Prof. Andrea Zhok: "Una volta che l’esperto si è insediato, la democrazia tace. Per definizione l’expertise non è democratico"

Prof. Andrea Zhok: "Una volta che l’esperto si è insediato, la democrazia tace. Per definizione l’expertise non è democratico"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nel suo intervento al Convegno “Rovesciare la Piramide”: contro la restaurazione e il pensiero unico svoltosi a Roma al Teatro Garbatella sabato scorso, il prof. Andrea Zhok ha sottolineato come la gestione del governo Draghi della fase pandemica si innesta in una “gestione neo-liberale” ormai consolidata.

Fino agli anni ’70 – si pensi alla relazione del 1975 dellla Trilateral Commission - la democrazia, prosegue Zhok, “ha una sciagurata tendenza a pericolose forme di populismo, nel fare gli interessi dei più (del popolo addirittura)”.

Il contenimento di questa tendenza che è un problema per le élite economiche è avvenuta con il controllo mediatico, da un lato, e la dissuasione alla partecipazione, dall’altro. Il problema, prosegue il professore, in un sistema formalmente democratico ma con i più che non partecipano è la delegittimazione, che impedisce allo stato neo-liberale che si presenta come democratico di agire con decisione e energia.

Negli ultimi 50 anni è emersa la tendenza a limitare la rappresentanza democratica con strumenti istituzionali, ma “parallelamente e concordemente si è imposta una tecnica governativa, governance, attraverso il ricorso all’emergenza, con l’idea di una minaccia incombente per poter giustificare una verticalizzazione delle decisioni, sottraendoli ai tempi democratici”. Che si tratti di eventi naturali – terremoti, pandemie – politici o geopolitici – terrorismo, crisi finanziarie - il punto di caduta è che l’emergenza incombente, prosegue Zhok, è una leva potentissima per rafforzare qualunque esecutivo e affidare a una minoranza opaca le decisioni che contano. Questo può piegare le norme vigente e le regole della Costituzione.

Questo modello, sottolinea il professore, si è ripresentato oggi puntualmente con la pandemia da Covid-19 ancora in corso, con il medesimo meccanismo automatico di trasferimento del potere: dalla sovranità democratica a esperti come risorsa necessaria per la minaccia. “In questo modo la democrazia scivola verso forme di tecnocrazia. Che i tecnici siano militari di intelligence, economisti di regime o selezionati esperti sanitari è indifferente. Non sono loro a gestire la crisi. Sono scelti in modo opaco per sostituirsi alla sovranità popolare. Una volta che l’esperto si è insediato, la democrazia tace. Per definizione l’expertise non è democratico”.

Vi consigliamo la visione intera dell'intervento che vi riproponiamo di seguito, in particolare le conclusioni politiche "per un populismo positivo".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti