane calmo, raccolto, chiaro nelle sue valutazioni, nei comandi che impartisce, quindi non è successo niente di nuovo in questo senso", ha chiarito. 

Ora al Cremlino c'è una solita atmosfera lavorativa, ha aggiunto il portavoce. Commentando la versione secondo cui i droni sarebbero stati lanciati non in Ucraina ma in un quartiere della capitale, Peskov ha detto di sperare che la verità venga stabilita da un'indagine approfondita e tempestiva da parte dei servizi speciali.

Parlando del possibile impatto dello sciopero al Cremlino sulla celebrazione del Giorno della Vittoria il 9 maggio, il portavoce presidenziale ha detto che non ci saranno cambiamenti. Ha spiegato che si stava preparando una "parata ordinaria" e che sarebbe intervenuto il presidente.

Ma le misure di sicurezza per il Cremlino saranno rafforzate dopo l'attacco, ha aggiunto il portavoce.

"Certo, tutto sarà rinforzato. Così com'è, tutto è già stato rafforzato sia nell'ambito dei preparativi per la parata, sia in generale la residenza del presidente è sorvegliata. E come, in che modo (potrebbe accadere. - Ndr), anche questo è <...> un argomento per un'analisi approfondita da parte dei nostri specialisti, faranno il loro lavoro", ha detto Peskov.

Putin non farà un appello speciale a causa dell'attacco né terrà una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza, ha aggiunto il portavoce.

(Fonte: RIA Novosti) Via il canale Telegram di @LauraRuHK

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti