'Putin ha teso una trappola e Trump è caduto dentro'

'Putin ha teso una trappola e Trump è caduto dentro'

La Direttrice della Comunicazione della Casa Bianca, Jen Psaki, ritiene che i russi hanno giocato con il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e lui lo ha permesso.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


In un articolo pubblicato ieri sul sito della CNN, Jen Psaki Direttrice della Comunicazione della Casa Bianca, in merito all'incontro tra Trump e il suo omologo russo Vladimir Putin a margine del vertice del G20 di Amburgo, ha sostenuto che gli USA dovrebbe avere un vantaggio sulla Russia, ma questo non è stato il caso.


 
Inoltre, ha spiegato le ragioni per cui Trump deve prevalere su Putin: le sanzioni anti-russi a seguito della crisi ucraina e la reintegrazione della Crimea, così come il presunto intervento russo nelle ultime elezioni americane.
 
Per quanto riguarda i motivi per i quali l'incontro non è stato come avrebbe dovuto essere, l'ex portavoce del Dipartimento di Stato ha spiegato che "i russi sono abili manipolatori pubblici" con un sacco di esperienza, come il ministro degli esteri russo Serguéi Lavrov.
 
"Le abilità diplomatiche di Putin possono essere minori, ma capisce l'arte della presentazione e come impostare una trappola. E una trappola è esattamente quello che ha appena fatto" ha spiegato nel suo articolo.
 
Allo stesso modo, ha sostenuto che i russi hanno informato il loro omologhi che il loro ordine del giorno durante la riunione Putin-Trump sarebbe stato quello di riparare pubblicamente le relazioni bilaterali, ottenere una migliore comprensione della politica degli Stati Uniti e discutere i problemi comuni sul terrorismo; le autorità russe hanno ottenuto tutto, ha evidenziato Psaki.
 
A suo avviso, le aspettative del Cremlino erano basse e ha chiarito che semplicemente non avrebbe avuto abbastanza tempo per parlare di Ucraina, ma aggiunge che la Casa Bianca non ha avuto alcun ordine del giorno della riunione.
 
In questo senso, si riferisce alle dichiarazioni consigliere presidenziale della sicurezza nazionale degli Stati Uniti, HR McMaster, prima del viaggio del presidente ad Amburgo, il quale ha chiarito che non vi era "alcun ordine del giorno specifico" per l'incontro con Putin, aggiungendo che " in realtà si parlerà di quello che il presidente vuole parlare."
 
La presunta interferenza russa nelle elezioni americane, ha ricordato Psaki che, subito dopo la riunione, il Segretario di Stato, Rex Tillerson ha detto ai giornalisti che Trump ripetutamente ha chiesto al suo omologo russo, se il Cremlino avesse qualcosa a che fare con i risultati delle elezioni, ma Putin ha negato e ha chiesto prove per sostenere l'accusa.
 
 

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...